JUNIORES – 69° TROFEO FESTA PATRONALE CASTIGLION FIBOCCHI

PICCOLO RULLO COMPRESSORE A CASTIGLION FIBOCCHI

CASTIGLION FIBOCCHI(AR).- Non abbiamo ricordi precedenti almeno nelle gare svoltesi in Italia, di un distacco così pesante inflitto dal vincitore di una gara juniores al secondo classificato. E’ successo nel 69° Trofeo Festa Patronale-Trofeo Fosco Frasconi, ultima gara della stagione in Toscana, organizzato dal G.S. Fausto Coppi di Laterina a Castiglion Fibocchi. Il meraviglioso vincitore della gara, Andrea Piccolo, Campione Europeo e Italiano a cronometro si è presentato da solo sul traguardo dopo tanti chilometri di fuga. Per attendere il secondo classificato, anch’egli del Team LVF anche se affiliato nelle Marche, il campione italiano in linea Gianmarco Garofoli si è dovuto attendere ben 7 minuti e 35 secondi. Gara dominata in lungo e largo da Piccolo alla sua tredicesima vittoria stagionale.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Andrea Piccolo (Team LVF) Km 113,400, in 2h40’26”, media Km 42,410; 2)Gianmarco Garofoli (Team LVF Marche) a 7’35”; 3)David Sebastin Kajamini (Angelo Gomme Villadose); 4)Emanuele Boselli (idem); 5)Alessandro Verre (CPS Professionale Team); 6)Giosuè Crescioli (Pitti Shoes Cicli Taddei); 7)Matteo Regnanti (Stabbia Ciclismo); 8)Lorenzo Peschi (Big Hunter Beltrami TSA Seanese) a 7’53”; 9)Alessio Nieri (idem) a 8’24”; 10)Alessandro Cuccagna (Tam Fortebraccio) a 9’42”: Iscritti 70, partenti 46 arrivati 15.

                               

ALLIEVI – MEMORIAL PIERO FORCONI

GRANDE FINALE DI SAVINO PRIMO A MERCATALE VAL DI PESA

MERCATALE VAL DI PESA(FI).- La terza edizione del Memorial Piero Forconi con 99 corridori al via, compreso il campione italiano su pista e vincitore di nove gare su strada Lorenzo Ursella, quello toscano della crono della montagna Riccardo Djordjevic e l’atleta di casa Mattia Piccini, tutte premiati dagli organizzatori in POiazza Vittorio veneto prima del via, ha concluso a Mercatale Val di Pesa, la stagione allievi in Toscana. A vincere l’ultima gara del 2019 il forte quindicenne pisano Federico Savino della Coltano Grube, autore di un finale di gara esaltante lungo la salita di Luiano in compagnia di Sergiampietri e Djordjevic. I tre piombavano sul quintetto al comando all’ultimo chilometro, e in volata era l’atleta di Migliarino Pisano al quinto successo stagionale ad imporsi. Una splendida gara, e un vincitore brillante, per la soddisfazione degli “Amici di Piero”, di Leonardo e Lorella Forconi, della Casa del Popolo di Mercatale, quartier generale della gara.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Federico Savino (Coltano Grube) Km 72, in 1h51’26”, media Km 38,768; 2)Matteo Baldacci (Iperfinish Alpa); 3)Edoardo Buriani (Team Fortebraccio); 4)Lorenzo Boschi (Pol. Milleluci); 5)Andrea Sergiampietri (Team Stradella); 6)Riccardo Djordjevic (Aquila); 7)Riccardo Ricci (Team Fortebraccio; 8)Andrea Bettarello (Borgo Molino Rinascita Ormelle); 9)Vincenzo Russo (Pol. Milleluci) a 4”; 10)Francesco Martorana (Club Ciclo Appenninico 1907).

ANTONIO MANNORI

       

CAMPIONATI DEL MONDO JUNIORES A CRONOMETRO – ANTONIO TIBERI IRIDATO

Antonio Tiberi conquista il Titolo Mondiale nella prova a Cronometro Juniores. Ai Campionati del Mondo su Strada nello Yorkshire in Gran Bretagna ha conquistato il Titolo Mondiale nella Prova a Cronometro Categoria Juniores con 7” sull’olandese Leijnse e 12” sul tedesco Brenner.

Partenza sfortunata. Subito dopo il via Antonio ha dovuto cambiare la bicicletta per un problema meccanico perdendo secondi preziosi. Ha però mantenuto la calma e la concentrazione che gli ha permesso di recuperare e vincere.

Antonio Tiberi è nato in un piccolo paese alle porte di Roma ma è venuto a correre presto in Toscana dove è cresciuto prima nell’Olimpia Valdarnese poi nel Team Ballerini.

