ELITE/UNDER 23: GRANDE SPRINT DI SPINELLI NELLA 75^ FIRENZE-VIAREGGIO

Il podio della 75^ Firenze-Viareggio (Foto V. Pagni)

 

Lo sprint di Spinelli su Colombo (Foto V. PagnI)

Viareggio,15 agosto 2022 – Dopo 43 anni (nel 1979 si era affermato Stefano Alderighi) la Maltinti Lampadari-Banca Cambiano è tornata a vincere la Firenze-Viareggio la classica di Ferragosto. E’ stato il ventunenne pistoiese di Pieve a Nievole, Nicholas Spinelli ad imporsi con una fantastica rimonta negli ultimi 30 metri nei confronti dei due compagni di fuga, Colombo che aveva lanciato la volata ai 150 metri e Faresin promotore del tentativo a 5 km dal traguardo.

“Francamente – dice il felicissimo vincitore – non so come e dove ho trovato la forza di superare Colombo negli ultimi metri. Questa prima vittoria tra i dilettanti mi ripaga dei sacrifici, e la dedico alla mia famiglia, alla fidanzata, a tutto lo staff tecnico della società e al presidente Renzo Maltinti che da un po’ di tempo ha problemi di salute e non ci può seguire come era nel suo costume”. Un successo meritato per Spinelli ottimo protagonista negli ultimi due mesi con una crescita costante fino a raggiungere questo prestigiosa successo, il primo per lui nei dilettanti. E’ stato un finale scintillante per questa edizione n.75 della Firenze-Viareggio. La Zalf Euromobil Desirèe Fior che in 40 anni di attività non ha mai vinto questa gara, ha fatto di tutto per vincerla. L’attacco da lontano di Zurlo in compagnia del bravo Garavaglia e Giosuè Crescioli, quello di Acco prima di attaccare la salita di Pedona, inserita nuovamente nel percorso dagli organizzatori dell’Aurora, infine quando sulla testa terminata la discese si è formato un gruppo di 17 corridore, l’allungo di Faresin, sui quali si sono riportati quasi subito Colombo e Spinelli e con gli inseguitori a una decina di secondi, che non sono riusciti a riprenderli terminando nella scia del terzetto in volata, quando ormai era tardi per sperare di lottare per il successo. Prima del finale da ricordare il brillante attacco sulla salita del Pedona del francese Delcros e di Cavallo. Quest’ultimo era primo al gran premio della montagna a 14 km dal traguardo, ma in discesa restava da solo per un incidente meccanico (salto della catena al francese) prima di essere raggiunto al termine della picchiata a 7 km dall’arrivo dai primi inseguitori. Alla corsa nazionale hanno preso parte 159 atleti di 29 squadre e via che è stato dato dall’assessore allo sport del Comune di Firenze, Cosimo Guccione e dal presidente del Comitato Regionale Toscana di ciclismo Saverio Metti. Al traguardo gli assessori Cecilia Del Re (Comune di Firene) e Alessandro Meciani (per quello di Viareggio) oltre a Stefano e Alessio Baronti, figli del compianto Giuliano che hanno premiato lo splendido vincitore della corsa mentre esplodeva l’entusiasmo nel clan della Maltinti Lampadari Banca Cambiano e c’è da giurare quello di Renzo Maltinti che ha seguito in televisione il successo di uno dei suoi atleti. Appassionato il lavoro organizzativo dell’Aurora presieduta da Giampaolo Ristori, con il direttore generale Daniele Grazi.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Nicholas Spinelli (Maltinti Lampadari-Banca Cambiano) Km 186,200, in 4h23’53”, alla media di Km 42,337, 2) Raul Colombo (Work Service Group Vitalcare Vega); 3)Francesco Edoardo Faresin (Zalf Euromobil Desiree Fior); 4)Lorenzo Quartucci (Hopplà-Petroli Firenze-Don Camillo); 5) Samuele Zambelli (Work Service Group Vitalcare Vega); 6)Christian Bagatin (Carnovali Rime Sias); 7)Federico Molini (Maltinti Lampadari Banca Cambiano); 8) Giacomo Garavaglia (Work Service Group Vitalcare Vega); 9)Andrea De Totto (Trentino Cycling Team U23); 10)Alessandro Iacchi (Team Qhubeka).

