ALLIEVI – STABBIA

VOLATA DEL VALDARNESE FAILLI A STABBIA

STABBIA (FI) – Su di un circuito di 14 Km e 200 metri da ripetere 5 volte con la salita di Poggio Tempesti, la prima gara in linea in Toscana della stagione 2020 per allievi, nel ricordo di un giovane morto tragicamente in allenamento e rimasto nel cuore di tutti gli sportivi toscani come Antonj Orsani. E la “Giornata Azzurra” ma solo per definizione tecnica non certo per il tempo, ha visto al mattino la presenza di 135 corridori di 19 società. Ha vinto con una volata magnifica il valdarnese Alessandro Failli, nipote dell’ex professionista Francesco Failli. La gara si è decisa nel corso del quarto e penultimo giro (fino ad allora il gruppo aveva viaggiato compatto) quando Poli e Ciancagli hanno dato vita a una fuga che ha trovato otto immediati inseguitori capaci di raggiungere la testa della corsa. Il plotoncino dei dieci ha trovato l’intesa giusta per concludere positivamente il tentativo di fuga. Sul rettilineo di arrivo e sotto la pioggia tornata a cadere proprio in conclusione della gara, Failli ha sfoderato uno splendido sprint che gli ha permesso di restare al tentativo di rimonta di Belluomini, portacolori della società locale, mentre terzo è terminato Ciancagli.

PROSSIME GARE: Per gli allievi prossimo impegno domenica prossima a Calenzano dove gareggeranno anche gli esordienti 1° e 2° anno per il titolo regionale 2020.

ORDINE DI ARRIVO (Stabbia): 1) Alessandro Failli (Olimpia Valdarnese) Km 72, in 1h49’, media Km 39,591; 2)Matteo Belluomini (Iperfinish); 3)Leonardo Ciancagli (Pedale Toscano); 4)Leonardo Giusti (Montecarlo); 5)Alessio Cristalli (Pedale Toscano); 6)Alex Stella (Speedy Bike); 7)Tommaso Poli (Team Stradella); 8)Luca Cordovani (Pedale Toscano); 9)Samuel Bertolli (Empolese); 10)Niccolò Biancolini (Vc Empoli).

Antonio Mannori

ESORDIENTI – Tour de France 1960/2020 Gastone Nencini

PETRI E MIGHELI I DUE VINCITORI DELLA CRONOMETRO LUNGO IL LAGO DI BILANCINO

Barberino di Mugello – In concomitanza con la presentazione a Nizza delle squadre che prenderanno parte al Tour de France, si è svolta oggi pomeriggio lungo il Lago di Bilancino nei pressi di Barberino di Mugello, una cronometro per esordienti 1° e 2° anno per ricordare la vittoria ottenuta 60 anni fa da Gastone Nencini (nativo di Bilancino), al Tour de France 1960. La prova organizzata dalla società che porta il nome del campione mugellano al quale sarà intitolata una piazza a Firenze nel quartiere di Gavinana, ha laureato vincitori Damiano Petri e Manuele Gerolamo Migheli della Fosco Bessi di Calenzano, considerati i favoriti principali della gara disputata da 104 concorrenti (44 del primo anno 60 del secondo). Due ragazzi davvero bravi e interessanti che si sono affermati facendo segnare ottimi tempi ed una media notevole.

ORDINE DI ARRIVO (1° anno): 1)Manuele Gerolamo Migheli (Fosco Bessi Calenzano), Km 4,600, in 6’37”, media Km 41,761; 2)Kevin Bertoncelli (Madignanese) a 5”; 3)Giulio Pavi Degl’Innocenti (S.Miniato Ciclismo) a 10”; 4)Davide Giulietti (Gastone Nencini) a 18”; 5)Francesco Matteoli (Sancascianese) a 19”, 6)Emanuele Ferruzzi (S.Miniato Ciclismo) a 19’1”; 7)Stefano Ganini (Madignanese) a 19’3”; 8)Zeno Pisani (Fosco Bessi) a 21”; 9)Morgan Venturi (Fausto Coppi) a 22”; 10)Thomas Bondi (idem) a 26”.

ORDINE DI ARRIVO (2° anno): 1)Damiano Petri (Fosco Bessi Calenzano) Km 4,600, in 6’17”, media Km 43,916; 2)Fabio Del Medico (Borgonuovo) a 12”; 3)Federico Cozzani Termo La Spezia) a 17”; 4)Thomas Gamba (Ciclistica Trevigliese) a 19”; 5)Armin Caselli (Ciclistica Maranello) a 19’1”; 6)Giacomo Sangiorgi (Cotignolese) a 20”; 7)Marco Merola (Fosco Bessi) a 21”, 8)Enea Sambinello (Fausto Coppi) a 22”; 9)Aldo Fejzai (Olimpia Valdarnese) a 24”; 10)Andrea Nannini (Borgonuovo) a 24’3”.

