TRE TOSCANI AI CAMPIONATI DEL MONDO JUNIORES SU PISTA

Tommaso Nencini, Vittoria Guazzini e Giorgia Catarzi convocati per i Mondiali di Aigle (Svizzera)

Altra grossa soddisfazione per la Pista Toscana. Tommaso Nencini (Fosco Bessi) , Vittoria Guazzini e Giorgia Catarzi (Zhiraf) sono stati convocati per i Campionati del Mondo Juniores su pista che si disputeranno ad Aigle in Svizzera dal 15 al  19 Agosto p.v. I suddetti atleti hanno svolto attività su pista nei Centri Territoriali della Toscana fin dalle categorie esordienti ed allievi facendo parte della Rappresentativa Regionale alle diverse edizioni dei Campionati Italiani Giovanili e conseguendo sempre ottimi risultati.

Questa convocazione è una ulteriore riprova del lavoro svolto in questi anni per sviluppare l’attività su pista in Toscana.

LA MAGNIFICA GIORNATA NEL RICORDO DI MARCO MANFREDI

L’AVVENIMENTO

Una vera e propria festa con esordienti e giovanissimi  

 MASSA.- E’ stata davvero una giornata speciale quella a cui gli sportivi e amanti delle due ruote hanno assistito a Poveromo di Massa in occasione della 3^ edizione del Memorial “Marco una corsa solo per te Forever” organizzata dell’ASD Fabrimar-L’Angolo del Sopuk-Marco Forever. Un importante appuntamento per il ciclismo giovanile iniziato al mattino con le due gare esordienti. La prima vinta dal campione toscano della categoria Edoardo Cipollini (Montecarlo Ciclismo) davanti ai massesi Lorenzo Pancetti (Team Stradella ) e Alex Stella, beniamino di casa della Fabrimar Angolo del Souk. Nella gara del secondo anno, il successo è stato ottenuto dal massese del Velo Club Carrara 1961 , Alessandro Romeo Zanetti che ha regolato allo sprint i compagni di fuga Andrea Raccagni Noviero (Levante) e Daniele Giovannini (Monbtecarlo Ciclismo).

Al termine delle due gare le premiazioni con il neo assessore allo sport del comune di Massa, Eleonora Lama e il presidente del Comitato Regionale Toscana Giacomo Bacci. Erano presenti anche il responsabile della commissione tecnica nazionale della F.C.I. Ruggero Cazzaniga e il presidente del Comitato Provinciale di Massa Carrara, Ferdinando Braconi.

Il clou della giornata nel pomeriggio con la gara riservata alla categoria giovanissimi che ha visto al via atleti provenienti da Liguria, Emilia Romagna, Piemonte e naturalmente da molte province toscane. Un modo davvero bello per onorare la memoria di Marco Manfredi a cui era dedicata l’intera “Giornata Azzurra”. Giuseppe Di Fresco, Stefano Manfredi, Fabrizio Lenzetti, Gianluca Lazzini e tutti gli amici e collaboratori della Fabrimar MySouk.it hanno posto in essere una vera festa dello sport con un pubblico degno di un grande evento per ricordare nel migliore dei modi un vero amico del ciclismo come era Marco Manfredi. Dopo l’esperienza delle passate edizioni, Di Fresco e tutto il suo staff hanno stupito tutti con questa giornata full immersion”, con la promessa che quella del 2019 a cui tutti sono invitati, sarà un’edizione speciale.

                                ANTONIO MANNORI

NOTA: Allegata foto del gruppo organizzatore.