Antonio Mannori

 

 

 

ELITE/UNDER 23: TUTTI A CACCIA DELLA FIRENZE-VIAREGGIO E CONTRO LA ZALF

 

Il profilo altimetrico della 75^ Firenze-Viareggio

FIRENZE – Tra le tante vittorie ottenute (oltre 1100 in 40 anni di attività) manca allo squadrone della Zalf Euromobil la Firenze-Viareggio. Il team veneto spesso assente alla classica di Ferragosto, cercherà domani di sfatare il tabù con il terzetto, Zurlo, Verza, Rocchetta, di fronte a diversi atleti che hanno le stesse ambizioni perché il traguardo sul lungomare della Versilia piace a tutti. Ci saranno anche il team francese AVC Aix Provence, quello olandese del Racing Academy, il team inglese Zappi e la Nazionale dell’Ucraina per cui definire la gara “internazionale” non è esagerato, ed è questa l’etichetta alla quale pensano gli organizzatori dell’Aurora (il presidente Giampaolo Ristori e il direttore generale Daniele Grazi), a partire già dall’edizione del prossimo anno. Gara spettacolare nel suo percorso, dal fascino inimitabile, con patrocinio di Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Comuni di Firenze e Viareggio), sponsor principale il Corpo Vigili Giurati ed apporto tecnico dell’Ocip.

PERCORSO: Via ufficioso da Piazza Tasso nel quartiere di San Frediano alle 7,10, e partenza ufficiale da via Pistoiese alle 7,30 dopo essere transitati dall’Isolotto, S.Bartolo a Cintoia e sul Viadotto dell’Indiano, quindi Poggio a Caiano, Pistoia, Serravalle Pistoiese, Monsummano, Montecatini (km 46, ore 8,35), Vico, Prunetta, Le Piastre, Monte Oppio (km 90, ore 9,40), S.Marcello Pistoiese, Bagni di Lucca (km 118, ore 10,20), S.Martino in Freddana, Montemagno, Camaiore, Pedona (km 167 ore 11,30). Da qui la vertiginosa discesa su Corsanico, Bargecchia e Piano di Conca da affrontare con la massima attenzione. Gli ultimi chilometri da Montramito al lungomare sono tutti in pianura con arrivo all’altezza di Piazza Mazzini (km 180 ore 11,55).

FAVORITI: Ventinove le squadre per 167 corridori, ed oltre ai tre atleti della Zalf ricordati più sopra, appaiono in ottima condizione Crescioli (il migliore atleta toscano del primo anno in categoria), il velocista pratese Cataldo, il fiorentino Iacchi, il Campione Toscano under 23 Andrea Cantoni, Lucca, Zambelli, Cretti, che ha fatto il bis martedì scorso in Veneto, Bonaldo, Garibbo, Peschi, Lorenzo Magli, e il vincitore dell’edizione dello scorso anno Luca Coati. Completiamo la rosa dei pretendenti al successo (ma le sorprese sono sempre all’ordine del giorno) con il Campione Toscano élite Federico Molini, Pirro, Radice, Dati, Nencini, Garzi, Butteroni, Ciafardini, Quartucci, Bonetto, Baseggio, Laino, l’eritreo Ghebrehiwet.

Tra le novità di quest’anno della Firenze-Viareggio, la diretta televisiva su TVL Canale 14 degli ultimi 40 chilometri della gara che gli sportivi presenti al traguardo potranno seguire su di un maxischermo istallato all’altezza del traguardo. 

Antonio Mannori

IMPIANTI & SICUREZZA: 2,5 MILIONI DI EURO PER IL CICLODROMO A GROSSETO

GROSSETO – Arriva da Grosseto annunciata dallo stesso sindaco della città Antonfrancesco Vivarelli Colonna, una bella notizia per il ciclismo e non solo, visto che l’impianto che verrà realizzato sarà multidisciplinare

“Un’altra grande vittoria, non solo per l’amministrazione ma per tutto il nostro territorio – ha affermato il sindaco -. Abbiamo avuto notizia di aver ottenuto il finanziamento necessario, grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per la realizzazione di un nuovo ciclodromo multidisciplinare, che sorgerà nell’area di via Castiglionese, all’altezza di via Quarzo. 2,5 milioni di euro, dunque, per la nascita di questa magnifica struttura, che sarà dotata di tutti i servizi, impianti e parcheggi necessari.