ANTONIO MANNORI

UNDER 23 – G.P. CHIANTI COLLINE D’ELSA GAMBASSI TERME

TIBERI VINCE SUL TRAGUARDO DI GAMBASSI CON UNO SPUNTO IRRESISTIBILE SU COLLEONI

GAMBASSI TERME(FI).- Onorato alla grande (171 partenti) dal G.S. Maltinti Lampadari e dal suo presidente Renzo Maltinti, il primo dei tre impegni organizzativi previsti, quello del Gp Chianti Colline d’Elsa a Gambassi Terme, cui seguiranno il Gp Città di Vinci martedì 15 settembre ed il Gp Città di Empoli del 1° Novembre. Sul traguardo in salita di Gambassi al termine di una delle gare più impegnative che si svolgono in Toscana per gli Under 23, ha prevalso con uno spunto irresistibile Antonio Tiberi laziale del Team Colpack Ballan, campione del mondo a cronometro juniores lo scorso anno, ed uno dei giovani più interessanti del ciclismo giovanile nazionale. Uno spunto vincente che ha mortificato Filippo Conca grandissimo protagonista della corsa sulle strade della Valdelsa che ha cercato l’azione solitaria a 40 Km dalla conclusione e che è stato raggiunto a 100 metri dalla fettuccia di arrivo. Ma il finale della gara di Gambassi vuol vedere gli atleti in viso, quando la fatica si fa sentire. Al secondo posto un altro dei corridori più attesi Colleoni che una volta raggiunto il suo compagno di squadra Conca ha cercato di controbattere all’azione di Tiberi apparso davvero irresistibile nella sua progressione vincente che gli ha permesso di conseguire il secondo successo stagionale. Una splendida gara questa di Gambassi ed una finale combattuto, incerto ed emozionante che ha laureato al primo posto e bravo nel finale anche il veronese Buratti giunto terzo. La gara dopo un avvio tranquillo, mossiere il sindaco di Gambassi Terme Paolo Campinoti, ha fatto registrare al Km 40 una fuga di Tosin, Conca e Ferri. Dai tre quando il gruppo era a due minuti di ritardo è uscito sulla salita di Boscotondo Conca che ha provato a resistere fino all’ultimo senza riuscirci per soli cento metri.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Antonio Tiberi (Team Colpack Ballan) Km 120, in 2h49’, media Km 42,604; 2)Kevin Colleoni (Biesse Arvedi) a 3”; 3)Niccolò Buratti (Pedale Scaligero) a 5”; 4)Filippo Conca (Biesse Arvedi); 5)Andrew Bidwell (Overall); 6)Jacopo Menegotto (Biesse Arvedi); 7)Gerardo Sessa (Velo Racing Palazzago); 8)Luca Rastelli (Team Colpack Ballan); 9)Francesco Carollo (Gragnano Sporting Club); 10)Andrea Gallo (InEmilia Romagnana).

ANTONIO MANNORI

ALLIEVI – Campionato Toscano Cronometro

LORENZO CONFORTI FA IL BIS NEL CAMPIONATO TOSCANO A CRONOMETRO – POSTI D’ONORE PER SAVINO E SERGIAMPIETRI

Marginone di Altopascio(LU) – Otto chilometri e 200 metri con un tratto iniziale e finale in pianura, ma anche quello in salita verso la collina di Montecarlo dal versante di Poggio Baldino e l’insidiosa discesa su San Salvatore, come dire una cronometro atipica. Su questo percorso e per la prima volta a cronometro nella sua storia che ebbe inizio nel 1981 quando s’impose lo spezzino Paolo Scusa, il Trofeo Carlo Alberto Pellegrini ha assegnato il titolo toscano allievi. Campione regionale si è riconfermato nel pieno rispetto del pronostico Lorenzo Conforti della Iperfinish, già vincitore quest’anno di una precedente cronometro, quella di Legri di Calenzano. La medaglia d’argento, ed anche qui secondo le previsioni, il pisano Savino che ha dovuto cedere otto secondi a Conforti. Il bronzo invece per il massese Sergiampietri autore di una brillante prestazione. Per Conforti guidato dal direttore sportivo Salvatore Palumbo, un bis esaltante a conferma delle sue eccellenti qualità. Forte in pianura ha saputo conservare un’ottima cadenza anche in salita e la necessaria lucidità nel tratto di discesa ingaggiando con il tradizionale rivale Savino una bella sfida sul filo dei secondi. Naturalmente grande entusiasmo nel clan della Iperfinish, l’azienda di Santa Croce sull’Arno che sponsorizza da anni l’attività giovanile della società di Stabbia e che ha visto al seguito della gara lo stesso titolare dell’azienda santacrocese Giacomo Vierucci. Savino è stato bravo anche in questa circostanza ma si è dovuto piegare a Conforti. Il pisano della Coltano resta uno degli allievi più forti in assoluto in campo regionale e bravo Sergiampietri un ragazzo da seguire con altrettanto interesse. In 108 alla sfida nel caldo ed afoso pomeriggio di Ferragosto.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Lorenzo Conforti (Iperfinish) Km 8,200, in 11’54”, media Km 40,453; 2)Federico Savino (Coltano Grube) a 8”; 3)Andrea Sergiampietri (Team Stradella) a 24”; 4)Alessio Cristalli (Pedale Toscano) a 27”; 5)Marco Serni (Donoratico Carli) a 30”; 6)Filippo Ricci (Speedy Bike) a 32”; 7)Luca Cordovani (Pedale Toscano) a 38”; 8)Jacopo Militello (Club Ciclo Appenninico) a 39”; 9)Davide Leonardi (Iperfinish) a 40”; 10)Tommaso Ferri (Olimpia Valdarnese) a 43”.