 

 

JUNIORES – TROFEO COMUNE DI CASTELFIORENTINO

KAJAMINI VINCE A CASTELFIORENTINO SU VERRE E ROSIGNOLI

CASTELFIORENTINO- Tre grandi protragonisti della corsa si sono contesi il successo sul traguardo di via Masini nella quinta edizione del Trofeo Comune di Castelfiorentino-Coppa Banca di Cambiano. Ha vinto David Sebastian Kajamini della Angelo Gomme Villadose che ha avuto la meglio nei confronti del bravissimo lucano Verre (martedì scorso a Rignano sull’Arno aveva vinto l’undicesima gara del 2019) e del compagno di squadra Rosignoli. I tre hanno dato vita infatti a una bella fuga sulla salita di Castelnuovo Elsa asperità posta dagli organizzatori al centro del circuito di 23 chilometri da ripetere cinque volte. Due atleti della stessa squadra, Kajamini e Rosignoli e l’ottimo Verre hanno avuto ragione di ogni avversario e vano è risultato nel finale l’inseguimento inscenato alle spalle dal livornese Butteroni, dal veneto Alessio e da Crescioli, giunti a un minuto e venti di ritardo. Il via alla gara (121 partenti) è stato dato dall’ex campione di ciclismo Franco Bitossi.

ORDINE DI ARRIVO: 1)David Sebastian Kajamini (Angelo Gomme Villadose) Km 115, in 2h58’, media Km 38,764; 2)Alessandro Verre (CPS Professional Team); 3)Giacomo Rosignoli (Angelo Gomme Villadose) a 9”; 4)Gregorio Butteroni (Team Franco Ballerini Due C) a 1’20”; 5)Elia Alessio (Uc Giorgione); 6)Giosuè Crescioli (POitti Shoes Taddei); 7)Davide Pinardi (Italia Nuova) a 1’32”; 8)Matteo Regnanti (Stabbia Dover); 9)Alessio Nieri (Big Hunter Beltrami Seanese); 10)Tommaso Dati (Stabbia Dover).

ANTONIO MANNORI

JUNIORES – 21° TROFEO COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO RIGNANO

ANCORA UN ACUTO DI VERRE – UNDICESIMA VITTORIA A RIGNANO

RIGNANO SULL’ARNO(FI).- Un’altra splendida prodezza da parte di Alessandro Verre, il diciottenne juniores lucano del CPS Professional Team, sulle strade della Toscana non distante da Donnini di Reggello dove si era affermato una quindicina di giorni fa. Per Verre la vittoria n.11 di un’esaltante annata, a seguito della quale i suoi dirigenti, tifosi e sportivi, e naturalmente anche Alessandro, speravano in una convocazione per il mondiale che non c’è stata. La vittoria di Verre a Rignano sull’Arno nel XXI° Trofeo Commercio Industria Artigianato, una bella gara che ogni anno di questi tempi riesce sempre ad avere un notevole numero di corridori, questa volta 136 al via di ben 189 iscritti. Il successo di Verre con un attacco sul terreno preferito, la salita, quella dura e impegnativa del Bombone-Le Corti. Il vantaggio raggiunto è stato poi difeso in maniera splendida da Verre nei rimanenti chilometri e sul traguardo di Rignano ha potuto contare ancora su 8” rispetto al gruppo inseguitore regolato per il secondo posto da Crescioli su Balestra.  Se questo è stato in sintesi il finale della gara organizzata dalla Cipriani&Gestri di San Giusto di Prato e dal Comitato locale capitanato dall’appassionato Davide Bettini (ultima prova del Memorial Ademaro Campaioli) da ricordare una lunga fuga protagonisti durante i 10 giri ondulati della corsa, Cao, Galli, Cattelan raggiunti prima dell’inizio della salita dal gruppo sul quale hanno avuto un vantaggio massimo di 1’15”. Prima della partenza anche una premiazione speciale per il presidente di giuria il pisano di Fauglia Giovanni Guidi, alla sua ultima stagione avendo raggiunto il limite di età previsto per svolgere servizi. Una premio meritato accompagnato dagli applausi degli sportivi presenti alla manifestazione patrocinata dal Comune di Rignano sull’Arno.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Alessandro Verre (CPS Professional Team) Km 105, in 2h22’47”, media Km 44,123; 2)Giosuè Crescioli (Pitti Shoes Cicli Taddei) a 8”; 3)Lorenzo Balestra (Team Giorgi); 4)Davide De Pretto (Borgo Molino Rinascita Ormelle); 5)Federico Chiari (Team Giorgi); 6)Enrico Baglioni (Stabbia Ciclismo); 7)Matteo Freddi (Aspiratori Otelli); 8)Lorenzo Peschi (Big Hunter Seanese Beltrami); 9)Pietro Salvadori (Team Giorgi); 10)David Sebastian Kajamini (Angelo Gomme Villadose).