Il ciclodromo – continua il sindaco nell’esprimere la sua soddisfazione su Facebook  – soddisferà le esigenze di tutti quegli sportivi, secondo specifiche esigenze: non solo ciclismo su strada, quindi, ma anche specialità come BMX, mountain bike, skateboard e pattinaggio. Ci sarà anche un percorso adibito a “pump track”, fatto di salite e discese che si adattano perfettamente a queste specialità. E poi tribune, spogliatoi, un’infermeria, aree ristoro. Questo nuovo spazio, lontano dal traffico cittadino, sarà a disposizione di tutti, singoli o anche associazioni, e consentirà di praticare l’attività che si preferisce in tutta tranquillità. Non ultimo, andremo a intervenire su un quadrante bisognoso di un’incisiva azione di riqualificazione, creando un punto di incontro e aggregazione per i giovani, le famiglie e gli sportivi”.

Naturalmente soddisfatto il presidente del Comitato Regionale Toscana di ciclismo Saverio Metti.

“Un grandissimo risultato, ottenuto grazie all’amministrazione comunale di Grosseto che ringrazio per averci ascoltato. Molto del merito va a Alessandro Villani, delegato FCI di Grosseto che da quando ha preso in mano la provincia ha dato una svolta trovando la collaborazione di tutte le società e i personaggi ciclistici di Grosseto. Un grande polo ciclistico in una zona perfetta sia per il fuoristrada che per la strada, che darà un impulsò enorme per questo nostro sport. Erano gli obbiettivi – conclude il presidente Metti – che ci eravamo dati, velodromo e grandi impianti per la bici in tutte le loro declinazioni. Mai mollare… e non molliamo su niente…. La federazione potrà contare su un impianto moderno, polifunzionale che sarà a disposizione di tutti con accoglienza e ristoro”.

ANTONIO MANNORI

UN MINUTO DI SILENZIO E LUTTO AL BRACCIO NEL RICORDO DI BARONTI

Giuliano Baronti

FIRENZE – L’unanime cordoglio da parte del mondo del ciclismo per la morte di Giuliano Baronti titolare della Neri Sottoli grande appassionato di questo sport troverà un’altra profonda e commossa espressione in occasione delle gare ciclistiche in programma in Toscana oggi domenica 14 agosto, domani nel giorno di Ferragosto e giovedì 18 agosto. 

“Il Consiglio del Comitato Regionale Toscana, in memoria di Giuliano Baronti, titolare della Neri Sottoli deceduto lo scorso 10 agosto, dispone che venga osservato un minuto di silenzio prima della partenza delle gare dei giorni 14, 15 e 18 agosto e che tutti gli atleti partecipanti e gli addetti ai lavori indossino un segno di lutto”. Questo il comunicato firmato dal presidente Saverio Metti.

  An.Mann.

 

 

 

 

 

 

INDETTO UN CORSO PER GIUDICI DI GARA IN TOSCANA

Sergio Sbrilli presidente della CRGG della Toscana

La locandina che annuncia il corso per giudici di gara in Toscana

Quello dei Commissari di Gara è un ruolo fondamentale e di riferimento per il ciclismo, soprattutto per la buona riuscita delle gare che vengono organizzate. Alla preparazione e capacità nel conoscere ed applicare i regolamenti, il Commissario rappresenta anche l’anello di congiunzione con tutte le altre componenti di una gara. Importante in questo senso anche il reclutamento di nuovi giudici, da qui la decisione della Commissione Regionale della Toscana presieduta da Sergio Sbrilli, componenti Federica Occhini e Simone Lamanda, di indire un corso.

Non c’è dubbio che negli ultimi anni il ruolo dei Giudici di Gara si è trasformato di pari passo con l’evoluzione del mondo del ciclismo e la crescita di varie discipline come il fuoristrada, il mountain bike, l’enduro, il paralimpico. Il corso on line gratuito per la formazione di nuovi Giudici di Gara comprende attività strada, pista, fuoristrada, ciclocross, paraciclismo, Trial, BMX. Alla fine del corso ci sarà l’esame di abilitazione per l’ammissione nella categoria. Le iscrizioni vanno fatte entro il 15 settembre 2022 ed occorre avere compiuto il 16° anno di età e non avere superato il 55°. Per ulteriori informazioni, rivolgersi a crggtoscana@federciclismo.it oppure a toscana@federciclismo.it

  Antonio Mannori

 

LUTTO: DOMANI I FUNERALI DI GIULIANO BARONTI A LAMPORECCHIO

Tantissimi i messaggi e le testimonianze di cordoglio giunte in queste ore ai familiari di Giuliano Baronti, notissimo imprenditore morto ieri martedì nella tarda serata, titolare dell’azienda Neri Sottoli.it con sede in via Amendola a Cerbaia di Lamporecchio, grandissimo appassionato di ciclismo sino dal 1977 quando costituì una squadra di giovanissimi a Mastromarco della quale faceva parte anche Riccardo Lisi. Sulla scomparsa di Giuliano le parole di uno dei figli, Stefano.

