ELITE/UNDER 23: QUARTUCCI SPUNTO IMPERIOSO NEL 68° TROFEO MATTEOTTI

La vittoria di Lorenzo Quartucci

Al termine di un finale tiratissimo e combattuto con un gruppo di 40 corridori che si è frazionato lungo i saliscendi finali, Lorenzo Quartucci della Petroli Firenze Hopplà Don Camillo ha messo tutti in fila e segnatamente una decina di corridori che nell’ultimo tratto da Tavarnelle Val di Pesa al traguardo è riuscito a guadagnare una quindicina di secondi di vantaggio sul resto del gruppo. Lo spunto di Quartucci è stato imperioso ed il vincitore ha alzato le braccia al cielo per     questa vittoria pesante conquistata in una classica di prestigio come il Trofeo Matteotti giunto alla sua 68^ edizione. Alla gara hanno preso il via 31 formazioni fra le quali le nazionali di Ucraina e Uzbekistan con 175 atleti. E’ stata una corsa combattuta anche se le varie fughe promosse non hanno avuto successo, come quelle promosse da Garibbo e Lucca sui quali sono rientrati poi Peschi, Olivo e Faresin. Hanno provato anche Guzzo, Cantoni, Pierantozzi e nel concitato finale altri allunghi di brevissima durata fino al formarsi di un gruppo di 16 corridori poi ridotto a 11 che in pratica si sono contesi il successo sul traguardo di via Bardazzi. Quartucci guidato dal direttore sportivo Matteo Provini ha avuto la meglio su Bagatin e sul toscano Iacchi. Il via è stato dato dal consigliere regionale Massimiliano Pescini e dal sindaco di Barberino Tavarnelle David Baroncelli. Al traguardo anche Elisabetta Nencini la figlia di Gastone Nencini vincitore del primo Trofeo Matteotti nel 1952. Prima della cerimonia di premiazione in Piazza Brandi ai primi tre classificati, l’Associazione Stelle al Merito del CONI presente il presidente nazionale Francesco Conforti e quello provinciale di Firenze, Giovanni Carniani, hanno voluto premiare il commissario internazionale di ciclismo, la fiorentina Francesca Mannori che a luglio sarà la prima donna nella storia del Tour de France a presiedere il collegio di giuria della Grande Boucle. La corsa è stata organizzata dalla Pol. AICS di Firenze presieduta da Gianni Cantini e dal Comitato Sportivi di Marcialla.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Lorenzo Quartucci (Petroli Firenze Hopplà Don Camillo )Km 150 in 3h37’30”, alla media di Km 41,379; 2)Christian Bagatin (Carnovali Rime Sias); 3)Alessandro Iacchi (Team Qhubeka); 4)Davide Dapporto (InEmiliaRomagna); 5)Filippo Magli (Mastromarco Sensi Nibali); 6)Edoardo Sandrti (CTF); 7)Riccardo Palumbo (Aran Cucine Vejus); 8)Stefano Rizza (Parkpre Racing Team); 9)Stefano Gandin (Team Corratec); 10)Gabriele Porta (Petroli Firenze Hopplà Don Camillo).

Antonio Mannori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UNDER 23: PARISINI VINCE IN VOLATA A CERRETO GUIDI “LA MEDICEA”

Il podio di Cerreto Guidi (Foto Sandro Manzi)