INCREDIBILE SUCCESSO PER LA 71^ COPPA DINO DIDDI

ALLIEVI

Aperte le iscrizioni ed in pochi minuti 263 iscritti

AGLIANA(PT).- Come vuole il regolamento 30 giorni prima dello svolgimento della 71^ Coppa Dino Diddi si sono aperte le iscrizioni e dopo pochi minuti gli iscritti erano già oltre il numero massimo dei partenti consentito che è di 200. Ma le adesioni sono proseguite per questa classica per allievi raggiungendo quota 263. Un successo che si ripete puntuale per questa grande corsa al confine tra le province di Prato e Pistoia in programma domenica 2 settembre e che vedrà al via i migliori esponenti nazionali, campioni italiani su strada, pista e cronometro, plurivittoriosi e ben sette rappresentative regionali allestite dai responsabili tecnici per portare i migliori esponenti in Toscana per questo confronto di prestigio. Una “Diddi” internazionale in quanto ci saranno almeno tre squadre straniere. Stanno lavorando all’organizzazione della gara nata nel 1948, il direttore organizzativo Franco Vettori, il Gs Dino Diddi con il suo presidente Claudio Taffini, tutto il gruppo dei collaboratori che abbraccia alcune società sportive della zona di Agliana e Ponte alla Trave, i volontari delle Associazioni. Un gruppo omogeneo e magnifico per continuare a far vivere una corsa che ha raggiunto il “top” grazie anche a numerosi sponsor soprattutto delle province di Prato e Pistoia. Non cambierà il percorso di poco superiore ai 90 Km con la partenza alle 14,15, e quindi la salita verso il Montalbano, con il San Baronto dal versante pistoiese e da quello di Vinci, mentre l’arrivo come al solito su via Roma. Il ritrovo alla Bocciofila e prima del via ci saranno tante premiazioni, agli atleti e agli addetti ai lavori, ai dirigenti, perché la Coppa Dino Diddi non intende dimenticare nessuno. Avremo modo di parlare dei protagonisti (l’anno scorso vinse l’aretino Enrico Baglioni del Pedale Toscanain volata) per il momento non resta che registrare questo record di adesioni per questa vera e propria classica in tutti i sensi.

                                ANTONIO MANNORI

                           =====

NOTA: Allegata foto della vittoria di Enrico Baglioni (Pedale Toscano) nel 2017.    

FIORELLI FINISCE A TERRA – DORIGONI VINCE PER DISTACCO A LAMPORECCHIO

ELITE UNDER 23

Finale drammatico nel Trofeo Comune-Chianti Sensi

LAMPORECCHIO(PT).- Colpo di scena nel finale del 58° Trofeo Comune di Lamporecchio-Trofeo Chianti Sensi per dilettanti élite under 23 svoltosi in occasione della fiera. A cinque Km e mezzo dal traguardo al comando dellagara il ventiquattrenne siciliano Filippo Fiorelli, atleta della Gragnano Sporting Club in smaglianti condizioni di forma con tre vittorie, l’ultima domenica a Montallese e 4 secondi posti, negli ultimi due mesi e mezzo di attività. Fiorelli aveva staccato tutti (ultimo a cedere il vincitore della gara nel 2017 Delle Foglie) sulla salita di Fornello a 18 Km dall’arrivo. Terminata la discesa su Lamporecchio, Fiorelli con 25” di margine sui tre inseguitori, Dorigoni, Casarotto e Leone, finiva a terra in una curva nella zona tra Lamporecchio e Larciano. Si rialzava, con qualche leggera escoriazione, mentre il terzetto alle spalle era praticamente nella sua scia, e lo raggiungeva a 4 Km dal traguardo. Un chilometro più avanti era Jakob Dorigoni a lanciare l’attacco favorito dalla presenza nel quartetto del compagnoCasarotto. Era l’azione decisiva e sul traguardo di via Togliatti il ventenne della General Store giungeva con 10” di vantaggio sullo sfortunatissimo Fiorelli, Casarotto e Leone.  Questo il finale per certi versi drammatico della gara organizzata dalla Mastromarco con 129 corridori al via di 22 società. Prima di quanto successo nel finale, da ricordare una fuga di 70 Km di Natali, Angiulli, Affaticati e Cataldo. Il via alla corsa è stato dato dal sindacoAlessio Torrigiani, dall’assessore allo sport Emanuela Bruno e dal presidente del Comitato Toscana di ciclismo Bacci.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Jakob Dorigoni (General Store Bottoli) Km 138, in 3h11’, media Km 43,189; 2)Filippo Fiorelli (Gragnano) a 10”; 3)David Casarotto (General Store); 4)Davide Leone (Porto Sant’Elpidio); 5)Andrea Cacciotti (Petroli Firenze Hopplà) a 20”; 6)Fiaschi a 22”; 7)Friscia; 8)Iacchi; 9)Sowinski; 10)Fortunato.