Ciao Babbo! Oggi se ne va il MIO numero 1, oggi se ne va il mio Babbo, ed anche il mio CEO in Neri Sottoli.

Per me è una doppia perdita, che andrà metabolizzata con il tempo. Se ne è andato così veloce e così improvvisamente da nemmeno rendermene bene conto. Come sempre c’è l’abbiamo messa tutta, ma questa volta non ci siamo riusciti! TVB Babbo, per sempre ti porterò nel mio cuore, per sempre c’è la metteremo tutta!”.

La salma di Giuliano Baronti sarà esposta a partire dalle ore 16 di oggi mercoledì 10 agosto presso la sua abitazione in via Cerbaia a Cerbaia di Lamporecchio (PT). I funerali  domani giovedì 11 agosto con partenza dalla sua abitazione alle ore 17, mentre la funzione religiosa si terrà presso la Chiesa di Santo Stefano a Lamporecchio con inizio alle ore 17,30.

Antonio Mannori

 

 

LUTTO: TUTTO IL CICLISMO PIANGE LA MORTE DI GIULIANO BARONTI

Giuliano Baronti premia Antonio Tiberi

 

Giuliano Baronti

Una notizia che sembra non vera ma purtroppo lo è. Tutto il ciclismo senza esclusione di categoria e di nessun addetto ai lavori, piange la scomparsa di Giuliano Baronti titolare della Neri Sottoli.it un sigla che da decine di anni accompagna il ciclismo sia come sponsor di squadre (professionisti, dilettanti, juniores) sia per il sostegno a tante gare ciclistiche l’ultima dieci giorni fa con il Gran Premio Neri Sottoli.it nella giornata ciclistica a La Stella di Vinci nel ricordo di Claudio Cecconi. Ora siamo qui a scrivere qualche riga che non avremmo mai voluto fare. Dopo una breve malattia stanotte è arrivato l’ultimo sospiro di questo grandissimo appassionato di ciclismo del quale siamo stati, e lo scriviamo con orgoglio, compagni di viaggio nel ciclismo per decine di anni. Sempre disponibile alle richieste che arrivavano dal mondo del ciclismo per ogni iniziativa o manifestazione. Questo sport che aveva nel cuore gli ha offerto immense gioie, anche momenti non felici, battaglie da affrontare e superare, ma Giuliano ha saputo sempre superare quei momenti con quello stile e il buonsenso, che erano anche il frutto di una passione senza confini. Potremmo scegliere tanti momenti della sua vita per ricordarlo felice, come in occasione della festa nel 2017 per i 70 anni della sua azienda a Cerbaia di Lamporecchio, oppure dopo i tre successi di Giovanni Visconti nel Campionato Italiano assoluto. In attesa di conoscere luogo e data dei funerali preferiamo fermarci qui ed unirsi al dolore immenso dei suoi due figli, Alessio e Stefano, dei familiari ed a quello universale che siamo certi arriverà da tutto il mondo del ciclismo e non solo. Da tutte le componenti del Comitato Regionale Toscana al quale Giuliano Baronti era legato, dal presidente Saverio Metti, le espressioni del più sincero e profondo cordoglio.

Antonio Mannori

 

 

 

