ALTRE GARE DI PASQUA E PASQUETTA

71° COPPA COMUNE DI CALENZANO

ALLIEVI Km. 49 alla media di 39,454 Km/h

1° Costa Pellicciari Niccolò (S.C. Ceretolese) – 2° Martorana Francesco (C.C. Appenninico) – 3°  Zingoni Tobia (G.S. Iperfinish)

ESORDIENTI GARA UNICA di Km. 28 alla media di 35,097 Km/h

2° Anno – 1° Lorello Riccardo (Fosco Bessi Calenzano) – 2° Donatello Christian (Pedale Ossolano) – 3° Sbrana Thomas (Montecarlo) ; 1° Anno – 1° Fondelli Gabriele (Coltano Grube)

ALLIEVI FEMMINILE – PASQUETTA IN ROSA di Km. 31,500 alla media di 34,447 Km/h

1° Fedeli  Elisa (Di Federico White) – 2° Nicolini Sofia (Pedale Ossolano) – 3° Barale Francesca (Pedale Ossolano)

 

53°  COPPA SPORTIVI DEL GIGLIO – MONTEVARCHI

ALLIEVI – Km. 55 alla media di 40,244 Km/h

1° Bruno Andrea Alfio (Forno Pioppi Toscano Giarre) – 2° Pellegrini Lorenzo (Albergo Del Tongo) – 3° Testi Luca (Albergo Del Tongo)

COPPA M G COSTRUZIONI EDILI – IL GIGLIO MONTEVARCHI

ESORDIENTI GARA UNICA di Km 31

2° Anno – 1° Del Frate Thomas (Team Valdinievole) – 2° Giannelli Alessio (Olimpia Valdarnese) – 3° Pini Tommaso (Via Nova) – 1° Anno – 1° Nannini Andrea (Borgonovo)

 

CITTA’ DI CASTELLO (PG)GRAN PREMIO SOGEPU CRONOMETRO INDIVIDUALE

Petri Damiano (Fosco Bessi Calenzano) e’ il migliore fra gli Esordienti 1° anno

 

UNDER 23 – 57° G.P. SPORTIVI POGGIO ALLA CAVALLA – BIS DI TOMMASO FIASCHI

Sul “Circuito dei Tre Comuni” al via 105 Under 23

POGGIO ALLA CAVALLA(PT).- L’edizione n. 57 del Gran Premio Sportivi Poggio alla Cavalla nel ricordo di Maurino Ortigni, che ha fatto la storia della tradizionale corsa di Pasquetta, è stata firmata per il secondo anno consecutivo da Tommaso Fiaschi, under 23 della Beltrami TSA Hopplà Petroli Firenze al termine di una volata entusiasmante ed incertissima, per la quale è stato necessario visionare il fotofinish per stabilire i vari piazzamenti. Sul circuito dei “Tre Comuni” (Lamporecchio, Larciano, Vinci) in gara 105 Under 23 con organizzazione curata dalla. Ventinove i giri di Km 3,400 ciascuno, per complessivi 98 chilometri e 600 metri, dopo il ritrovo della gara avvenuto presso il Circolo Arci Tamburini di Cerbaia. E come sempre la gara ha proposto numerosi tentativi di fuga che il gruppo ha praticamente annullato sul nascere per la puntuale reazione. Media sempre superiore ai 42 orari e finale incandescente dopo che i cinque traguardi volanti sono stati appannaggio di Soprana, Bosio, Finatti, Bobbo e Rosati, ultimo a provare l’azione solitaria senza successo. Volata finale di straordinaria bellezza con 5 atleti ad occupare la prima fila del gruppo e con il guizzo vincente di Fiaschi, già vincitore di un criterium in Argentina nel mese di gennaio. Al secondo posto un corridore locale Masi, che abita a pochi chilometri da Poggio alla Cavalla, ed autore anche qui di una bella prova come aveva fatto in altre occasioni. Terzo posto per Rosa, quindi Pongiluppi e Allori. La gara era valevole per il Memorial Ing. Alessandro Bertini, la cui maglia è andata sulle spalle di Fiaschi, mentre hanno dato il via ufficiale alla corsa, il sindaco di Lamporecchio Alessio Torrigiani, il presidente del Comitato Regionale Toscana, Giacomo Bacci e l’ex corridore Luciano Armani. Il vincitore Tommaso Fiaschi è il quinto corridore a fare il bis consecutivo nella tradizionale gara di “Pasquetta” dopo Francesco Moser, Lo Campo, Di Nucci e Montanari.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Tommaso Fiaschi (Beltrami TSA Hopplà Petroli Firenze) Km 98,600, in 2h19’, media Km 42,515; 2)Davide Masi (Mastromarco Sensi Nibali TLC); 3)Tommaso Rosa (Lan Service Zheroquadro); 4)Matteo Pongilippi (InEmiliaRomagna); 5)Manuel Allori (Team Franco Ballerini Albion); 6)Tommaso Nencini (Mastromarco Sensi Nibali TLC); 7)Nicolò Ferrero (Uc Pregnana Scout); 8)Elia Menegale (Gallina Colosio); 9)Francesco Zandri (Maltinti Banca Cambiano); 10)Nicolas Nesi (Work Service Videa F.Coppi Gazzera).