ANTONIO MANNORI

UNDER 23 – 50° RUOTA D’ORO 88° GRAN PREMIO FESTA DEL PERDONO

AL FRIULANO VENCHIARUTTI ALLO SPRINT LA 50° RUOTA D’ORO

TERRANUOVA BRACCIOLINI(AR).- Insolita conclusione per l’edizione del cinquantenario della “Ruota D’Oro”-88° Gran Premio Festa del Perdono. Nella storia della corsa erano anni che non si verificava un arrivo a ranghi compatti di un gruppo di circa 40 corridori. Il lungo chilometraggio e le salite presenti non sono state sufficienti a fare selezione anche perché la media è stata di poco inferiore ai 45 orari e quando si viaggia così forte diventa un problema imbastire qualche azione. La volata sul Viale Europa letteralmente gremito di sportivi come sempre del resto, ha visto sfrecciare per primo il ventunenne friulano Nicola Venchiarutti del CTF (Cycling Team Friuli) davanti a Zambelli e Di Felice, altri due fior di velocisti sorpresi dalla progressione straordinaria di Venchiarutti ai 200 metri finali. Per il vincitore terzo successo stagionale dopo una tappa al Giro d’Italia Under 23 e la Popolarissima a Treviso, e con un contratto già firmato per il debutto nei professionisti con la stagione 2020 nelle fine dell’Androni Giocattoli Sidermec. Sono stati 167 di 32 squadre gli atleti presenti alla corsa valdarnese organizzata tecnicamente dalla Futura Team di Franco Chioccioli con la collaborazione della locale Pro Loco presieduta da Rossano Carsughi, del Comitato Perdono e di quello Organizzatore capitanati da Mauro Bronzi ed Ercole Mealli. Al momento della partenza tanti gli ospiti. Il sindaco di Terranuova Bracciolini Sergio Chienni, la presidente della Provincia di Arezzo e sindaca di Montevarchi Silvia Chiassai, Marcello Nicchi presidente dell’AIA, Giacomo Bacci presidente del Comitato Regionale Toscana di ciclismo, Franco Bitossi, Rinaldo Nocentini, Piero Spinelli premiato assieme a tanti altri ospiti per aver vinto 50 anni fa questa corsa. La gara ha vissuto su una fuga di 27 atleti nata dopo 10 Km, che ha animato le fasi iniziali e centrali di una gara velocissima, con il gruppo che ha concesso un vantaggio massimo di 3’15” dopo 45 chilometri. Sotto la spinta del Team Colpack e della General Store Essegibi il plotone riusciva a neutralizzare la fuga attorno al 130° chilometro con Bellia vincitore della classifica finale del gran premio della montagna a Cima Berna. A meno di 30 chilometri dall’arrivo attaccava in solitaria il vincitore della passata edizione Samuele Zoccarato (IAM Excelsior) che transitava al suono della campana a 21 Km dalla conclusione, con 30 secondi di vantaggio sul secondo e 45″ sul gruppo. Nel corso dell’ultimo giro il gruppo forte di circa 40 unità tornava compatto, annullando tutti i tentativi di fuga messi in atto da Zambelli, Rubio, Buitrago, Rastelli, Pegoraro. Una volata dunque decideva il vincitore della 50^ Ruota d’Oro – 88° Gran Premio Festa del Perdono e la progressione di Venchiarutti era irresistibile.

ORDINE DI ARRIVO: 1) Nicola Venchiarutti (Cycling Team Friuli) Km 167,7, in 3h45’59”, media Km 44,525; 2)Samuele Zambelli (Iseo Rime Carnovali); 3)Francesco Di Felice (General Store Essegibi); 4)Antony Jullien (Chambery Cyclisme); 5)Luca Mozzato (Dimension Data For Qhubeka); 6)Natnael Tesfazion (idem); 7)Andrea Colnaghi (Named Rocket); 8)Pasquale Abenante (Zalf Euromobil Desirèe Fior); 9)Martin Marcellusi (Velo Racing Palazzago); 10)Luca Rastrelli (Gallina Colosio Eurofeed)

                                    ANTONIO MANNORI

ESORDIENTI – G.P. CITTA’ DI MONSUMMANO

PETRI E IL TRICOLORE CAPRA NEL G.P.CITTA’ DI MONSUMMANO

MONSUMMANO TERME.- Il toscano Damiano Petri ed il trentino Thomas Capra, campione italiano e vincitore di 22 gare in questa stagione, si sono imposti nel G.P. Città di Monsummano Terme, una delle gare più belle e prestigiose della categoria esordienti, che ha concluso la stagione 2019 in Toscana. Andamento simile per le due corse con gruppo compatto fino alla salita di Vico. Qui nel 1° anno il tricolore Cazzarò ha sferrato l’attacco cui hanno risposto in cinque con poderosa volata finale di Petri mentre Cazzarò aveva un problema meccanico. Nell’altra gara l’allungo sempre in salita di Capra e puntuale replica di Cipollini e Stella. Ai tre si aggiungevano nel finale numerosi atleti, e nella volata su Piazza Giusti era il campione italiano Capra ad imporsi cogliendo il bis consecutivo in questa classica toscana così come avevano fatto nella storia della corsa Oss, Pinazzo e Della Lunga. Al via 71 e 92 corridori e splendida organizzazione del V.C. Monsummanese 1992.

ORDINE DI ARRIVO (1° anno): 1)Damiano Petri (Fosco Bessi) Km 38, in 1h09”, media Km 33,304; 2)Elia Andreaus (V.C. Borgo); 3)Federico Cozzani (Tarros); 4)Lapo Cardelli (Via Nova); 5)Davide Bufalini (Rosignano Donoratico); 6)Cazzarò; 7)Anguillesi a 25”; 8)Dani; 8)Tarantello; 10)Merola.