ANTONIO MANNORI

ELITE UNDER 23 – Trofeo Comune Lastra a Signa

GUIZZO DI FEDERICO MOLINI SUL FIORENTINO PIETRINI 

Lastra a Signa (FI) – Dopo 168 giorni da quel 23 febbraio quando a Torre di Fucecchio il trentino Leonardo Marchiori ottenne il bis stagionale in 24 ore (aveva vinto al sabato la Firenze-Empoli) si è svolta con grande successo di partecipazione, la prima gara in linea in Toscana per dilettanti, merito della Pol. Tripetetolo e del Comune di Lastra Signa. Sul rettilineo di via Giusti si è imposto con un guizzo perentorio e dopo una gara condotta ad oltre 44 di media, il pistoiese Federico Molini nei confronti del brillante fiorentino Pietrini mentre terzo è terminato Magli. Sono stati in 26 a giocarsi il successo dopo un finale tiratissimo. A questa gara che ha segnato la ripresa in Toscana dell’attività in linea hanno preso il via 159 atleti di 25 società con nomi di spicco. Il percorso non era difficile con un circuito da ripetere 5 volte comprendente la salita del Grillaio. Una fuga di 25 corridori dopo 33 Km, quindi un’azione di 14 corridori che ha fruttato un vantaggio massimo di 50”  ha introdotto un finale di gara bello e combattuto. Primo protagonista in solitaria Zoccarato, quindi dopo un nuovo raggruppamento (70 assieme all’inizio della tornata finale) la fuga ancora di Zoccarato, Tolio e La Terra, quindi provava da solo Marcellusi ma la salita finale del Grillaio era affrontato da un gruppo di 45 corridori con il campione toscano under 23 Benedetti a fare selezione. Restavano in venti, poi l’attacco solitario di Magli e la replica dello stesso Benedetti (attivissimo) di Dorigoni, Baldaccini, Abenante, e per ultimi di Pietrini e Tarozzi. Sembrava essere la fuga buona quella dei sette che invece erano raggiunti a 700 metri dal traguardo. In contropiede schizzava via Pietrini, davvero inesauribile il quale imboccava il rettilineo di arrivo con qualche metro di vantaggio. Il fiorentino era recuperato e saltato solo da Molini a 15 metri dalla linea di arrivo. Una vittoria indiscutibile la sua, per l’ottima prova di tutta la squadra diretta da Gabriele Balducci (bravi Marcellusi e Magli) e per questo spunto vincente messo in atto con maestria e forza dal pistoiese di Pescia che ha regalato la terza vittoria dopo il coronavirus alla squadra pistoiese. Pietrini è stata magnifico e per il Team Malmantile anche il quarto posto di Pesci. Ottima l’organizzazione e quindi rinnovati complimenti alla Pol. Tripetetolo e tra gli ospiti la vice presidentessa della FCI Daniela Isetti ed il presidente del Comitato Regionale Toscana Giacomo Bacci.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Federico Molini (Mastromarco Sensi Nibali) Km 133, in 3h01’18”, media Km 44,432; 2)Luigi Pietrini (Team Malmantile La Seggiola); 3)Filippo Magli (Mastromarco Sensi Nibali); 4)Manuele Pesci (Team Malmantile La Seggiola); 5)Davide Baldaccini (Team Colpack Ballan); 6)Gabriele Benedetti (Casillo Petroli Firenze Hopplà); 7)Pasquale Abenante (idem); 8)Davide PInardi (InEmilia Romagna); 9)Luca Rastelli (Team Colpack Ballan); 10)Nicolò Buratti (Pedale Scaligero).

ANTONIO MANNORI

UNDER 23 – CRONOSCALATA MONTE MORELLO PER SEMPRE ALFREDO

MAGNIFICA PROVA DI NIERI CHE SUPERA VERRE A MONTE MORELLO

MONTE MORELLO (FI) – Dopo la prova Juniores di scena lungo i tornanti da Sesto Fiorentino a Monte Morello gli Under 23 con per dar vita alla prima edizione “Per sempre Alfredo” con l’organizzazione del locale Comitato e della Fosco Bessi di Calenzano, società esemplare in questo periodo di ripresa dell’attività ciclistica, per la passione, l’impegno profuso, la voglia dimostrata nel voler riprendere l’attività, un esempio di coraggio. Tutti si sono adoperati per il successo della gara svoltasi su di un tracciato che prevedeva tratti anche nella zona di Castellare al venti per cento. Ha vinto con una prestazione superba il pisano di Santa Maria a Monte Alessio Nieri dopo una vibrante ed emozionante lotta sul filo dei secondi con il lucano e neo Campione Toscano Verre, titolo conquistato otto giorni fa imponendosi al Passo della Futa nel Memorial Gastone Nencini. In quella gara Nieri era giunto terzo con una bella prova, ma da Sesto a Monte Morello il pisano guidato da Gabriele Balducci si è superato cogliendo un successo importante, il primo successo da under 23, categoria nella quale è approdato quest’anno essendo classe 2001. Al terzo posto Faresin, mentre oltre al successo per la Mastromarco Sensi Nibali sono da ricordare anche il quarto posto di Ninci ed il quinto di Ferri. Una trentina i corridori presenti a questa gara nel ricordo di Alfredo Martini e che tutti si augurano abbia un seguito nel futuro.