ANTONIO MANNORI

JUNIORES : 71° COPPA COMUNE CALENZANO TROFEO FALIERO VANGI – VINCE DRAGHI

UN BRILLANTE DRAGHI RESISTE AL RITORNO DEL GRUPPO

CALENZANO.- Grande finale di gara di Guido Draghi nella 71^ Coppa Comune di Calenzano-Trofeo Vangi Faliero. Il diciottenne dello Stabbia Dover ha infatti resistito al veemente ritorno degli inseguitori che in pratica sul traguardo sono terminati nella sua scia. Draghi ha lanciato il suo attacco dopo che aveva provato in precedenza a farlo il brillante emiliano Dapporto dell’Italia Nuova Borgo Panigale, il più brillante e intraprendente in corsa. Raggiunto Dapporto è partito in contropiede Draghi ha saputo resistere per 5 Km all’incalzare del gruppo che vedeva il battistrada poco più avanti ma non riusciva a raggiungerlo, Draghi con grinta e carattere indomito teneva anche nel tratto finale in salita andando a centrare il primo successo personale della stagione ed il sesto per lo squadrone Stabbia Dover Andia Fora che conferma la sua forza collettiva. Qui a Calenzano a guidare la squadra Michele Maglio. Ex corridore e giovane direttore sportivo che ha saputo sul piano tattico attuare una condotta di gara vincente. Un altro piazzamento per il Team Franco Ballerini Due C, squadra che ha lavorato a fondo. Lo ha ottenuto Riccardi, dopo che in precedenza si era segnalato il suo compagno di squadra Cecchi autore di una fuga durata alcuni chilometri assieme al solito Dapporto, a Cortonesi e Colacione. Alla gara juniores di Calenzano che ha chiuso la lunga “Giornata Azzurra” con 5 gare e 270 concorrenti hanno preso il 97 corridori.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Guido Draghi (Stabbia Dover Andia Fora) Km 80,500, in 1h58’, media Km 40,594; 2)Alessio Riccardi (Team Franco Ballerini Due C); 3)Giuseppe Graziano (Italia Nuova); 4)Riccardo Sofia (idem); 5)Giosuè Crescioli (Pitti Shoes Taddei); 6)Angiolini; 7)Pozzolini; 8)Galli; 9)Bettacchi; 10)Bazzica.

ANTONIO MANNORI

 