ORDINE DI ARRIVO (2° anno): 1)Thomas Capra (V.C. Borgo) Km 48, in 1’15’, media Km 36,923; 2)Elia Basile (Multicar); 3)Edoardo Cipollini (Montecarlo); 4)Tommaso Pini (Via Nova); 5)Giacomo Belloni (Stradella); 6)Stella; 7)Poli; 8)Del Frate; 9)Nicolini; 10)Di Prima.

ANTONIO MANNORI

FIRENZE – FIESOLE A CR. – CAMPIONATO TOSCANO DELLA MONTAGNA

TRE ORE DI EMOZIONI E SPETTACOLO NELLA FIRENZE-FIESOLE.

Tiberi, Stojnic, Djordjevic (i tre campioni toscani) più Buitrago, Scappini, Sambinello, i sei protagonisti

FIESOLE.- Il diciottenne azzurro juniores Antonio Tiberi del Team Franco Ballerini Due C  è stata la stella dell’ottava edizione della cronoscalata in notturna Firenze-Fiesole, organizzata abilmente e con bravura dalla Fosco Bessi di Calenzano e dalla società Fiesole Cycling Collectile. Tre ore di spettacolo e di emozioni sul filo dei secondi ed in qualche caso dei centesimi, lungo i 4 Km e mezzo della gara, con la presenza di ben 105 concorrenti di quattro categorie diverse, esordienti, allievi, juniores e under 23, con i titoli toscani in palio per quest’ultime tre categorie. Tiberi infatti con 8’39” ha fatto segnare il miglior tempo in assoluto cogliendo così la nona vittoria stagionale e il terzo titolo regionale, quello della montagna dopo i due precedenti ottenuti nella crono di Baccaiano e quello in linea. La gara era valevole per il Memorial Gastone Nencini e per il Memorial Guido Boni, assegnato al migliore juniores del 1° anno Samuele Gimignani. Negli Under 23 in palio il Memorial Franco Ballerini, ha vinto la gara il colombiano Santiago Sanchez Buitrago del Team Cinelli per 1” sul serbo Veljko Stojnic del Team Franco Ballerini che ha conquistato il titolo toscano dopo un’avvincente duello per il successo. Brillante la prestazione nel Memorial Alfredo Martini del fiorentino Riccardo Djordjevic (Aquila) (abita a 500 metri da dove era posizionata la pedana di partenza) che si è imposto conquistando il titolo negli allievi su Crescioli e Savino, con la conquista da parte di quest’ultimo del Memorial Carlo Chiappi quale miglior allievo del 1° anno. Negli esordienti con in palio il Trofeo Città di Fiesole, successo in assoluto, settimo stagionale per Samuele Scappini (Nestor Marsciano) mentre il migliore del primo anno è risultato Enea Sambinello della Fausto Coppi. Numerosi gli sportivi presenti in una bella serata con conclusione nella magnifica Piazza Mino a Fiesole dove presso il Comune si è tenuta la cerimonia finale di premiazione.

UNDER 23: 1)Santiago Sanche Buitrago (Team Cinelli) Km 4,500 in 8’40”, media Km 31,200; 2)Veljko Stojnic (Team Franco Ballerini) a 1” – Campione Toscano -; 3)Rossano Mauti (Futura Team Rosini) a 14”; 4)Gabriele Ninci (Mastromarco Sensi Nibali) a 14”; 5)Gabriele Porta (Gallina Colosio Eurofeed) a 15”; 6)Longo a 22”; 7)Camargo a 24”; 8)Mugnaini a 25”; 9)Ferri a 26; 10)La Terra a 26”.

JUNIORES: 1)Antonio Tiberi (Team Franco Ballerini Due C) Km 4,500, in 8’39”, media Km 31,203 – Campione Toscano -; 2)Alessio Nieri (Big Hunter Beltrami Seanese) a 31”; 3)Andrea Gallo (Italia Nuova Borgo Panigale) a 33”; 4)Samuele Gimignani (Work Service Romagnano) a 34”; 5)Giosuè Crescioli (Pitti Shoes Taddei) a 36”; 6)Ciafardini a 40”; 7)Galli a 42”; 8)Bernacchioni a 47”; 9)Colacione a 48”; 10)Dapporto a 50”.

ALLIEVI: 1)Riccardo Djordjevic (Aquila) Km 4,500, in 9’17”, media Km 30,321 – Campione Toscano -; 2)Ludovico Crescioli (Empolese Lupi) a 10”; 3)Federico Savino (Coltano Grube) a 20”; 4)Lorenzo Giordani (Pol. Milleluci) a 24”; 5)Lorenzo Boschi (idem) a 34”; 6)Garuffi a 35”; 7)Militello a 46”; 8)Piccini a 46”; 9)Molisso a 47”; 10)Cervelloni a 48”.