PROSSIMA gara in Toscana e questa volta la prima in linea o di gruppo come si dice dopo il lungo periodo di confinamento, è prevista per domenica 9 agosto a Lastra a Signa organizzata dalla locale Pol. Tripetetolo su di un percorso che prevede cinque giri nella zona con la salita del Grillaio.

ORDINE DI ARRIVO(Under 23): 1)Alessio Nieri (Mastromarco Sensi Nibali) Km 13, in 27’56”, media Km 27,910; 2)Alessandro Verre (Casillo Petroli Firenze Hopplà) a 3”; 3)Francesco Edoardo Faresin (idem) a 30”; 4)Gabriele Ninci (Mastromarco Sensi Nibali) a 52”; 5)Niccolò Ferri (idem) a 1’04”; 6)Asllani a 1’43”; 7)Buoncristiani a 1’51”; 8)Ciafardini a 2’07”; 9)Sarti a 2’13”; 10)Galli a 2’44”.

ANTONIO MANNORI

ESORDIENTI E ALLIEVI – 72° Coppa Comune di Calenzano

CONFORTI, PETRI, MIGHELI E LA LEARDINI VINCENTI A CRONOMETRO.

Alla bella manifestazione ben 126 concorrenti

Legri di Calenzano(FI) – Prima stagionale in Toscana anche per esordienti e allievi impegnati nella cronometro da Chiusa di Calenzano a Legri, nella 72^ Coppa Comune di Calenzano, su di un percorso ondulato di 4 Km e 900 metri. Si sono imposti il Campione Toscano allievi della specialità Lorenzo Conforti della Iperfinish, e gli esordienti Damiano Petri e Gerolamo Manuele Migheli, tandem della Fosco Bessi, oltre all’allieva Ilaria Leardini. La manifestazione ha riscosso un ottimo successo con 126 partecipanti (60 gli allievi) sotto la collaudata regia della Fosco Bessi di Calenzano ancora una volta perfetta e con quel pizzico di coraggio che occorre per allestire le gare in questo periodo come ha riconosciuto anche il sindaco di Calenzano, Riccardo Prestini ospite della gara. Le prime a prendere il via le donne allieve con successo della Leardini, poi gli esordienti con una lotta fino all’ultimo tra i ragazzi del 2° anno dove Petri ha prevalso per 6” su Del Medico e per 11” su Bufalini. Più netto il successo di Migheli che ha inflitto 26” a Pavi degl’Innocenti e 36 a Del Cucina. Infine il previsto duello tra Conforti e Savino già visto in occasione del Campionato Toscano 2019. L’atleta guidato da Salvatore Palumbo e seguito anche dallo sponsor Giacomo Vierucci titolare della Iperfinish alla fine ha prevalso per 8” mentre terzo è terminato il bravo Militello. Conforti e Savino hanno dimostrato un’ottima condizione pronti per la sfida tricolore in programma il sabato 1° agosto a Città di Castello. Il campionato toscano invece si svolgerà il 15 agosto a Marginone di Altopascio con la disputa del Trofeo Carlo Alberto Pellegrini.

ORDINE DI ARRIVO (Allievi): 1)Lorenzo Conforti (Iperfinish) Km 4,900, in 7’25”, media Km 39,610; 2)Federico Savino (Coltano Grube) a 8”; 3)Jacopo Militello (Club Ciclo Appenninico) a 21”; 4)Filippo Ricci (Speedy Bike)a 22”; 5)Gabrio Salomone (Albergo Del Tongo) a 26”; 6)Ferri a 27”; 7)Sitera a 29”; 8)Lorello a 30”; 9)Serni a 32”; 10)Recchia a 37”.

ORDINE DI ARRIVO (Allieve): 1)Ilaria Leardini (Fosco Bessi) Km 4,900 in 10’06”; 2)Caterina Senesi (id.) a 1”; 3)Nicole Frugoli (id.) a 57”.

ORDINE DI ARRIVO (Esordienti 2° anno): 1)Damiano Petri (Fosco Bessi) Km 4,900, in 8’11”, media Km 35,900; 2)Fabio Del Medico (Borgonuovo) a 8”; 3)Davide Bufalini (Donoratico Carli) a 11”; 4)Marco Merola (Fosco Bessi) a 19”; 5)Samuele Franchi (Albergo Del Tongo) a 27”; 6)Fejzai a 29”; 7)Anguillesi a 34”; 8)Nannini a 41”; 9)Stefanelli Al. a 49”; 10)Bertini a 51”.

ORDINE DI ARRIVO (Esordienti 1° anno): 1)Gerolamo Manuele Migheli (Fosco Bessi) Km 4,900, in 8’38”, media Km 34,080; 2)Giulio Pavi Degl’Innocenti (San Miniato Ciclismo) a 26”; 3)Riccardo Del Cucina (Olimpia Valdarnese) a 36”; 4)Angelo Daniele Ronzoni (Borgonuovo) a 36”; 5)Lorenzo Corrao (V.C.Empoli) a 37”; 6)Giulietti a 38”; 7)Matteoli a 39”; 8)Simoncini a 40”; 9)Pisani a 46”; 10)Frasconi a 47”.

ANTONIO MANNORI

UNDER 23 E JUNIORES – Cronoscalata della Futa –

VERRE E PONOMAR I PIU’ FORTI ALLA FUTA.