JUNIORES – PRIMAVERA CUP MEMORIAL ANDREAZZOLI – VINCE AIMONETTO

COLPO DI MANO DI PIETRO AIMONETTO NELLA GARA DI MASSA

Nella volata del gruppo rovinosa caduta di tre atleti

MASSA.- Finale emozionante nella “Primavera Cup in Memoria di Luciano Andreazzoli” e momento drammatico quando dietro all’ormai imprendibile vincitore Pietro Aimonetto della Bustese Olonia si lottava per il secondo posto in un gruppo di 40 corridori. A cento metri dalla linea di arrivo si verificava attorno alla decima posizione uno sbandamento e tre atleti finivano rovinosamente a terra. Le conseguenze erano serie per uno di essi mentre sono da valutare quelle di un altro dei tre atleti rimasti coinvolti nell’incidente. Un episodio che non ci voleva a chiudere una bella manifestazione organizzata dalla ASD Montignoso Ciclismo con 107 partenti di 13 società e valevole per il Campionato Provinciale, titolo conquistato grazie al quinto posto da Samuele Gimignani della Work Service Romagnano. Ha vinto un atleta conosciuto, forte passista e cronomen, che all’ultimo km ha approfittato con intelligenza dello stretto marcamento tra le società toscane per allungare e guadagnare quei 50 metri che ha poi difeso splendidamente. Una dimostrazione di coraggio e fantasia prima quando di forza nel resistere anche perché in precedenza Aimonetto era stato sempre con i migliori anche in salita quando la gara ha affrontato per due volte la salita della Foce dal versante di Carrara proponendo momento di una sfida vibrante. In salita protagonista Tiberi che ha vinto il gran premio della montagna transitando entrambe le volte al primo posto, ma altrettanto bravi Guzzo, Gimignani, Butteroni, Zambanini, lo stesso vincitore finale Aimonetto, Ongaro, Vettorel e Sandri. L’azione di Tiberi non ha fruttato vantaggi al laziale del Team Franco Ballerini Due C, per la replica efficaci degli avversari e così nel finale sulla testa della gara massese si è formato con un paio di rientri un gruppo di oltre 40 corridori, e con lo Stabbia Dover a lavorare avendo tra le proprie file un fior di velocista come Della Lunga (già tre i successi) e Baglioni. A mille metri dall’arrivo l’azione di Aimonetto da perfetto finisseur, che andava a cogliere con pieno merito la vittoria mentre i posti d’onore erano di Tiberi e Ongaro, quindi Baglioni e Gimignani per il quale c’era la conquista della speciale maglia di Campione Provinciale di Massa Carrara. Tra gli ospiti l’attuale allenatore di calcio della Carrarese, ma con trascorsi anche in Serie A Silvio Baldini, ed il tecnico regionale responsabile dell’attività juniores Antonio Fanelli.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Pietro Aimonetto (Bustese Olonia) Km 107, in 2h31’, media Km 42,237; 2)Antonio Tiberi (Team Franco Ballerini Due C) a 2”; 3) Davide Ongaro (Sanvendemiano Cycling Team); 4)Enrico Baglioni (Stabbia Dover); 5)Samuele Gimignani (Team Work Service Romagnano); 6)Edoardo Zambanini (Campana Imballaggi Rotogal); 7)Andrea Azzaro (Lan Service); 8)Francesco Antonio Libardi (Campana Imballaggi Rotogal); 9)Daniel Cassol (idem); 10)Samuel Slomp (idem).