La seconda edizione della gara nazionale per Under 23 “La Medicea” ripercorrendo le vie della famiglia De’ Medici, su di un circuito di 22 km da ripetere sette volte con partenza ed arrivo a Cerreto Guidi, si è risolta in volata con il successo di Nicolò Parisini che ha battuto Busatto e Svrcek due dei suoi 5 compagni di fuga con il gruppo che in pratica è finito a ridosso dei promotori del tentativo a 50 metri dal traguardo. Un finale emozionante in quanto il sestetto di testa sganciatosi sulla salita di San Zio è riuscito a resistere all’incalzare del gruppo dove si è verificata anche una caduta all’ultimo chilometro. Il successo di Parisini dopo un terzo posto (Firenze-Empoli) ed un quarto, è meritatissimo perché premia colui che ha promosso la fuga finale e l’ha sostenuta con molta decisione e determinazione per poi risultare il più forte nello sprint. Secondo è giunto Busatto come a Marina di Carrara sei giorni fa nella gara internazionale, e che fino a 15 metri dalla linea di arrivo sembrava lui il vincitore prima del grande rush di Parisini. In terza ruota il giovane slovacco Svrcek, mentre gli altri tre protagonisti della fuga decisiva sono stati Meris (ottimo quarto), Cretti e Bilyi.

CRONACA: Nel corso del primo giro la fuga di Tornaboni e Nordal con un vantaggio alla fine del secondo giro (Km 44) di 50” sul gruppo. Sulla coppia prima del 60° chilometro rientravano in sei ed erano loro a continuare l’azione in quanto i due promotori della prima fuga di giornata si rialzavano. Il sestetto (Abreha, Ojeda, Motti, Bortoluzzi, Vignato e Bosini) al termine del 4° giro dopo 88 km, avevano 2’20” sul gruppo. Prima della fine del 5° giro mollava Bortoluzzi ed i cinque di testa transitavano a due giri dal termine con 1’15” sul gruppo. Al suono della campana (22 km alla conclusione) 17” il margine del quintetto nei confronti del gruppo condotto dal Team Colpack Ballan che annullava la fuga a 18 km dalla fine prima della salita di San Zio. Su questa asperità prendevano il largo in sei: Meris, Cretti, Bilyi, Parisini, Busatto e Svrcek che guadagnano una ventina di secondi resistendo fino al traguardo alla rincorsa del gruppo.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Nicolò Parisini (Team Qhubeka) Km 154, in 3h43’50”, media Km 41,281; 2)Francesco Busatto (General Store Essegibi F.lli Curia); 3)Martin Svrcek (Biesse-Carrera); 4)Sergio Meris (Team Colpack Ballan); 5)Luca Cretti (Petroli Firenze Hopplà Don Camillo); 6)Francesco Carollo (MG Kvis Colors For Peace); 7)Andrea Biancalani (Beltrami TSA Tre Colli); 8)Tommaso Dati (Maltinti Banca Cambiano;; 9)Stefano Rizza (Parkpre Racing Team); 10)Daniel Skerl (CTF).

ANTONIO MANNORI

LIBRI: UN RACCONTO SU GASTONE NENCINI E IL 40° GIRO D’ITALIA

Elisabetta Nencini durante la presentazione del libro

Ancora un racconto su Gastone Nencini, il grande campione mugellano di ciclismo e la sua impresa nel Giro d’Italia 1957. Lo descrive in maniera precisa e puntuale nel suo libro, Giuseppe Volonnino, rifacendosi a quanto scriveva il compianto collega Attilio Camoriano, penna storica di ciclismo scomparso nel 1974. Il libro dal titolo “Camoriano racconta Nencini e il 40° Giro d’Italia” è stato presentato nella sala stampa della Camera dei deputati d’Italia” e si può considerare un omaggio alla corsa rosa in corso di svolgimento. Una doppia occasione per ricordare l’indimenticabile campione toscano, uno dei 7 corridori italiani ad aver vinto Giro e Tour, gli altri sono Bottecchia, Bartali, Coppi, Gimondi, Pantani e Nibali, e la figura del giornalista genovese Attilio Camoriano. Con l’autore del libro Giuseppe Volonnino, presenti il giornalista Massimo Lagomarsino, la figlia di Gastone Elisabetta Nencini, i parlamentari Luca Pastorino che ha curato l’incontro, Roberto Bagnasco, il senatore Riccardo Nencini, il consigliere delle Regione Liguria Giovanni Boitano e il presidente del Comitato Fci Lazio Maurizio Brilli. Durante la cerimonia, appassionato e commovente come sempre, il racconto di Elisabetta, nel ricordare l’impresa del padre nel 1957, l’entusiasmo della gente, determinante per la vittoria, ed ha messo in risalto la figura di un grande uomo come è stato Gastone Nencini.