Grande successo per la gara in onore di Gastone Nencini

PASSO DELLA FUTA – Grande successo per la ripartenza del ciclismo in Toscana anche su strada  con la cronoscalata da Barberino di Mugello al Passo della Futa organizzata per rendere onore alla vittoria di Gastone Nencini al Tour de France 1960. Protagonisti brillanti e vincitori, il Campione Europeo juniores in linea 2019 l’ucraino Andrii Ponomar, quest’anno in Toscana nel Team Franco Ballerini Due C, e Alessandro Verre debuttante tra gli under 23 in maglia Casillo Petroli Firenze Hopplà, che grazie al successo si è laureato anche Campione Toscano della Montagna. Sono stati 69 complessivamente i corridori presenti (38 gli juniores) con il presidente della FCI Renato Di Rocco quale ospite d’onore. Giornata di sole leggermente ventilata, e pedana di partenza in Piazza Cavour nel centro di Barberino di Mugello con l’osservanza dei protocolli garantiti dalla S.C. Gastone Nencini perfetta organizzatrice della manifestazione sotto la regìa del presidente Massimo Bacherini e riproposta dopo 22 anni. Per il Team Franco Ballerini grande soddisfazione dell’intero clan (c’erano anche Scinto e Citracca) in quanto il successo è stato colto nella zona dove era nato Franco Ballerini, ed oltre alla vittoria di Ponomar c’è stato il terzo posto di Butteroni in partenza per il collegiale di Livigno con la Nazionale. Bella la prova anche di Gimignani e ben tre atleti del Team Casano nei primi sei ad iniziare da Crescioli, primo anno in categoria, ed autore di una prestazione ottima. Tra gli under 23 invece un trionfo della Casillo Petroli Firenze Hopplà. Il successo di Alessandro Verre conferma le qualità ed il talento di questo giovane del sud già autore di una fantastica annata 2019 negli juniores. La salita è sempre stato pane per i suoi denti e lo si è visto sui tornanti verso il Passo della Futa. Al traguardo posto di fronte al monumento che ricorda Gastone Nencini, Verre ha preceduto di appena 4” il compagno di squadra Faresin, mentre terzo a 17” è terminato Nieri altro atleta particolarmente a suo agio nelle cronoscalate. Un bel duello tra la Casillo Petroli Firenze e la Mastromarco Sensi Nibali in quanto nei primi 7 ci sono tre atleti della squadra tosco-emiliana cara al team manager Omar Piscina, e quattro della formazione pistoiese del presidente Carlo Franceschi. Alla spettacolare manifestazione presente in zona arrivo un buon pubblico con i dirigenti Bacci, Gradassi e Dolfi per il Comitato Toscana, i rappresentanti dei comuni di Barberino di Mugello e Firenzuola. Una cronoscalata da ripetere in futuro e sarà questo l’impegno della famiglia Nencini, con i figli di Gastone, Elisabetta, Saul, Lapo e Giovanni e naturalmente con la società che porta il nome di questo grande campione.

ORDINE DI ARRIVO (Under 23): 1)Alessandro Verre (Casillo Petroli Firenze Hopplà) Km 14,500, in 30’10, media Km 28,835; 2)Francesco Edoardo Faresin (id.) a 4”; 3)Alessio Nieri (Mastromrco Sensi Nibali) a 17”; 4)Gabriele Benedetti (Casillo Petroli Firenze Hopplà) a 32”; 5)Gabriele Ninci (Mastromarco Sensi Nibali) a 42”; 6)Nencini a 44”; 7)Ferri a 47”; 8)Aposti a 1’57; 9)Niccoli a 2’08; 10)Sensi a 2’19.

ORDINE DI ARRIVO (Juniores): 1)Andrii Ponomar (Team Franco Ballerini Due C) Km 14,500, in 30’51, media Km 28,201; 2)Ludovico Crescioli (Team Casano) a 24”; 3)Gregorio Butteroni (Team Franco Ballerini Due C) a 43”; 4)Samuele Gimignani (Work Service Romagnano) a 1’08; 5)Lorenzo Giordani (Team Casano) a 1’31; 6)Boschi a 2’22; 7)Rettori a 2’41; 8)Dati a 2’42; 9)Djordjevic a 2’45; 10)Palumbo a 2’49.

ANTONIO MANNORI

ANNULLATA LA CRONOSQUADRE DELLA VERSILIA

FORTE DEI MARMI,5  Marzo 2020.- A seguito del decreto ministeriale sul coronavirus annullata la 13^ edizione della Cronosquadre della Versilia-Michele Bartoli prevista per domenica 15 marzo sul lungomare della Versilia con partenza e arrivo sul Viale Italico a Forte dei Marmi. La manifestazione alla quale erano iscritte già un centinaio di squadre del settore amatoriale, oltre a quelle dilettanti, ha nell’ex campione di ciclismo Michele Bartoli il direttore organizzativo. La società che gestisce la gara, la Cronoeventi di Camaiore, ha comunicato che l’eventuale data di recupero della gara sarà scelta alla fine dell’emergenza sanitaria.