JUNIORES: IL CANADESE LEONARD TORNA AL SUCCESSO A LE CASETTE

Michael Leonard in una foto di archivio

Torna al successo nel 4° Trofeo Madonna del Cavatore a Le Casette di Massa il canadese Michail Leonard del Team Franco Ballerini, guidato da Luca Scinto dopo l’abbandono da parte del direttore sportivo Andrea Bardelli. Leonard dopo uno stop di qualche settimana a seguito di una grave caduta, ha ripreso l’attività ed appare di nuovo brillante come all’inizio della stagione quando s’impose nella prima gara juniores in Toscana a Cantagrillo per poi proseguire con i successi a Lama San Giustino in Umbria, Boncellino in provincia di Ravenna e nella cronometro a Romanengo in Lombardia. La quinta vittoria firmata alle pendici delle Apuane in una gara nazionale con 93 partenti e 36 arrivati, risultata dura e impegnativa per le precedenti salite di Evam, Foce e Fortezza, oltre al finale tutto in salita. E qui Leonard ha lasciato tutti raggiungendo il traguardo de Le Casette con 22” su Nespoli e Cattani mentre Novak è giunto quasi a due minuti. Ottima l’organizzazione curata dagli appassionati sportivi di questa piccola località, dove il ciclismo ha sempre avuto un ruolo importante.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Michael Leonard (Team Franco Ballerini) Km 123, in 3h13’45”, media Km 38,090; 2)Lorenzo Nespoli (G.S. Giovani Giussanesi) a 22”; 3)Alessandro Cattani (Bustese Olonia) a 25”; 4)Samuel Novak (Borgo Molino Vigna Fiorita) a 1’50”; 5)Stefano Leali (Team F.lli Giorgi) a 2’09; 6)Nicolo’ Arrighetti (Gs Massi Supermercati Terranova) a 2’15”; 7)Samuele Privitera (Team F.lli Giorgi) a 2’17”; 8)Pietro Dapporto (Italia Nuova Borgo Panigale) a 2’50”; 9)Gabriele Bessega (Bustese Olonia) a 3’30”; 10)Matteo Scalco (Borgo Molino Vigna Fiorita) a 4’04”.

Antonio Mannori

ALLIEVI: ACCOPPIATA EMPOLESE NELLA CLASSICA PISA-VOLTERRA

Il podio di Volterra (Foto Valerio Pagni)

VOLTERRA – Un vero spettacolo e uno splendido gesto atletico per i due allievi in maglia biancoazzurra dell’Unione Ciclistica Empolese, nel Trofeo ciclistico da Pisa (il via dal ciclodromo di Coltano) a Volterra-Memorial Ettore Stefanucci. Hanno compiuto la prodezza Giulio Pavi Degl’Innocenti al terzo successo stagionale, e Lapo Cardelli che hanno concluso la gara nell’ordine sul Viale I Ponti all’ingresso nel centro storico della bella città come al solito presa d’assalto da tanti visitatori. E’ stato un ultimo chilometro spettacolare con Pavi Degl’Innocenti e Cardelli (sempre più bravi e autorevoli) che hanno preso decisamente l’iniziativa sgranando il gruppo dei dieci battistrada, riuscendo ad avere ragione del bravo Gabelloni, giunto terzo. A seguire due dei principali favoriti di questa classica, Rolando e Finn. Il primo non è stato in grado di replicare all’allungo della coppia fiorentina, mentre Finn non era al meglio della condizione avendo qualche problema di respirazione. Un arrivo con tutti i migliori nella Top ten basti ricordare l’attivo Bufalini, il campione toscano il fiorentino Migheli (tra l’altro anche caduto senza conseguenze), Bartoli, Fejzai e Calcina assai vivace. Da ricordare in questo Trofeo Pisa-Volterra, una delle edizioni più belle e combattute e sino dall’inizio, il generoso tentativo di fuga di Fondelli rimasto per una ventina di chilometri da solo al comando e ripreso a 4 dal traguardo. Grande gioia naturalmente nel clan della società fiorentina vincitrice, con il presidente Gianluca Chiti, il Ds Bartalucci, Buggiani, Testai, Mori ed i loro collaboratori, ed ottima l’organizzazione della gara della Coltano Grube. Erano presenti il consigliere del Comitato Regionale Toscana di ciclismo Federico Micheli e il presidente del Comitato Provinciale di Pisa, Nicola Procino.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Giulio Pavi Degl’Innocenti (Uc Empolese) Km 80, in 2h19’, media Km 34,409; 2)Lapo Cardelli (idem) a 3”; 3)Matteo Gabelloni (Team Mentecorpo); 4)Joann Rolando (Ciclistica Armaditaggia) a 10”; 5)Mark Lorenzo Finn (idem) a 19”; 6)Bufalini; 7)Migheli a 25”; 8)Bartoli a 30”; 9)Fejzai; 10)Calcina.

Antonio Mannori

 

 

 

JUNIORES: L’IRLANDESE GILSANAN DA SOLO NEL MEMORIAL ANTONIO COLO’

Il podio del Memorial Antonio Colò (Foto R. Fruzzetti).