Antonio Mannori

 

 

 

PISTA: A SERENA SEMOLI E RICCI I DUE TITOLI TOSCANI JUNIORES

Il presidente del CRT Saverio Metti con la Semoli e Ricci.

Serena Semoli del Team Wilier Chiara Pierobon con il tempo di 40”087 e Filippo Ricci della Fosco Bessi con 1’11”803 hanno conquistato sulla pista del Velodromo Enzo Sacchi nel Parco delle Cascine a Firenze, nella prima gara della stagione 2022, i titoli toscani nelle prove dei 500 metri e del Km contro il tempo. La manifestazione è stata organizzata dalla Polisportiva AICS Firenze, la società presieduta da Gianni Cantini, che da questa stagione gestisce l’attività su pista dell’impianto fiorentino. Oltre alle due gare valide per l’assegnazione dei titoli regionali, si sono svolte gare di “Scratch” per gli juniores e prove Omnium per esordienti e allievi (maschi e femmine). Sono intervenuti alla riunione di apertura della stagione, il presidente del Comitato Regionale Toscana di ciclismo Saverio Metti con il vice Mauro Renzoni, i dirigenti Farulli, Dolfi, Fuochi, il presidente del C.P. di Firenze Leonardo Gigli, per la commissione regionale pista Marco Lapucci e Maurizio Nassi, per quella nazionale Antonio Fanelli. Prossima riunione mercoledì prossimo 18 maggio. Questi i risultati.

KM CONTRO IL TEMPO: 1)Filippo Ricci (Fosco Bessi); 2)Antonio Alberto Cavallaro (Speedy Bike Work Service); 3)Davide Casini (V.C. Empoli); 4)Gaetano Daniel Zanta (Work Service Speedy Bike); 5)Riccardo Lorello (Regia Congressi Seiecom Valdarno.

500 METRI CONTRO IL TEMPO: 1)Serena Semoli (Team Wilier Chiara Pierobon); 2)Ilaria Leardini (Zhiraf Guerciotti); 3)Emma Meucci (idem); 4)Giulia Coppi (Pol. Vallerbike); 5)Caterina Senesi (idem).

SCRATCH JUNIORES: 1)Gaetano Daniel Zanta (Work Service Speedy Bike); 2)Rizzo; 3)Catarzi; 4)Casini; 5)Lorello.

SCRATCH DONNE JUNIOR: 1)Ilaria Leardini (Zhiraf Guierciotti); 2)Meucci; 3)Coppi; 4)Semoli; 5)Senesi.

OMNIUM DONNE ESORDIENTI: 1)Nicoletta Berni (Zhiraf Guerciotti); 2)Masi.

OMNIUM DONNE ALLIEVE: 1)Letizia Tasciotti (S.Miniato-S.Croce); 2)Ferri; 3)Nesti; 4)Formisano; 5)Di Girolamo.

OMNIUM ESORDIENTI: 1)Marco Parigi (Ciclo Appenninico 1907); 2)Cianti; 3)Luci; 4)Menici; 5)Paladini.

OMNIUM ALLIEVI: 1)Francesco Matteoli (Team Valdinievole); 2)Del Medico; 3)Merola; 4)Migheli; 5)Dani.