ANTONIO MANNORI

ANNULLATO IL G.P. LARCIANO

LARCIANO(PT).- Anche gli organizzatori dell’Unione Ciclistica Larcianese si sono dovuti arrendere. Domenica prossima niente Gran Premio Industria e Artigianato professionisti, la cui 43^ edizione era prevista a Larciano. Fino all’ultimo i dirigenti con il presidente Alcide Falasca, Franco Ancillotti, Giuliano Baronti, Urbano Borgioli, Fabrizio Bicci e gli altri dirigenti, hanno cercato di non arrendersi. Infatti nonostante la rinuncia di alcune formazioni World Tour già regolarmente iscritte alla corsa (a proposito erano 25 le squadre che avevano aderito alla gara per un totale di 175 corridori) e nonostante il mancato svolgimento delle Strade Bianche a Siena, a Larciano erano decisi ad andare avanti qualora avessero avuto la necessaria autorizzazione da parte delle autorità locali, in primis la Prefettura di Pistoia. Purtroppo a seguito dei contatti avuti, è stato verificato che non esistevano le condizioni per garantire quanto previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana del 4 marzo 2020. e quindi la gara è stata annullata. I dirigenti della Larcianese si sono detti profondamente amareggiati per l’impossibilità di allestire la manifestazione il cui annullamento comporta sicuramente dei notevoli danni economici e finanziari non indifferenti. Ricordiamo che per il 43° Gran Premio Industria e Artigianato di Larciano allestito dall’U.C. Larcianese con l’apporto tecnico del G.S. Emilia, era prevista una diretta televisiva su RaiSport a partire dalle ore 14,45. Amarezza dunque ma estrema determinazione negli organizzatori pistoiesi per riproporre la corsa più avanti nel corso della stagione ed a tal fine sono già intercorsi contatti con la Lega Ciclismo Professionisti per trovare la data più opportuna. Una di queste potrebbe essere nella prima quindicina del mese di giugno.

ANTONIO MANNORI

ELITE UNDER 23 – 58° G.P. LA TORRE

MARCHIORI SI RIPETE. SUO IL BIS NEL G.P. LA TORRE. Dopo la Firenze-Empoli vince anche in circuito davanti a Gazzoli e Nencini

TORRE DI FUCECCHIO.- Che splendido fine settimana e che esaltante doppietta nel giro di 24 ore per Leonardo Marchiori, velocista principe del ciclismo dilettanti nazionale. Marchiori ha portato la sua maglia blu, quella del Team NTT Continental Cycling Team davanti a tutti anche nel 58° Gran Premio La Torre, che vedeva al via non solo gli Under 23 ma anche gli élite. Un arrivo a ranghi compatti al termine di una gara organizzata come sempre con tanto impegno e bravura dall’U.C. La Torre 1949 e che ha un albo d’oro di tutto rispetto. Dopo il ritrovo in località Caino il via ufficiale alla gara sul classico circuito collinare di 3 Km e 900 metri da ripetere 26 volte. Bella gara, veloce (oltre 42 orari la media finale) ricca di tentativi di fuga, ma nel finale le squadre dei velocisti hanno chiuso ogni tentativo ed il pià felice di tuttik è stato sicuramente Marchiori che alle innate doti di velocista di razza, aggiunge anche una condizione di forma eccellente in queste prime battute stagionali. Anche a Torre come era successo il giorno prima nella Firenze-Empoli, la sua progressione è stata notevole ma il successo è stato sicuramente più difficile di quello del giorno prima, contrastato dagli avversari che hanno cercato di superare il veneto guidato dal direttore sportivo Daniele Nieri. E allora se guardiamo la classifica dei primi dieci segnaliamo con piacere altri aspetti tecnici. Al secondo posto per esempio l’ex Campione Europeo Gazzoli con la maglia del Team Colpack Ballan la cui ruota non è terminata lontano da quella del vincitore. Medaglia di bronzo per il ventenne Nencini già in bella evidenza con una fuga nella Firenze-Empoli, quindi Allori (l’anno scorso protagonista di spicco) e Zambelli. Scorrendo ancora la classifica troviamo Pesci, autore di un 2019 di grande continuità, Marouan altro portacolori della Maltinti Banca Cambiano, Ferri giunto terzo 24 ore prima e per chiudere due giovani attesi con grande interesse nel 2020, il Campione Toscano under 23 Benedetti e quello Europeo juniores a cronometro 2019 Tiberi. Un ordine di arrivo di tutto rispetto e davanti a tutti questo esaltante Marchiori, una vera freccia, primo atleta a fare il bis stagionale. Ultimi complimenti alla famiglia Testai (Rino, Alessandro e Simone) che assieme ai collaboratori e sponsor ha fatto vivere un’altra giornata di sport a chi ama il ciclismo.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Leonardo Marchiori (NTT Continental Cycling Tema)  Km 100, in 2h22’29”, media Km 42,110; 2)Michele Gazzoli (Team Colpack Ballan); 3)Tommaso Nencini (Mastromarco Sensi Nibali); 4)Manuel Allori (Maltinti Banca Cambiano); 5)Samuele Zambelli (Iseo Rime Carnovali); 6)Manuel Pesci (Malmantile La Seggiola); 7)Omar Marouan (Maltinti Banca Cambiano); 8)Niccolò Ferri (Mastromarco Sensi Nibali); 9)Gabriele Benedetti (Casillo Petroli Firenze Hopplà); 10)Antonio Tiberi (Team Colpack Ballan)

ANTONIO MANNORI

UNDER 23 – A MARCHIORI LA FIRENZE – EMPOLI

LEONARDO MARCHIORI UN FULMINE NELLA FIRENZE-EMPOLI .