Groppo di Tresana (MS) – Il diciottenne irlandese Adam Gilsanan del Canturino 1902, studente che ha gareggiato poco nel corso della stagione per gli impegni in Italia con lo studio ha vinto per distacco con un’azione spettacolare il 18° Memorial Antonio Col, gara nazionale juniores valida anche per il Giro dei 4 Comuni a ricordare i territori della Lunigiana attraversati dalla bella gara, Tresana, Villafranca Lunigiana, Mulazzo e Licciana Nardi. La partenza da Barbaresco l’arrivo con tre chilometri finali impegnativi con ripidi tornanti nella piccola frazione di Groppo dove gli sportivi ricordano sempre l’arrivo del 14 agosto 2016 quando vinse il pratese Matteo Sensi e terzo giunse lo sloveno l’allora diciottenne juniores Tadej Pogacar. Il tutto sotto la regìa del Pedale Spezzino e del Comitato Sportivi di Groppo di Tresana presieduto da Paolo Colò che assieme al figlio Alessandro hanno voluto ricordare la figura del padre di Paolo, Antonio grande appassionato di ciclismo. Al via della corsa seguita anche dal C.T. della Nazionale Azzurra juniores Edoardo Salvoldi, 98 atleti di 17 squadre: Dopo una fuga iniziale di Olivetti, Garacci e Banfi il gruppo marciava compatto per diversi chilometri quindi attorno all’ottantesimo chilometro nasceva la fuga decisiva protagonisti 9 corridori. Sulla salita di Lorenzana, dura e difficile, il gruppetto di testa si sgretolava e l’irlandese Gilsenan restava da solo al comando lanciandosi in discesa ed affrontando l’ultima difficoltà prima di giungere a Groppo. Sfortunato in discesa Cettolin che restava vittima di una caduta (asfalto bagnato per un breve temporale), mentre uscivano da grandi protagonisti dal gruppo più folto gli attesi Burani, un umbro in smaglianti condizioni di forma e Scalco, miglior juniores nazionale della stagione con 4 vittorie ed oltre 100 punti di rendimento che ha ricevuto sul podio da Alessandro Colò la maglia di leader della speciale Challenge R.Baron. Lungo la salita finale il gialloblù irlandese del Canturino 1902 teneva bene mantenendo oltre 50 secondi di margine nei confronti degli scatenati Burani, vice campione italiano della categoria e Scalco che ottenevano i due posti d’onore alle spalle del bravissimo e meritevole vincitore applaudito dagli sportivi presenti al traguardo. Per la società del vincitore anche il quarto posto con l’ottimo Sambinello.

ORDINE DI ARRIVO: 1) Adam Gilsenan (Canturino 1902 ) Km 112,600, in 3h00’52” alla media di Km 37,353, 2)Edoardo Burani (Team Fortebraccio) a 53”; 3)Matteo Scalco (Borgo Molino Vigna Fiorita); 4)Mattia Sambinello (Canturino 1902); 5)Lorenzo Nespoli (G.S. Giovani Giussanesi); 6)Tommaso Bessega (Bustese Olonia); 7)Samuele Privitera (Team F.lli Giorgi) a 1’10”; 8)Alessandro Cattani (Bustese Olonia); 9)Matteo Cettolin (Borgo Molino Vigna Fiorita); 10)Nicolo’ Arrighetti (Gs Massi Supermercati Terranova) a 2’02”.

Antonio Mannori

JUNIORES: GRAN GALA’ PER LA PRESENTAZIONE DEL 53° TROFEO BUFFONI

Sabato 6 agosto alle ore 21 nello splendido scenario di Villa Schiff a Montignoso, è in programma il Gran Galà di Presentazione del 53° Trofeo Buffoni, gara ciclistica Internazionale in programma domenica 11 Settembre, con partenza da Forte dei Marmi e arrivo a Montignoso.

Sarà una serata ricca di argomenti e partecipata da tante Autorità. Saranno presenti, oltre agli Amministratori del Comune di Montignoso e di Forte dei Marmi, il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il Presidente del CONI di Massa Carrara Vittorio Cucurnia, il Presidente del Comitato Regionale Toscana di ciclismo Saverio Metti, il Comitato Provinciale di Massa Carrara della F.C.I. al gran completo oltre a personaggi del ciclismo, atleti, tecnici e dirigenti.

Durante la serata, che sarà condotta da Ilaria Borghini, dopo la sfilata delle Miss con le sette Maglie Ufficiali del 53° Trofeo Buffoni saranno assegnati i premi:

– Premio Fedeltà al Trofeo Buffoni: Memorial Giacomino Giorgini alla ditta Ronchieri Sport di Massa.

– Premio Amicizia e Sostegno al Trofeo Buffoni: Memorial Carlo Francesconi, a Mauro Tazzini.