ESORDIENTI (2° anno): 1)Samuele Scappini (Nestor Marsciano) Km 4,500 in 10’33”, media Km 28,876; 2)Thomas Del Frate (Team Valdinievole) a 14”; 3)Pietro Pieralli (Fosco Bessi) a 14”; 4)Riccardo Lorello (idem) a 22”; 5)Samuel Bertolli (Velo Club Empoli) a 30”; 6)Basile a 44”; 7)Poli a 56”; 8)Di Venezia a 59”; 9)Creatini a 1’; 10)Cavallaro a 1’04”.

ESORDIENTI (1° anno): 1)Enea Sambinello (Fausto Coppi) Km 4,500, in 10’58, media Km 28,121; 2)Damiano Petri (Fosco Bessi) a 15”; 3)Fabio Del Medico (Borgonuovo) a 19”; 4)Davide Bufalini (Rosignano-Donoratico) a 31”; 5)Enrico Cacchio (Fausto Coppi) a 42”; 6)Merola a 50”; 7)Gabrielli a 51”; 8)Cardinali a 1’01”; 9)Anguillesi a 1’05”; 10)Ranise a 1’41”.

ANTONIO MANNORI

ALLIEVI – COPPA DELLA LIBERAZIONE E G.P. CHIANTI MONTESPERTOLI

BORGOSAN LORENZO (FI)
74° COPPA DELLA LIBERAZIONE di Km. 82 alla media di 38,130 Km/h

L’emiliano Federico Biagini vince la 74° Coppa della Liberazione a Borgo San Lorenzo davanti a Ludovico Crescioli

1° BIAGINI FEDERICO   (A.S.D. COOPERATORI)

2° CRESCIOLI LUDOVICO  (UC EMPOLESE)

3° GRIGGION SIMONE  (LA TERMOPIAVE VALCAVASIA JUNIOR TEAM)

 

MONTESPERTOLI (FI)
5° GRAN PREMIO CHIANTI MONTESPERTOLI di Km. 70,200 alla media di 39,655 Km/h

Lorenzo Giordani (Milleluci Ciclismo) conquista il successo nel 5°Gran Premio di Montespertoli

1° GIORDANI LORENZO   (POL. MILLELUCI CICLISMO)

2° RICCI RICCARDO     (TEAM FORTEBRACCIO)

3° CONFORTI LORENZO   (G.S.IPERFINISH ASD)

JUNIORES – 50° TROFEO BUFFONI

IL TRICOLORE GAROFOLI VINCE IL TROFEO BUFFONI. Finale di rara bellezza, intenso ed emozionante

MONTIGNOSO(MS).- Un vincitore di classe Gianmarco Garofoli del Team LVF per una grande corsa, l’Internazionale Trofeo Francesco Buffoni edizione del Cinquantenario. Al termine di una gara tirata e ricca di emozioni, con un finale bellissimo, quando bella dal punto di vista tecnico, ha prevalso il campione italiano che sulla leggera salita che portava al traguardo ha messo tutti in fila con una progressione fantastica. Un successo, settimo stagionale voluto perché era stato Garofoli nel finale ad entrare in azione assieme al Campione Europeo e italiano della crono Piccolo (suo compagno di squadra ed allo svizzero Blum. I tre hanno resistito fino a 700 metri dall’arrivo di questa magnifica corsa quando sono rientrati anche il forte Verre ed il brillante Alessio. In volata però chI ne aveva più di tutti era ancora il tricolore tra gli scroscianti applausi di un pubblico imponente. Grande classe e talento da parte di questo giovane che sa essere protagonista negli appuntamenti di prestigio e che ha vinto anche la speciale maglia giallo-rosa messa in palio per ricordare Marco Pantani, all’ultimo passaggio sulla Fortezza. Ai posti d’onore proprio il tandem rientrato nel finale a dimostrare la loro forza e le doti di fondo. Tra i toscani buono lo spunto finale di Crescioli che ha provato a fare selezione mentre era presente nel gruppetto inseguitore anche il campione regionale Tiberi. Un Trofeo Buffoni con 176 atleti al via di 44 squadre, un pubblico imponente a Forte dei Marmi come a Montignoso. L’edizione delle nozze d’oro non poteva aver miglior successo.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Gianmarco Garofoli (Team LVF) Km 135,4 in 3h28’33”, media Km 38,955; 2)Elia Alessio (Uc Giorgione) a 2”; 3)Alessandro Verre (CPS Professional); 4)Elia Blum (Naz. Svizzera) a 4”; 5)Christian Bagatin (Canturino 1902); 6)Egor Igoshev (Team Lokosphinx) a 8”; 7)Andrea Piccolo (Team LVF); 8)Sergio Meris (idem), 9)Antonio Tiberi (Team Franco Ballerini Due C); 10)Sebastian Kajamini (Angelo Gomme Villadose).

ANTONIO MANNORI

ELITE UNDER 23 – 50° COPPA FESTA IN FIERA DI SAN SALVATORE

MALTINTI A SEGNO. ZANDRI VINCE A BUCINE. Ai posti d’onore Radice e Magli.