Grande successo per la classica di apertura in Toscana

EMPOLI.- Il primo vincitore della stagione da applaudire è il ventunenne Leonardo Marchiori che con uno sprint capolavoro ha vinto la 33^ Firenze-Empoli, gara di apertura della stagione dilettanti Under 23 in Toscana, svoltasi in una luminosa giornata di sole che ha favorito l’affluenza di un grande pubblico all’arrivo, ma anche nello scenario di Piazzale Michelangelo a Firenze dove l’assessore allo sport del comune fiorentino Cosimo Guccione, ha dato il via alla corsa. Marchiori non si scopre certo oggi, essendo uno dei velocisti in assoluto più forti tra i dilettanti. Ha regolato un gruppo di 50 corridori assumendo la testa a cento metri dal traguardo e nessuno è riuscito ad avvicinarlo. Una progressione fantastica e irresistibile, dopo un ottimo lavoro dei compagni di squadra nl frenetico e velocissimo finale di gara con un gruppo di 50 corridori sulla testa. Marchiori corre nella squadra di matrice sudafricana NTT Continental Cycling Team (ex Dimension Data), affiliata in Toscana in provincia di Lucca e guidata dal tecnico toscano Daniele Nieri. Ai posti d’onore Bonaldo ed il fiorentino Ferri, che dopo la maglia azzurra nel Trofeo di Laigueglia ha ottenuto questo ottimo terzo posto. Alla Firenze-Empoli organizzata in maniera splendida dalla Maltinti Banca Cambiano hanno preso parte 170 corridori di 25 squadre. Protagonisti di giornata con una fuga di 90 chilometri, Parola (Lan Service) e Bazzica (Malmantile La Seggiola) che hanno avuto un massimo vantaggio di 3’30”, poi un generoso tentativo di Nencini e Moro a 36 Km dalla conclusione, prima degli ultimi 15 Km a gruppo compatto, rimasto tale anche sullo strappo di Casette dove la Zalf Euromobil ha fatto l’andatura. Volata dunque a ranghi compatti sul rettilineo di via Carraia, ed imperioso lo spunto di Marchiori per una vittoria di prestigio.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Leonardo Marchiori (NTT Continental Cycling Team) Km 142,5, in 3’42’44”, alla media di Km 38,387; 2)Kevin Bonaldo (Zalf Desirèe Euromobil Fior); 3)Niccolò Ferri (Mastromarco Sensi Nibali); 4)Matteo Baseggio (General Store Essegibi); 5)Luca Colnaghi (Zalf Euomobil Desirèe Fior); 6)Filippo Magli (Mastromarco Sensi Nibali); 7)Davide Baldaccini (Team Colpack Ballan); 8)Martin Marcellusi (Mastromarco sensi Nibali); 9)Federico Molini (idem); 10)Lorenzo Quartucci (Zalf Euromobil Desirèe Fior).

ANTONIO MANNORI

ELITE UNDER 23 – 67° COPPA DEL MOBILIO PONSACCO

AI TOSCANI FRISCIA E MOLINI LA COPPA MOBILIO

Lo sprint di Lorenzo Friscia (prima vittoria quest’anno per l’atleta di Castelfiorentino) al termine della velocissima prova in linea del mattino su di un gruppo di 20 corridori, e la vittoria del pistoiese di Pescia Federico Molini nella cronometro pomeridiana, la cui classifica è anche quella finale della speciale combinata, nella 67^ Coppa Mobilio a Ponsacco, classica di chiusura della stagione 2019 in Toscana. Erano 16 anni (l’ultimo vincitore fu il pisano di Molino d’Egola Manuele Mori) che un atleta toscano non vinceva la combinata. Nella prova in linea (71 partenti di 13 società), dopo un paio di fughe senza successo, la prima di dieci corridori iniziata al Km 28 e conclusa dopo 70 Km sulla salita di Peccioli dopo un vantaggio massimo di un minuto e dieci, la seconda a 20 Km dal traguardo e annullata all’ultimo chilometro, si registrava lo sprint poderoso di Friscia su Iacchi e il russo Bykanov. E qui una curiosità. L’ultimo atleta toscano verace a imporsi nella frazione in linea, era stato nel 2012 Alberto Bettiol che come il vincitore abita a Castelfiorentino. Da segnalare che nei primi 15, quelli che avevano diritto a prendere parte alla crono del pomeriggio, ben 4 atleti della Gragnano Sporting Club e 4 della Mastromrco Sensi Nibali. Proprio quest’ultimo team ha realizzato una splendida doppietta con il successo di Molini e il secondo posto di Ferri, mentre terzo è stato il bravo Frignani. Hanno deluso le attese nella prova contro il tempo lo slovacco Stocek e Fiorelli che era arrivato quinto nel 2018, mentre il velocista Edoardo Sali ha rinunciato alla crono. Per Molini prima vittoria della stagione a chiudere un’annata sicuramente positiva e brillante per la squadra di Mastromarco diretta da Gabriele Balducci.

ORDINE DI ARRIVO (gara in linea): 1)Lorenzo Friscia (Gragnano Sporting Club) Km 125,4, in 2h40’15”, media Km 46,952; 2)Alessandro Iacchi (Team Franco Ballerini); 3)Victor Bykanov (Team Cinelli); 4)Thomas Pesenti (Beltrami TSA Hoppà Petroli Firenze); 5)Matus Stocek (Idem); 6)Tommaso Nencini (Mastromarco Sensi Nibali); 7)Edoardo Sali (Gallina Colosio Eurofeed); 8)Niccolò Ferri (Mastromarco Sensi Nibali); 9)Diego Frignani (Gragnano Sporting Club); 10)Federico Molini (Mastromarco Sensi Nibali); 11)Marouan; 12)Fiorelli; 13)Carollo; 14)Magli); 15)Camargo.