Antonio Mannori

ELITE/UNDER 23: DOMENICA A MARCIALLA IL TROFEO MATTEOTTI – 174 ISCRITTI

Il podio del Trofeo Matteotti 2021 vinto da Luca Colnaghi

E’ il grande momento dello sport per il comune di Barberino Tavarnelle (FI) come sottolineato dal sindaco David Baroncelli. Alla straordinaria e storica promozione in Serie C della squadra di calcio S.Donato Tavarnelle, si aggiunge il 68° Trofeo Giacomo Matteotti, una classica nazionale di prestigio per i dilettanti élite under 23 in programma domenica prossima 15 maggio a Marcialla. La corsa organizzata dalla Pol. AICS di Firenze e dal Comitato di Marcialla, dopo le restrizioni dello scorso anno causa pandemia, ritroverà il grande pubblico che l’ha sempre accompagnata. Edizione di lusso con la presenza dell’U.C. Monaco, del team inglese Zappi Racing Team, delle più forti squadre nazionali Continental e regionali. Quanto alle toscane al via tutti i team, e sono 21 anni che un atleta toscano verace (l’ultimo fu Domenico Passuello in maglia Maltinti Banca Cambiano il 20 maggio 2001) non taglia per primo il traguardo di Piazza A.Brandi sede di ritrovo, partenza ed arrivo del “Matteotti”. Il percorso non cambia, consolidato dal successo tecnico e agonistico registrato ogni anno. Il via da Marcialla alle 13,30 e 150 i chilometri da percorrere con tre passaggi dal traguardo dopo 22, 60 e 92 chilometri, le salite di Montagnana, S.Donnino, i “Cipressini” da Poggibonsi a Barberino Val d’Elsa, ed infine l’asperità da Sambuca a Bivio Canaglia (traguardo volante in memoria di Gastone Nencini primo vincitore del Trofeo Matteotti nel 1952) a 10 km dall’arrivo previsto poco dopo le ore 17 con l’ultima impennata in salita a 500 metri dal traguardo dove nel 2021 vinse Luca Colnaghi dell’Uc Trevigiani. Gli iscritti sono 174.

Antonio Mannori

 

 

 

 

PISTA: SI APRE DOMANI A FIRENZE LA STAGIONE 2022

La campionessa ialiana dei 500 metri, la livornese Alessia Paccalini

Si alza domani pomeriggio con inizio ore 15,30 sulla pista del Velodromo Enzo Sacchi nel Parco delle Cascine a Firenze, la stagione 2022 con l’assegnazione dei primi quattro titoli regionali per la categoria juniores (uomini e donne. Sono quelli nelle prove del Km e dei 500 metri con la presenza anche di Alessia Paccalini esponente della Pol. Vallerbike, campionessa italiana in carica nei 500 metri e medaglia di bronzo nel mondiale velocità a squadre. Oltre alle prove valide per i titoli toscani, la riunione fiorentina organizzata dalla Polisportiva AICS di Firenze, nuova società che gestisce l’attività su pista a Firenze con la guida del suo presidente Gianni Cantini, prevede gare di “eliminazione e corsa a punti” per esordienti e allievi sia del settore maschile che femminile.

An.Mann.

LUTTO: I FRATELLI PORCIATTI PIANGONO LA MORTE DI MAMMA CARLA

I fratelli Fabio e Vito Porciatti, due ex atleti e personaggi del ciclismo toscano, piangono la morte della mamma Carla Baldini scomparsa all’età di 84 anni. Morto il padre quando erano giovanissimi, la signora Carla ha avuto un ruolo fondamentale nel portare Vito e Fabio nel ciclismo, sostenendo con energia e grande impegno i due figli nella loro attività come atleti e nella vita di tutti i giorni. I funerali di Carla Baldini si svolgeranno domani martedì 10 maggio alle ore 11 a Castellina in Chianti in provincia di Siena. A Fabio e Vito Porciatti, cui ci legano tanti ricordi della loro attività nel ciclismo, ai loro familiari, le espressioni del più vivo cordoglio da parte del movimento ciclistico regionale.

An.Mann.