BUCINE(AR).- In 19 hanno concluso la gara, quelli che in pratica hanno fatto la storia della corsa, in quanto gli altri che componevano il gruppo, hanno accusato a un certo punto della gara oltre tre minuti di ritardo e sono stati fatti fermare durante i 7 giri di 5 Km ciascuno attorno a Bucine. Qui sulle pietre ed in leggera salita nel centro della località valdarnese teatro di questa 50^ Coppa Festa in Fiera San Salvatore (edizione delle nozze d’oro dunque) si è imposto il marchigiano Francesco Zandri che ha regalato la prima vittoria in Italia della stagione alla Maltinti Banca Cambiano. Il sodalizio di Empoli da 42 anni nel ciclismo dilettanti e sempre presieduto dall’appassionato Renzo Maltinti, aveva ottenuto in precedenza nel corso del 2019 due vittorie con l’albanese Klidi Jaku nei Campionati Nazionali di Albania (prova in linea e crono). Zandri della squadra empolese diretta da Leonardo Scarselli è stato nel corso della stagione l’atleta più costante e continuo, autore di vari piazzamenti. Questa volta Francesco ha saputo finalizzare la sua bella prestazione conquistando il meritatissimo successo nei confronti di Radice, Magli e degli altri componenti il plotoncino dei 9 fuggitivi che si sono contesi il successo nella corsa valdarnese organizzata dalla Poli Sport 2000 di Mercatale Valdarno. E’ stata una gara come al solito velocissima, prima sul circuito di poco superiore ai trenta chilometri ripetuto tre volte, quindi durante i sette giri finali con la salita che portava nel centro di Bucine. Una fuga di una ventina di corridori ha messo fuori gioco in pratica il gruppo fatto poi fermare dalla direzione di gara, mentre durante le sette tornate finali molti i tentativi di fuga e gara sempre interessante protagonista ammirato prima Cianetti, poi Masi (appena convocato in maglia azzurra nella Nazionale Italiana mista che mercoledì disputerà il Giro della Toscana a Pontedera) quindi lo stesso Zandri, Italiani, Radice, Frignani, Molini, Iacchi, Marchesini, Buitrago. Fino all’ultimo continui tentativi di fuga, ma alla fine la volata era a nove e vedeva sfrecciare per primo Zandri per la gioia di tutto il clan della Maltinti Banca Cambiano che finalmente ha colto il primo successo in Italia della stagione. Al via dell’edizione del cinquantenario della Coppa Festa in Fiera San Salvatore, si sono presentati 103 élite e under 23 di 19 squadre.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Francesco Zandri (Maltinti Lampadari-Banca Cambiano) Km 129, in 2h52’47”, media Km 44,796; 2)Raffaele Radice (VPM Porto Sant’Elpidio); 3)Filippo Magli (Mastromarco Sensi Nibali TLC); 4)Alessandro Iacchi (Team Franco Ballerini Albion); 5)Diego Frignani (Gragnano Sporting Club Caselli): 6)Santiago Sanchez Buitrago (Team Cinelli); 7)Riccardo Marchesini (Pol. Tripetetolo); 8)Davide Italiani (Team Cinelli); 9)Federico Molini (Team Franco Ballerini) a 15”; 10)Klidi Jaku (Maltinti Banca Cambiano) a 40”.

ANTONIO MANNORI

JUNIORES – CIRCUITO RIVIERA APUANA – MEMORIAL RENATO PARDINI

PERIC SU PORTELLO NELLA FRENETICA KERMESSE DI MASSA

MASSA.- L’ucraino Peric al suo quarto successo stagionale ha vinto il circuito di Massa, in una gara con i velocisti alla ribalta, come voleva il più facile dei pronostici in questa terza edizione del Circuito della Riviera Apuana riservato agli juniores ed anteprima del Trofeo Francesco Buffoni di domani. La gara quest’anno era valevole anche per il primo Memorial Renato Pardini (era presente sua figlia Maria) a ricordare l’indimenticabile personaggio e dirigente del ciclismo della Provincia di Massa Carrara. Andatura frenetica sino dal primo chilometro per cui imbastire un tentativo di fuga era estremamente difficile. Eppure vi hanno provato in diversi ma ogni attacco è stato di breve durata. Con il passare dei chilometri controllo ancora più stretto tra le varie squadre con la Borgo Molino Rinascita Ormelle, squadra considerata tra le maggiori favorite della gara massese, a pilotare spesso il gruppo. In questa situazione gruppo compatto sul rettilineo di arrivo con il tandem della formazione veneta davanti a tutti. Ha vinto il diciottenne Peric, al poker stagionale di successi, seguito dal compagno di squadra Portello (primo anno in categoria con 5 vittorie all’attivo) e da Zorzan mentre un altro dei favoriti principali della corsa, il toscano Della Lunga, è finito al quarto. Il primo degli azzurri della Nazionale Italiana presente alla gara sotto la guida del c.t. Rino De Candido è stato Zambanini giunto quinto.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Vojislav Peric (Borgo Molino Rinascite Ormelle) che compie i km 80, in 1h46’, media Km 45,283. 2)Alessio Portello (idem); 3)Federico Zorzan (Contri Autozai Omap); 4) Francesco Della Lunga (Stabbia Dover); 5)Edoardo Zambanini (Nazionale Italiana); 6)Matteo Fiaschi (Work Service Romagnano); 7)Marco Benedetti (Valdarno Regia Congressi Seiecom); 8)Maicol Comin (Borgo Molino Rinascite Ormelle); 9)Alessandro Cappelli  (Stabbia Dover); 10)Nicola Tosin (U.C. Giorgione).