Premio Piero Del Giudice “Per aver fatto crescere il Prestigio del Trofeo Buffoni”, all’azienda Pissei di Pistoia. Ci saranno inoltre altri due momenti particolari della serata, con la presentazione attraverso la proiezione del Video del Monumento al Trofeo Buffoni che sarà collocato in località “Bonotti”. Il secondo momento la presentazione del Libro “Franco Ballerini Campione in Tutto”. Dopo la presentazione del libro, tutti i presenti ne saranno omaggiati con una copia.

Antonio Mannori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

JUNIORES: OLTRE 100 ATLETI IN GARA NEL MEMORIAL ANTONIO COLO’

A sx Tadej Pogacar quando giunse terzo a Groppo nel 2016

Si corre sabato 6 agosto sulle strade della Lunigiana, ma non si può definire anteprima del Giro a tappe ancora lontano 25 giorni dal suo inizio. Parliamo del 18° Memorial Antonio Colò (grande appassionato del ciclismo padre di Paolo e nonno di Alessandro) organizzato dal Comitato Sportivi di Groppo di Tresana, dal Pedale Spezzino, e da Paolo e Alessandro Colò che da sempre, prima come atleti ed oggi come organizzatori e sponsor hanno il ciclismo nel cuore. Una gara che in passato ha visto protagonisti giovani di sicuro interesse poi saliti fino ai professiopnisti, e ricordiamo che nell’edizione 2016 terzo al traguardo fu lo sloveno Tadej Pogacar. La manifestazione juniores di dopodomani sarà a carattere nazionale con 112 iscritti e sarà valevole questa volta anche per il Giro dei 4 Comuni a ricordare che i corridori transiteranno sui territori dei comuni di Tresana, Villafranca Lunigiana, Mulazzo e Licciana Nardi, mentre il patrocinio è della Regione Toscana e della Provincia di Massa Carrara. La partenza avverrà da Barbarasco e l’arrivo a Groppo di Tresana dopo 112 km e 600 metri. Un tracciato frastagliato di saliscendi pressoché continui in zone di splendida bellezza ad esaltare la promozione del territorio della Lunigiana attraversato. Prevista al centesimo chilometro la salita di Lorenzana, mentre la partenza è prevista a Barbarasco alle ore 14 e l’arrivo a Groppo di Tresana a quota 379 metri, attorno alle ore 17.

Antonio Mannori

 

 

JUNIORES: SUPER SAVINO VINCE ANCHE A LA STELLA E SONO CINQUE!

Federico Savino in maglia azzurra

Un vero e proprio spettacolo e show quello offerto dalla Work Service nella gara pomeridiana juniores con uno scatenato Federico Savino che ha attaccato assieme al compagno di squadra e campione toscano della categoria Conforti a 26 km dal traguardo lungo la discesa del San Baronto. Da allora mentre alle spalle gli inseguitori perdevano sempre più terreno, la coppia di testa costituisca un vero e proprio spettacolo e sul traguardo non c’era volata tra i due con il nuovo successo a distanza di 24 ore di Savino nei confronti del compagno di squadra. A completare il trionfo del sodalizio il terzo posto di Alessandro Borgo, primo anno in categoria e recente protagonista in maglia azzurra anche in Francia. Una gara con 96 partenti e 23 arrivati che ha concluso la splendida giornata ciclistica a La Stella con piena soddisfazione dei suoi promotori tra i quali mancava Giuliano Baronti titolare della Neri Sottoli.it in ospedale per alcuni controlli e che ha seguito la diretta televisiva della corsa a lui cara nel ricordo del suo carissimo amico Claudio Cecconi, su TVL Canale 14.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Federico Savino (Work Service-Speedy Bike) Km 118, in 2h58’, media Km 39,703; 2)Lorenzo Conforti (id.); 3)Alessandro Borgo (id.) a 2’32”; 4)Carlo Sciortino (Casano Matec) a 2’34”; 5)Michele Coccia (CPS Professional); 6)Leonard; 7)Bertolli; 8)Cozzani a 2’41”; 9)Catarzi a 2’43”; 10)Frius.