 

 

 

UNDER 23: ALESSIO MARTINELLI FA SUO IL G.P. INDUSTRIE DEL MARMO

Il podio di Marina di Carrara (Foto R. Fruzzetti

Fuga pienamente riuscita nell’internazionale Gran Premio Industrie del Marmo (33^ edizione) e successo in volata sui due compagni di avventura per il ventunenne Alessio Martinelli a confermare il suo ottimo stato di forma. L’azione decisiva di Martinelli, Busatto e Benz all’ultimo passaggio in salita con un accordo perfetto che consentiva al terzetto di raggiungere il traguardo di Marina di Carrara con 45” di vantaggio sugli inseguitori. La gara che ha visto al via 167 Under 23 si è infiammata prima di metà gara protagonista un gruppo di circa 25 corridori. Sull’ultima salita l’azione decisiva del terzetto con la bella vittoria di Martinelli della Bardiani CSF Faizanè, al terzo successo stagionale dopo la vittoria del GP Alanya e della cronoscalata della Carpathian Race. Un buon biglietto da visita importante a un mese dall’inizio del Giro d’Italia Under23.

“È stata una giornata dura sin dalla seconda salita di giornata con un buon ritmo siamo andati via un buon gruppetto. Dietro non c’era molto accordo – afferma il vincitore – e siamo riusciti a guadagnare un buon vantaggio. Alessandro Pinarello ha fatto un ottimo lavoro tirando per scremare il gruppo. Siamo poi andati via in pianura in 4 e sull’ultima salita ha fatto il forcing l’atleta tedesco. Io ho tenuto le ruote vincendo poi una volata davvero combattuta, ma non importa di quanti cm, conta vincere. Voglio ringraziare i miei compagni che hanno contribuito con il loro aiuto al mio successo”.

ORDINE D’ARRIVO: 1)Alessio Martinelli (Bardiani CSF Faizanè) Km 174,9, in 4h10’, media Km 41,976; 2)Francesco Busatto (General Store-Essegibi-F.Ili Curia); 3)Pirmin Benz (Nazionale Germania); 4)Yaroslav Parashchak (Carnovali-Rime) a 45“; 5)Edoardo Zamperini (Zalf Euromobil Désirée Fior); 6)Lorenzo Balestra (Team Colpack Ballan); 7)Federico Iacomoni (Carnovali-Rime); 8)Valter Ghigino (Petroli Firenze Hopplà Don Camillo); 9)Mattia Guasco (Team Qhubeka); 10)Alessandro Pinarello (Bardiani Csf Faizane’).

 

ELITE/UNDER 23: A CASTIGLION FIORENTINO MORO E DE PRETTO IN PARATA

Il podio di Castiglion Fiorentino (Foto Sandro Manzi)

Show finale della Zalf Euromobil Desirèe Fior sulle strade della provincia di Arezzo nel Trofeo Menci, organizzato dal Team Fortebraccio in collaborazione con l’A.C.Castiglionese ed il Fans Club Daniele Bennati. Sul traguardo di Piazzale Garibaldi sono giunti in parata Manlio oro e Davide De Pretto che nell0ordine hanno tagliato la linea del traguardo, mentre a una decina di secondi Stedman del Team Qhubeka ha conquistato il terzo posto regolando un ristretto plotoncino. Una corsa combattuta e selettiva alla distanza con 154 partenti e che ha fatto registrare l’ennesima splendida prestazione dello squadrone veneto che nel finale è salito in cattedra lanciando in testa alla gara un tandem splendido. La gara aretina era valevole anche per il Memorial Romano Marchesini a ricordare l’appassionato direttore sportivo e dirigente che abitava in questa zona, scomparso qualche settimana fa.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Manlio Moro (Zalf Euromobil Desirèe Fior) Km 154, in 3h43’30”, media km 41,342; 2)Davide De Pretto (id.); 3)Kyle Travis Stedman (Team Qhubeka) a 12”; 4)Lorenzo Quartucci (Hopplà Petroli Firenze Don Camillo); 5)Francesco Di Felice (Gallina Ecotek Lucchini); 6)Martin Nessler (Sissio Team); 7)Filippo Magli (Mastromarco Sensi Nibali); 8)Andrea Colnaghi (Onec Team); 9)Edoardo Zamperini (Zalf Euromobil Désirée Fior); 10’)Raffaele Radice (Team Malmantile-La Seggiola).