ANTONIO MANNORI

ELITE UNDER 23 – 74° GRAN PREMIO CUOIO E PELLI

MARCHIORI UN LAMPO SUL TRAGUARDO DI S.CROCE SULL’ARNO

SANTA CROCE SULL’ARNO(PI).- La forza dello squadrone Zalf Euromobil Desirèe Fior ma soprattutto in questa occasione le sue risorse tecniche e atletiche, hanno permesso alla formazione veneta guidata da Gianni Faresin di conquistare il successo nel 74° Gran Premio Industria del Cuoio e delle Pelli, e la settima affermazione nella storia di questa classica nata nel 1946. Ha vinto Leonardo Marchiori, un lampo sul lungo rettilineo di via Brunelleschi per avere ragione del solito bravissimo Pesci e di Rotondi i due atleti finiti con lui sul podio. Per Marchiori si è trattato del quinto successo stagionale conquistato nella volata di 24 corridori presentatisi sul traguardo e dopo che il suo compagno di squadra il campano Pasquale Abenante era stato raggiunto a 700 metri dal traguardo dopo una fuga di 70 Km prima con il serbo Stojnic e Ferri, poi con lo stesso Ferri ed infine negli ultimi 23 Km da solo. Alla fine per la Zalf Euromobil i conti tornano ma quando è stato ripreso il generoso Abenante, qualcuno aveva sollevato dubbi sulla possibilità di successo della squadra veneta, ma Marchiori ha messo tutti d’accordo confermando una volta di più le sue eccellenti doti di velocista ampiamente conosciute ed apprezzate.

Ma torniamo agli ultimi chilometri della gara. Dopo 100 Km a 72 dalla conclusione, dal gruppo dei 35 corridori che ha dominato la corsa (c’era anche il tricolore Under 23 Marco Frigo premiato prima del via con il campione toscano Gabriele Benedetti) e messo fuori gara tutti gli altri, uscivano all’attacco Abenante, Ferri e Stojnic. Quest’ultimo più avanti mollava, Ferri e Abenante proseguivano di comune accordo poi al penultimo passaggio sulla salita di Poggio Adorno anche Ferri perdeva contatto. Per Abenante c’erano davanti a lui ancora 23 Km da percorrere, con un forte vento contro il quale doveva fare i conti mentre nel gruppo inseguitore lavoravano per lui i compagni di squadra. Nell’ultimo giro il fuggitivo perdeva terreno sotto la spinta sempre più decisa del gruppo che raggiungeva il battistrada a meno di un chilometro dal traguardo e risultato il vincitore del gran premio della montagna. A fare tornare comunque i conti alla Zalf ci pensava Marchiori davanti ai bravi Pesci e Rotondi, quindi Bevilacqua e Magli, che si aggiudicava il premio Bruno Matteoli quale atleta più giovane nei primi cinque classificati. Alla gara dell’U.C. S.Croce hanno preso parte 158 atleti e 25 società con la presenza dei 4 sindaci dei comuni interessati alla gara (S.Croce sull’Arno, Fucecchio, Castelfranco di Sotto e S.Maria a Monte) dei dirigenti del ciclismo Giacomo Bacci e Luciana Gradassi, che ha messo in palio un premio per ricordare il figlio Davide prematuramente scomparso e assegnato alla combattività a Nicolò Ferri.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Leonardo Marchiori (Zalf Euromobil Desirèe Fior) Km 172, in 4h18’20”, media Km 39,948; 2)Manuel Pesci (Team Malmantile); 3)Matteo Rotondi (Team Cinelli); 4)Mattia Bevilacqua (Team Franco Ballerini Albion); 5)Filippo Magli (Mastromarco Sensi Nibali TLC); 6)Gino Matteo Pegoraro (Gallina Colosio Eurofeed); 7)Michele Corradini (Team Fortebraccio); 8)Lorenzo Quartucci (Team Cinelli); 9)Manuel Allori (Team Franco Ballerini Albion); 10)Riccardo Verza (Zalf Euromobil Desirèe Fior).

ANTONIO MANNORI

ELITE UNDER 23 – 79° COPPA LORO CIUFFENNA

LA COPPA LORO CIUFFENNA A DI FELICE AL SETTIMO CENTRO.

Percorso inedito con la salita di Montemarciano. Volata finale emozionante e decisa al fotofinish

LORO CIUFFENNA(AR).- Il ventiduenne abruzzese Francesco Di Felice della General Store Essegibi (settimo successo nel 2019) allunga la serie dei suoi successi in questa sua magnifica stagione, aggiudicandosi l’edizione n.79 della Coppa Loro Ciuffenna località del Valdarno Superiore in Provincia di Arezzo, dove 100 anni fa fu fondata l’Unione Sportiva Lorese, società organizzatrice della gara riservata a élite e under 23.