                               Antonio Mannori

JUNIORES: SAVINO FA IL VUOTO NEL MEMORIAL ALESSANDRO BIONDI

Il podio della gara

I familiari di Alessandro Biondi alla premiazione

Ennesima dimostrazione del brillante e forte collettivo della Work Service-Speedy Bike in questa stagione. La prodezza questa volta sulla montagna pistoiese con un ordine di arrivo nobile per la prima edizione del Memorial nel ricordo di Alessandro Biondi per juniores, con partenza da Casalguidi ed arrivo a Prataccio organizzato dalla Pol. Milleluci. Sul traguardo accolto dagli applausi degli sportivi, si è presentato da solo il 18nne pisano di Migliarino ed azzurro, Federico Savino della Work Service Speedy Bike al quarto successo stagionale che ha lasciato i compagni di fuga a 18 km dal traguardo lungo i tornanti del Monte Oppio. Una vittoria realizzata da uno splendido Savino ma costruita assieme ai compagni di squadra Sergiampietri e Conforti lungo la discesa da Prunetta a Le Piastre, quando il terzetto ha deciso di scremare le forze rimaste (un gruppo di 27 atleti) allungando con decisione. Qualche schermaglia lungo la Valle del Reno, poi l’azione perentoria di Savino per il volo verso il traguardo. Al secondo posto il vice campione italiano l’umbro Burani in eccellenti condizioni e che non ha potuto giovarsi dell’apporto del compagno di squadra Romolini (un po’ stanco) nel momento decisivo della gara. Terzo il campione toscano Conforti, compagno di squadra del brillante vincitore. Alla gara pistoiese presenti i familiari di Alessandro, la moglie dottoressa Silvia Cascino dirigente della Polizia di Stato allo SCO a Roma, la mamma Anna, il fratello Riccardo e la sorella Giovanna, i figli Francesco (ex corridore) e Filippo e tanti sportivi, per un commosso abbraccio e ricordo a un poliziotto impeccabile servitore dello Stato e grande appassionato di ciclismo. Al via 67 corridori dei quali 27 hanno portato a termine la gara presente anche Saverio Metti presidente del Comitato Regionale Toscana di ciclismo, con il presidente provinciale Alessandro Becherucci e il tecnico regionale della categoria juniores Alessio Lazzeri.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Federico Savino (Work Service-Speedy Bike) Km 116 in 3h26’, media Km 33,757; 2)Edoardo Burani (Team Fortebraccio) a 1’08”; 3)Lorenzo Conforti (Work Service-Speedy Bike); 4)Piergiorgio Cozzani (Team F.lli Giorgi); 5)Michael Leonard (Team Franco Ballerini); 6)Roberto Sesana (U.S. Vertematese); 7)Samuel Bertolli (Casano Matec) ; 8)Andrea Sergiampietri (Work Service-Speedy Bike) a 1’17”; 9)Saverio Russo (CPS Professional) a 1’20”; 10)Matteo Creatini (Pol. Monsummanese) a 2’15”.

            Antonio Mannori

 

 

 

 

 

 

 

 

LUTTO: IL CICLISMO PIANGE LA MORTE DI EZIO MANNUCCI

  Ezio Mannucci

LEVANE(AR) – Non è affatto esagerato se scriviamo che tutto il ciclismo italiano piange la morte di Ezio Mannucci personaggio conosciuto da tutti. Aveva 86 anni e negli ultimi tempi aveva fatto un passo indietro lasciando agli amici i compiti che per tanti anni ha svolto con maestria, stile e grandi capacità. Era il decano tra i direttori sportivi dilettanti ed il suo nome era legato strettamente a quello della Fracor sigla ancora presente nel ciclismo. Quante vittorie caro Ezio, quante battaglie vinte, quanti atleti hai guidato e portato nei professionisti. Ma oltre al ruolo di direttore sportivo amato e benvoluto da tutti, è stato infaticabile promotore ed organizzatore di gare ciclistiche nel Valdarno ed in provincia di Arezzo, dirigente attivo anche nel proporre iniziative di carattere tecnico legate al movimento ciclistico dei dilettanti. Prodigo di consigli per tutti, mai banale, sempre distinto. Gli amici, i suoi collaboratori, avevano per lui coniato il soprannome di “Boss” per eleganza, stile, spirito di iniziativa, serietà, passione e impegno senza limiti. Una figura carismatica del ciclismo, sport che davvero si sente più solo senza di Lui. I funerali di Ezio Mannucci sono previsti per venerdì, molto probabilmente al mattino. Ai familiari in questo triste momento le espressioni del più profondo cordoglio da parte di tutto il ciclismo nazionale, del Comitato Regionale Toscana con tutte le sue componenti, e del presidente Saverio Metti..

Antonio Mannori