                               Antonio Mannori

Corso Di Formazione Per Maestro Istruttore Categorie Promozionali e Giovanissimi TM1 novembre 2018

Firenze 03 Agosto 2018

la commissione cultura e  corsi del comitato regionale Toscano comunica la convocazione di un corso di FORMAZIONE  Per Maestro Istruttore Categorie Promozionali e Giovanissimi  TM1 in programma nel prossimo novembre 2018:

Corso Di Formazione Per Maestro Istruttore Categorie Promozionali e Giovanissimi TM1

A Cinquale Montignoso (MS) presso la sede dell’APT in  Via del Freo 

3-4 -10-11-24-25 NOVEMBRE 2018

Si organizza nei giorni 3-4 -10-11-24-25 NOVEMBRE 2018 un corso per Maestro Istruttore Categorie Promozionali e Giovanissimi TM1. Il corso si svolgerà presso la sede dell’APT in  Via del Freo a Cinquale Montignoso (MS)   Continua leggere →

CALENDARIO CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO 2018/2019

Firenze 02 agosto 2018

La commissione cultura e corsi del comitato regionale Toscano comunica i corsi per i direttori sportivi in programma nel prossimo autunno inverno:

AGGIORNAMENTI 1°-2°-3° LIVELLO

27/28 OTTOBRE – 17/18 NOVEMBRE  – 12 GENNAIO 2019

  • 27 OTTOBRE 3° LIVELLO FIRENZE aula magna del Coni
  • 28 OTTOBRE 1°- 2° LIVELLO LUCCA aula magna del Coni
  • 17 NOVEMBRE 3° LIVELLO LUCCA aula magna del Coni
  • 18 NOVEMBRE 1°-2° LIVELLO FIRENZE aula magna del Coni
  • 12 GENNAIO 2019 1-2-3- LIVELLO FIRENZE aula magna del Coni

CORSO TM1 MASSA Loc. Cinquale sala APT

Via del Freo, Cinquale di Montignoso, Italia

3-4 -10-11- 24-25 NOVEMBRE

ESAME 26-27 GENNAIO 2019

CORSO TA2 FOLLONICA c/o AST enginering s.r.l. via dell’artigianato 745 

8-9-10- 22-23-24 FEBBRAIO 8-9-10 MARZO

ESAME 11-12 MAGGIO

 

per maggiori dettagli leggere i comunicati di convocazione di ogni singolo corso su questo sito

 