Antonio Mannori

 

 

 

 

 

 

 

MODIFICHE E CHIARIMENTI ALLE NORME ATTUATIVE (NTAA) 2022. DONNE JUNIORES E DONNE ALLIEVE

Con il Comunicato n.16 la Struttura Tecnica Federale chiarisce che è vigente anche per la categoria DONNE JUNIORES la disciplina prevista per gli uomini nelle NTAA 2022 e cioè che “..alle competizioni che assegnano titoli individuali nazionali e regionali e nelle manifestazioni riservate alle rappresentative regionali gli atleti, se convocati, partecipano con la rappresentativa della regione di residenza che ha concesso il nulla osta; la discriminante è la residenza dell’atleta indipendentemente dall’anno in cui si è trasferito..”.

Inoltre, con il Comunicato n.18, in attuazione della Delibera del Presidente n.23 del 28/4/2022, la Struttura Tecnica Federale comunica la modifica degli artt. 3.4 e 4.1 delle NTAA che stabiliscono che per i Campionati italiani in linea cat. DONNE ALLIEVE, la partecipazione è libera e le atlete parteciperanno con la propria società di appartenenza.

Entrambi i comunicati sono allegati.

INCONTRI: NORME ATTUATIVE 2023 SE NE PARLA CON LE SOCIETA’

Firenze,7 maggio 2022 – Iniziativa importante ed utile quella promossa dalla Struttura Tecnica Regionale e dal Comitato Regionale Toscana in programma da martedì 10 maggio al 20 dello stesso mese. Si tratta di una serie di incontri con le società di tutte le categorie, dalle quali sarebbe utile che uscissero proposte che devono essere inoltrate al Settore Tecnico Nazionale entro il 23 maggio. Si parlerà infatti di Norme Attuative per la stagione 2023. Le riunioni tutte con inizio alle ore 21 saranno in parte a distanza ed alcune in presenza. A tale riguardo il coordinatore della Struttura Tecnica Regionale, Emilio Farulli, fa sapere che le società saranno informate più dettagliatamente con invio di e-mail. Questo il calendario degli incontri che ci auguriamo siano ricchi di proposte, con una partecipazione numerosa delle società.

MARTEDI’ 10 MAGGIO: Juniores (in presenza).

VENERDI’ 13 MAGGIO: Esordienti e allievi (a distanza).

MARTEDI’ 17 MAGGIO: Elite e Under 23 (in presenza).

VENERDI’ 20 MAGGIO: Società femminili tutte le categorie (a distanza).

Antonio Mannori

 

 

 

JUNIORES: UNA GARA A TAPPE IN TOSCANA – GRAZIE GIRO DELLA VALDERA!