E’ stato un finale concitato con Murgano scattato in vista dell’arrivo e ripreso a poche decine di metri dal traguardo e lo sprint serratissimo ed incerto ha visto prevalere al fotofinish Di Felice. Infatti il giudice nazionale di arrivo, il pistoiese Simone Lamanda, prima di emettere il verdetto a favore dell’abruzzese ha voluto visionarlo per avere la conferma. Ci è rimasto male il bravo Corradini secondo classificato (e non è la prima volta che perde per pochissimo) mentre terzo è giunto Fiorelli.

In una bella giornata di sole 168 i partenti per la gara che presentava quale novità di spicco il cambio di percorso proprio in vista dell’arrivo. Infatti dopo il consueto circuito ondulato di Km 14,900 (Loro Ciuffenna, Bivio Casalini, Bivio Gangherete, Penna, Loro Ciuffenna con passaggi dal centro e da Piazza Matteotti) ripetuto per 8 volte, i corridori hanno affrontato tre quarti dello stesso anello per poi deviare verso Montemarciano con il tratto finale in sensibile ascesa e posto a due passi dal traguardo di via Alcide De Gasperi. Fino dalle battute iniziali andatura frenetica e gruppo che si spezzava in tre parti attorno al 40° chilometro dopo una fuga di Frangioni, Rigollet e Verza. Il frazionamento proseguiva anche per il resto della corsa sempre velocissima e combattuta, che proponeva attorno al Km 85 una fuga di una dozzina di corridori capitanati dal campione toscano under 23 Benedetti che correva sulle strade di casa, con un vantaggio di un minuto sul primo drappello di inseguitori. Nel corso del 7° giro si lanciava alla caccia del plotoncino Baccio che raggiungeva i fuggitivi, ma i 12 di testa era sempre più avvicinati dagli inseguitori che neutralizzavano la fuga a pochi Km dal traguardo. Schermaglie finali, scatti e allunghi, l’ultimo del generoso Murgano, poi il guizzo di Di Felice che aveva vinto la settimana scorsa al Giro del Friuli Venezia Giulia.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Francesco Di Felice (General Store Essegibi) Km 137,200, in 3h19’30”, media Km 41,263; 2)Michele Corradini (Team Fortebraccio); 3)Filippo Fiorelli (Gragnano Sporting Club Caselli); 4)Marco Murgano (Casillo Maserati); 5)Marco Landi (Zalf Euromobil Desirèe Fior); 6)Chrystian Mejia Carmona (Calzaturieri Montegranaro S.Marini); 7)Leonardo Tortomasi (Pol. Tripetetolo); 8)Francesco Zandri (Maltinti Banca Cambiano); 9)Davide Bauce (Gallina Colosio Eurofeed); 10)Lorenzo Quartucci (Team Cinelli).

ANTONIO MANNORI

IL PREMIO MAURO MANCINI 2019 A RICCARDO MARCHESINI

Era la decima edizione – Festosa cerimonia a Malmantile

MALMANTILE(FI).- Un premio significativo il Memorial Mauro Mancini giunto alla sua decima edizione, al quale tengono in modo particolare i dirigenti del Team Malmantile-La Seggiola, per ricordare il corridore locale morto in età giovanile a seguito di un incidente sulle strade del Valdarno Superiore nei pressi di Loro Ciuffenna. Ogni anno il Memorial viene assegnato al corridore che ottiene il maggior punteggio con i piazzamenti nelle gare organizzate dalla società fiorentina, nel 2019 quelle di Montelupo Fiorentino e di Malmantile. Grazie al secondo posto in entrambe le gare, il premio è stato consegnato nel corso di una festosa cerimonia al Circolo La Musica di Malmantile, a Riccardo Marchesini, atleta Elite di Castiglion Fiorentino della Pol. Tripetetolo di Lastra a Signa, tra l’altro laureatosi in questa stagione anche campione toscano della categoria, proprio nella località dove risiede il corridore. Sono stati Elisa Lari, presidentessa del Comitato Provinciale di Firenze della Federciclismo e figlia del presidente della società Luciano (lei è vice) e Graziano Pretolani sponsor del premio con la sua azienda Pretoman, a consegnare il riconoscimento al brillante atleta aretino. Durante la festosa serata premiato anche Manuel Pesci, altro atleta della zona di Castiglione Fiorentino, che ha regalato l’unico successo stagionale in questa annata al Team Malmantile-La Seggiola guidato dal direttore sportivo Gennaro Maddaluno, vincendo il 103° Giro del Casentino a Corsalone. Pesci applaudito dai tanti presenti, ha ricevuto dal presidente della società Luciano Lari, proprio la foto ingrandita della vittoria ottenuta grazie a uno sprint vigoroso lo scorso mese di agosto.

Tra i presenti Elisabetta Nencini, la figlia del grande campione di ciclismo Gastone , e i dirigenti del ciclismo Andrea Vezzosi e Marco Buggiani. Il Memorial Mauro Mancini raggiunto il decennale continuerà ad essere riproposto anche in futuro per tenere viva la memoria di un atleta del ciclismo toscano da tutti stimato e ammirato.

ANTONIO MANNORI