VENCHIARUTTI SFRECCIA NEL X° G.P.POLVERINI A LEVANE

ELITE UNDER 23

LEVANE(Ar).- La partenza nel tardo pomeriggio, la conclusione in notturna dopo le ore ventidue e trenta. La semi-notturna di Levane, località in provincia di Arezzo, imperniata sul X° Gran Premio Arredamenti Polverini con l’organizzazione della Fracor, del locale Circolo Arci e degli sportivi valdarnesi, è stata questa volta firmata dal ventenne friulano Nicola Venchiarutti che sul traguardo nel centro della località valdarnese ha messo in fila i tre compagni di fuga con i quali ha dato vita nel finale della gara alla fuga decisiva. Con il vincitore anche il suo prezioso compagno di squadra Pessot, Zandri e Tosin. Il quartetto una volta preso il largo durante la kermesse cittadina su 40 giri (nella prima parte erano previsti tre giri di un ampio circuito che ha toccato anche Poggio Bagnoli e Badia Agnano) hanno viaggiato di comune accordo e dietro i pochi rimasti in gara non sono più riusciti ad avvicinare i protagonisti della fuga che si sono giocati il successo il volata. Ben spalleggiato da Pessot, Venchiarutti ha preso la testa non consentendo a nessuno di contrastare il suo successo primo stagionale per il corridore di Osoppo che gareggia nel Cycling Team Friuli dopo i suoi trascorsi da juniores nel Team Danieli. Ai posti d’onore Zandri e Rosin, mentre i primi inseguitori si sono presentati al traguardo con una quarantina di secondi di ritardo. Numerosi gli sportivi che hanno assistito alle fasi finali lungo il circuito di Levane di questa gara diretta da Fabrizio Carnasciali con l’ausilio degli sportivi locali e della Fracor che ricorda il prossimo impegno organizzativo assieme al Gruppo Sportivo Cesa, con il 96° Circuito di Cesa-Trofeo S.Lucia in programma nella località della Valdichiana in provincia di Arezzo.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Nicola Venchiarutti (Cycling Team Friuli) Km 140 in 3h22’45”, media Km 41,430; 2)Francesco Zandri (Gallina Colosio Eurofeed); 3)Riccardo Tosin (Work Service Videa Coppi Gazzera); 4)Alessandro Pessot (Cycling Team Friuli); 5)Stefano Gandin (Work Service Videa Coppi Gazzera) a 42”; 6)Simone Cerio (Sestese Etruria Amore&Vita); 7)Mirco Sartori (Mastromarco Sensi Nibali) a 1’15”; 8)Michael Antonelli (idem); 9)Gabriele Bonechi (Team Cervèlo); 10)Filippo Fiorelli (Gragnano Sporting Club). Iscritti 130, partiti 111, arrivati 22.