Il presidente della società organizzatrice Claudio De Angeli

Quante volte in questi anni in tanti si sono chiesti perché in Toscana non si svolgeva una gara a tappe dilettanti o juniores. Qualche organizzatore ci ha provato ma senza successo. Il dopo pandemia invece ci riserva l’attesa notizia e la gara juniores ci sarà, per cui diciamo con forza grazie “Giro della Valdera”, grazie alla società “Una Bici X Tutti” di Pontedera, grazie al suo presidente Claudio De Angeli (a proposito rallegramenti vivissimi per essere diventato nonno di uno splendido maschietto, Michele, dato alla luce dalla figlia Valentina). La data del Giro dal 24 al 26 Giugno 2022, con presentazione della manifestazione il 10 Giugno a Casciana Terme (PI) presso la Chalet delle Terme alle ore 18. Conosceremo i percorsi nei dettagli, le maglie del Giro, le squadre al via, gli addetti ai lavori ed i vari partners della manifestazione per la quale sono giunte decine di richieste di partecipazione. Essa sarà riservata a non più di 37-38 squadre composte da 4 atleti ciascuna, con le migliori formazioni italiane provenienti da quasi tutte le Regioni. Tre le tappe definite, tutte in linea, con l’unico rammarico degli organizzatori costretti a rinunciare alla semitappa a cronometro, causa una repentina ed inattesa marcia indietro di una Amministrazione Comunale. Percorsi non eccessivamente impegnativi anche se i continui saliscendi delle dolci colline della Valdera alla fine dei tre giorni si faranno sentire. La prima frazione, venerdì 24 Giugno con partenza e arrivo a Capannoli, il giorno successivo, sabato 25 la tappa più impegnativa da Casciana Terme a Chianni, domenica 26 la conclusione con partenza della tappa da La Rosa di Terricciola ed arrivo a Terricciola con finale in salita. Cinque saranno le maglie che vestiranno i vari leader delle classifiche, la maglia della classifica generale REGIONE TOSCANA, la maglia a punti ECOFOR SERVICE, la maglia dei traguardi volanti MAGAZZINI MANGINI e la maglia dei giovani (riservata agli atleti di 17 anni) VESTA CORPORATION. Da definire le maglie per il GPM ed il primo tra gli affiliati della Toscana. Non mancano poi una serie di sponsor che con il loro contributo rendono possibile un evento assai dispendioso sotto il profilo economico e di risorse umane (vi lavoreranno circa 100 persone al giorno tra organizzatori ed addetti ai lavori). Sette sono i Comuni della Valdera che saranno interessati dalle varie tappe ed un ringraziamento particolare va speso per i Comuni che hanno creduto nel progetto e che sono stati coinvolti come sedi di tappa ed è proprio grazie ai loro Sindaci che la manifestazione ha preso corpo nei mesi scorsi. Sono i comuni di Capannoli, Casciana Terme, Chianni e Terricciola. Di contro, alcuni comuni che vanno per la maggiore non hanno creduto nel progetto. La Valdera è zona prettamente turistica ricca di borghi storici di rara bellezza e la manifestazione valorizzerà tutto ciò portando il ciclismo nel cuore di questi luoghi facendoli scoprire al pubblico, che sicuramente arriverà da tutta Italia al seguito degli atleti, senza poi trascurare anche il ritorno economico che esprime l’evento soprattutto con l’impatto della ricettività alberghiera e della ristorazione (circa 200 persone soggiorneranno quotidianamente nella zona). Importante la partnership della Regione Toscana che ha abbracciato in toto il progetto a cominciare dal Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e dal Presidente del Consiglio Regionale Antonio Mazzeo.

Antonio Mannori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PISTA: CASTELFIORENTINO E IL VELODROMO – IL SINDACO C’E’ RIMASTO MALE

Il Paraboloide nella zona industriale di Castelfiorentino

Il sindaco di Castelfiorentino Alessio Falorni

C’era la volontà di realizzarlo, c’erano il progetto ed i soldi (7 milioni e mezzo messi a disposizione dal comune, in parte destinati alla realizzazione di otto alloggi popolari oltre all’apporto della Regione Toscana per far partire l’opera) ma tutto è svanito.  Per la costruzione di un velodromo coperto a Castelfiorentino si dovranno attendere altri momenti e soprattutto la possibilità di avere i soldi a disposizione. Quelli previsti per il progetto nella cittadina della Valdelsa saranno spesi per altre opere e strutture, dopo la decisione della Federciclismo a favore dell’impianto di Montichiari. L’idea del comune di Castelfiorentino e del sindaco Alessio Falorni era quella di riqualificare l’area dell’ex-Montecatini, con il progetto di realizzare un velodromo all’interno dell’edificio principale, il Paraboloide, di cui la Sovrintendenza ha vietato la demolizione per la sua rilevanza architettonica, dando invece dato nel contempo il proprio consenso alla costruzione del velodromo coperto, per il quale c’erano a disposizione ampi fondi stanziati dall’Unione Europea, e l’appoggio e collaborazione della Regione Toscana, disponibile a contribuire anche economicamente alla struttura. Solide basi insomma e progetto concreto per un impianto coperto nel centro Italia, ed invece………… il sindaco ci è rimasto male.