ORDINE DI ARRIVO (crono e Classifica combinata Coppa Mobilio); 1)Federico Molini (Mastromarco Sensi Nibali) Km 33, in 42’04, media Km 47,064; 2)Niccolò Ferri (idem) a 1’20”; 3)Diego Frignani (Gragnano Sporting Club) a 1’32”; 4)Alessandro Iacchi (Team Franco Ballerini) a 2’02”; 5)Victor Bykanov (Team Cinelli) a 2’05”; 6)Matus Stocek )Beltrami TSA Hopplà Petroli Firenze) a 2’29”; 7)Filippo Magli (Mastromarco Sensi Nibali) a 2’46”; 8)Hernandez Camargo (Uc Pistoiese) a 2’47”; 9)Tommaso Nencini (Mastromarco Sensi Nibali) a 3’20”, 10)Omar Marouan (Team Franco Ballerini) a 3’25”.

ANTONIO MANNORI

ELITE UNDER 23 – GRAN PREMIO EZIO DEL ROSSO

MATTIA BAIS SU ALEOTTI NEL G.P. EZIO DEL ROSSO. DOPO LA VITTORIA HA PORTATO I FIORI SULLA TOMBA DI GIOVANNI IANNELLI

MONTECATINI TERME.- Il  Gran Premio Ezio Del Rosso resta una delle corse più belle della stagione e ad aggiudicarselo è stato il Cycling Team Friuli per merito degli scatenati Mattia Bais e Aleotti autori di un finale di gara magnifico. L’arrivo è stato in parata, senza volata e Bais che non aveva ancora vinto nella stagione (per il ventitreenne atleta che compirà gli anni sabato prossimo c’erano stati tre secondi) ha tagliato per primo la fettuccia di arrivo sul bravissimo compagno di squadra, conquistando un successo che vale una stagione. Dietro a oltre un minuto un quartetto che il toscano Ferri ha regolato per la medaglia di bronzo e che comprendeva anche gli attesi Corradini e Buitrago. Proprio il colombiano del Team Cinelli sulla salita verso Goraiolo ha acceso le polveri provocando la reazione di Bais e Aleotti. Ed è stato il vincitore della corsa ad iniziare lo spettacolare volo lungo le strade della Valdinievole, prima di essere ripreso dallo scatenato compagno di squadra Aleotti. Formato il tandem i due corridori in casacca grigio-nera hanno offerto un autentico spettacolo in pianura come sulla salita di Vico al quinto ed ultimo passaggio, per poi raggiungere il Viale Verdi per l’apoteosi finale. Una grande prova la dimostrazione di essere i più forti in senso assoluto. Dietro hanno cercato di reagire e replicare, ma al quartetto non è rimasto che pensare ai piazzamenti visto che la coppia di testa era imprendibile. Positive comunque le prove di Ferri, Corradini, Buitrago e Barison. All’edizione 2019 del Gran Premio Del Rosso-Trofeo CST Tires 126 corridori dei 145 iscritti e solo 16 gli arrivati. Sul palco di arrivo a complimentarsi con i protagonisti della corsa e con gli organizzatori del G.S. Le Casette, il sindaco di Montecatini Terme, Luca Baroncini.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Mattia Bais (Cycling Team Friuli) Km 179, in 4h12’28”, media Km 42,540; 2)Giovanni Aleotti (idem); 3)Niccolò Ferri (Mastromarco Sensi Nibali TLC) a 1’21”; 4)Michele Corradini (Team Fortebraccio); 5)Santiago Sanchez Buitrago (Team Cinelli); 6)Emanuele Barison (Work Service F.Coppi Gazzera) a 1’24”; 7)Yaroslav Parashchak (Team Fortebraccio) a 1’35”; 8)Manuel Pesci (Team Malmantile); 9)Emanuele Favero (Northwave Cofiloc); 10)Francesco Di Felice (General Store Essegibi) a 1’55”.

BEL GESTO DI MATTIA BAIS PER GIOVANNI IANNELLI

PRATO.- Un gesto meraviglioso a insaputa di tutti, quello che ha compiuto domenica il ventitreenne trentino di Nogaredo, Mattia Bais, dilettante èlite del Cycling Team Friuli, dopo la vittoria nel Gran Premio Ezio Del Rosso a Montecatini Terme. Bais dopo la premiazione nel viaggio di ritorno verso casa, ha deciso di fermarsi qualche minuto presso il cimitero della Misericordia di via Galcianese a Prato, per far visita alla tomba dove riposa Giovanni Iannelli, l’atleta pratese morto a seguito della terribile caduta nella gara in provincia di Alessandria il 5 ottobre scorso, e con il quale ha gareggiato in tante competizioni. Lo ha fatto per portare sulla tomba di Giovanni, il mazzo di fiori quale vincitore della classica di Montecatini Terme. Un gesto meraviglioso che gli fa onore e che ha commosso i genitori di Giovanni, Carlo e Anna Maria, che hanno trovato quel mazzo di fiori quando si sono recati al cimitero e senza che sapessero nulla di tutto questo.