                                ANTONIO MANNORI

COLONNA CENTRA IL SUCCESSO SUL TRAGUARDO DI VINCI

UNDER 23  – 55° GRAN PREMIO CITTA’ DI VINCI –

VINCI(FI).- Dopo una serie di ottime prestazioni fornite nelle ultime settimane, il toscano di Cerbaia di Lamporecchio, Yuri Colonna ha finalmente coronato e finalizzato con la vittoria un’altra eccellente prestazione. Un successo meritatissimo e indiscutibile quello conseguito nel 55° Gran Premio Città di Vinci riservato ai soli Under 23 organizzato dalla Maltinti Lampadari Banca Cambiano. Sul traguardo in salita di via Rossi, Colonna ha superato i due compagni di fuga Covi e Zoccarato dopo una gara resa impegnativa dal gran caldo e dal nuovo percorso ideato dagli organizzatori e che è risultato apprezzato da tutti sul piano tecnico ancorchépiù duro e difficile. Colonna è stato sempre un protagonista di spicco della gara, così come lo sono stati Abenante, Edoardo Ferri e Borgo (tutti e tre spesso in prima fila) mentre con il vincitore sul podio finale sono finiti giustamente Covi e Zoccarato. L’atleta del Team Colpack ha fatto autocritica dopo la corsa. “Sulla vittoria di Colonna nulla da dire, anch’io sono veloce, ma la mia colpa è quella di non aver visionato il tratto finale in salita verso il traguardo. Colonna che è della zona lo conosceva a fondo, se lo avessi visto avrei potuto giocarmi meglio le mie carte”. Terzo un’encomiabile Zoccarato che quando erano in fuga Covi, Colonna e Ferri (che poi mollava) è stato l’unico a lasciare il gruppo che viaggiava a 1’20” riportandosi sul tandem di testa. “In volata non avevo più forza, le gambe erano vuote per lo sforzo effettuato nell’inseguimento – dice Zoccarato – ma questo terzo posto è risultato da non buttare. Al Gp Città di Vinci hanno preso il via 107 corridori di 17 società. Prima del via un minuto di silenzio per ricordare Raffaello Cantini per 30 anni addetto ai lavori in seno alla Maltinti Banca Cambiano e Paolo Marcucci. Otto i giri di 15 Km e mezzo con le salite di Quattro Madonne e San Donato, diversi altri saliscendi ed un paio di impennate, e tutte in zone senza zone di ombra, sotto un sole implacabile. Gara subito animata da vari tentativi e quello più consistente di Abenante e Baccio. Rientrato il tentativo erano Colonna, Covi, Ferri e Borgo a dar vita alla fuga decisiva. Si stacca Borgo, mentre a 13 Km dall’arrivo anche Ferri mollava, mentre c’era lo spettacolare rientro di Zoccarato su Covi e Colonna. In volata netta la vittoria del pistoiese tra l’incontenibile gioia dei suoi sportivi e tifosi giunti dalla vicina Cerbaia di Lamporecchio, dei suoi familiari, la mamma Lara, il padre Federico, ex professionista Mapei, che forse per la prima volta ha pianto di commozione nel vedere vincere il figlio tra i dilettanti.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Yuri Colonna (Petroli Firenze Hopplà Maserati) Km 124,5, in 3h19’15”, media Km 37,412; 2)Alessandro Covi (Team Colpack) a 2”; 3)Samuele Zoccarato (General Store Bottoli) a 5”; 4)Giacomo Garavaglia (Petroli Firenze Hopplà Maserati) a 15”; 5) Stefano Oldani (Team Colpack) a 20”; 6)David Italiani (Maltinti Banca Cambiano) a 23”; 7)Nicola Breda (Zalf Euromobil Desirèe Fior) a 33”; 8)Nicolò Garibbo (Overall FGM Tre Colli); 9)Matteo Conforti (Gragnano Sporting Club Caselli); 10)Edoardo Ferri (Zalf Euromobil Desirèe Fior) a 1’20”.

                              ANTONIO MANNORI

DECIMA VITTORIA DI GERMANI A LA STELLA

ALLIEVI 

Finale emozionante del Trofeo Vescovi-Memorial Cecconi

LA STELLA DI VINCI(FI).- Intelligenza, senso tattico  e forza, le componenti con le quali il laziale Lorenzo Germani ha raggiunto la decima vittoria stagionale, ottenuta sul traguardo a La Stella di Vinci, al termine del G.P.Panificio Vescovi, gara di apertura della “Giornata Azzurra” dedicata al ricordo di Claudio Cecconi. Germani aveva vinto al sabato la crono di S.Croce sull’Arno, dimostrando di non risentire della fatica del giorno prima. A parte i tentativi di fuga di Sulaj e Magli, gara condotta sempre a gruppo compatto e senza emozioni. Nel finale si accendeva la bagarre con l’allungo a 2 Km e mezzo dall’arrivo di Crescioli che correva in casa. Il battistrada era prontamente ripreso da Peschi e Gimignani, ma sul terzetto con un ottimo numero, rinveniva in maniera poderosa Germani che poi allungava con Peschi superando il massese in volata. Terzo era Rabba, giunto secondo in questa corsa nel 2017. I premi consegnati da Gabriella Menichetti presidente del gruppo “Amici di Claudio”, da Bacci, La Manna e Valerio Vescovi che 26 anni fa assieme al compianto Claudio Cecconi istituì la corsa alla quale erano presenti 128 allievi.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Lorenzo Germani (Velosport Ferentino) Km 80,7, in 1h59’, media Km 40,420; 2)Lorenzo Peschi (Big Hunter Seanese); 3)Andrea Rubba (Aspiratori Otelli) a 4”; 4)Leonardo Galigani (Milleluci); 5)Francesco Brugnoli (Berti Mobili Benassi).

Antonio Mannori