“Ritenevo che fosse un’opportunità straordinaria, un progetto giusto per realizzare un polo sportivo di eccellenza per il ciclismo, un impianto sportivo polivalente da sfruttare tutto l’anno. Ed anche dalla stessa Federazione Ciclistica Italiana e dal suo presidente Cordiano Dagnoni, erano arrivati segnali positivi ha quanto prospettato”.

– Ed invece la doccia fredda e lei è amareggiato.

“Non conosco i motivi della decisione presa. Ci sono rimasto male, non lo nego, e mi dispiace per l’occasione persa, soprattutto per gli appassionati del ciclismo che anche in questa zona sono tanti”.

– Ci sarà magari un’altra occasione in futuro.

“Me lo auguro, ma occorrerà ripartire da zero per i finanziamenti, ed avere i soldi disponibili non è facile, chissà se ricapiterà l’occasione”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA CERIMONIA: OGGI L’ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI GINO BARTALI

Gino Bartali

Ponte a Ema (FI) – Come avviene ogni anno dal 2000 quando morì, il 5 maggio viene celebrato l’anniversario della scomparsa di Gino Bartali, il grande campione fiorentino di ciclismo. Anche oggi giovedì si ripete la cerimonia su iniziativa dell’Associazione Amici del Museo del Ciclismo Gino Bartali di Ponte a Ema presieduta da Maurizio Bresci. Con inizio alle 10,30 presso la parrocchia di S.Pietro a Ema in via Chiantigiana 109, il parroco Don Felix Nervaise celebrerà una Santa Messa in suffragio di Gino Bartali, al termine della quale ci sarà la visita presso il vicino cimitero dove “Ginettaccio” riposa da 22 anni, con la deposizione di un mazzo di fiori sulla sua tomba.

La stessa Associazione Amici del Museo sta organizzando altri eventi previsti più avanti nel corso del 2022 per ricordare Bartali e tra questi lo spettacolo di Ubaldo Pantani, portato in teatro dallo stesso autore nel 2017 che racconta Bartali ne “Il Campione e l’Eroe”, spettacolo previsto il 18 luglio giorno del compleanno del campione. Una storia per ricordare le gesta eroiche di Bartali durante la seconda guerra mondiale, e per il quale il campione fu nominato nel 2013 “Giusto tra le Nazioni”.

ANTONIO MANNORI

JUNIORES: MOREA DA SOLO SUL TRAGUARDO DEL G.P. CITTA’ DI CORTONA

Il podio juniores a Mercatale di Cortona

Valida anche come Campionato della Provincia di Arezzo si è svolta a Mercatale di Cortona, la XXI edizione del GP Città di Cortona- Trofeo Val di Pierle organizzata dal G.S. Val di Pierle -Ciclo Amici. Un’edizione che ha voluto ricordare due personaggi, Elio Alunni, storico presidente della società e Ivo Faltoni, uno degli ideatori della gara venuto a mancare due anni fa. Ha vinto per distacco Salvatore Umberto Morea del Team Franco Ballerini con un ottimo finale di gara al termine della quale si è presentato da solo al traguardo con 14” di vantaggio sugli inseguitori. Ai posti d’onore Scappini e Di Felice, mentre il titolo provinciale juniores aretino è andato a Gabrio Salomone della Regia Congressi Seiecom Valdarno giunto in sesta posizione. Al via della corsa 121 corridori dei quali 51 sono giunti al traguardo.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Salvatore Umberto Morea (Team Franco Ballerini) Km 110, in 2h44’28”, media Km 40,130; 2)Samuele Scappini (Team Fortebraccio) a 14”; 3)Mattia Di Felice (Seanese Beltrami TSA Gavazzi); 4)Tommaso Bambagioni (Team Franco Ballerini); 5)Alberto Lucidi (Team Bike Terenzi); 6)Salomone; 7)Perselli; 8)Paletti; 9)Tabares Alzate; 10)Friggi.

Antonio Mannori