ANTONIO MANNORI

ALLIEVI – 2° RESCETO CUP – VINCE LUDOVICO CRESCIOLI

CRESCIOLI IL PIU’ FORTE DI TUTTI CON L’ARRIVO IN SALITA

RESCETO(MS).- Un podio tutto toscano per la seconda edizione della Resceto Cup per allievi che ha preso il via dalla zona di Avenza a Massa, e si è conclusa ai quasi 600 metri di altitudine di Resceto, piccolo quanto grazioso borgo incastonato tra le montagne ai piedi della Tambura. Ha vinto Ludovico Crescioli dell’Empolese Lupi Birindelli, che nei tre chilometri finali, quelli più duri e difficili, ha avuto ragione di altri due toscani, Savino e Bozicevich, che come il brillante vincitore erano tra i favoriti principali della bella gara (82 partenti di 23 società) organizzata dalla Resceto Cycling Club della presidentessa Romina Baldini con il marito Giovanni Baldini e gli altri componenti questa società massese che vuol rilanciare il ciclismo a Resceto. Una gara le cui emozioni e scintille sono racchiuse nei dieci chilometri finali in quanto per quasi 45 Km lungo il circuito cittadino della zona di Massa e nel tratto in linea per arrivare ai piedi della salita finale, non è successo praticamente nulla di rilevante a parte un tentativo iniziale di fuga di Leonardi, Nicolucci e Juninger e quello più tardi inscenato da Morandini. Andatura comunque sostenuta poi verso Resceto il gruppo perdeva le prime unita fino al formarsi a 3 Km dall’arrivo di un gruppetto di 15 corridori. Un paio di accelerazioni del brillante Bozicevich scremavano ancora il drappello ed in testa restavano in sette. Era qui che Crescioli e lo stesso Bozicevich allungavano con decisione, mentre rinveniva con un ottimo finale anche il pisano Savino. A 1200 metri dal traguardo Crescioli allungava con decisione riuscendo a liberarsi dell’atleta massese del Team Stradella per andare a cogliere il primo successo stagionale. Un giovane forte e brillante, con una dote importante l’intelligenza in corsa, mentre esplodeva l’entusiasmo di suo padre Adriano che l’attendeva sul rettilineo di arrivo. Bravi anche Savino e Bozicevich in questa corsa destinata a continuare la sua giovane storia e tra i migliori anche Biagini e Fede.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Ludovico Crescioli (Empolese Lupi Birindelli) Km 53,500, in 1h33’, media Km 34,491; 2)Federico Savino (Coltano Grube) a 17”; 3)Lapo Matteo Bozicevich (Team Stradella) a 23”; 4)Federico Biagini (Cooperatori) a 34”; 5)Gabriel Fede (Pedale Senaghese); 6)Tornaboni a 55”; 7)Conforti; 8)Belussi a 1’; 9)Zingoni a 1’05”; 10)Sitera a 1’10”.

ANTONIO MANNORI

Specifica tecnica prova di Abilità & Velocità Meeting Regionale

Santa Croce Sull’Arno,

Si svolgerà il prossimo 5 Maggio A S. Croce Sull’Arno (PI) Il meeting di Abilità Velocità organizzato dalla società UC Santa Croce. Pubblichiamo in allegato il tracciato della gincana e della prova di qualificazione alla velocità. La gincana scelta per il meeting Regionale si può vedere pure sul sito FCI riguardante il Meeting Nazionale di Matera Metaponto 2019 ed è la numero 1 che è stata scelta dalla commissione Regionale tra le tre proposte .

ELITE UNDER 23 – 60^ COPPA FIERA DI MERCATALE

MATTEO SOBRERO UNO SPETTACOLO SULLE STRADE DEL VALDARNO

Ha vinto per distacco la “Classica di Primavera”

MERCATALE VALDARNO(AR).- Un’edizione speciale per la Coppa Fiera di Mercatale in occasione delle nozze di diamante di questa classica, che rimane sempre una delle più belle gare per i dilettanti, unica nel calendario italiano ad avere la possibilità di schierare un numero di atleti superiore ai 200. Un’edizione particolare ed un vincitore magnifico, straordinario nel finale quando si è liberato di Murgano e Orlandi per andare a vincere a braccia alzate la sua seconda gara stagionale dopo le Strade Bianche di Romagna. Sobrero era tra i grandi favoriti della corsa toscana (232 partenti di 39 società) ma per il ventiduenne piemontese della Val D’Ossola occorre dire che ha avuto un compagno di squadra formidabile nel russo Konychev che non faceva parte della fuga nata dopo 20 Km protagonisti 9 corridori, ma che è stato bravissimo al pari di Di Felice nel riportarsi sui battistrada e poi lavorare in maniera incredibile fino al momento in cui è entrato in azione un Sobrero super. Per lui i complimenti del c.t. Marino Amadori che lo conosce ampiamente per averlo guidato l’ultima volta in maglia azzurra sabato scorso in Belgio dove il vincitore di Mercatale Valdarno non ebbe una giornata felice. Rinnovati i complimenti al magnifico vincitore diretto dall’ex campione del mondo under 23 Francesco Chicchi, sono altri i corridori che meritano ampi elogi per come si sono espressi in questa gara magnificamente organizzata dalla Poli Sport del presidente Fabrizio Carnasciali che aveva ideato un finale di gara inedito, spettacolare, bello e difficile, con la salita di Poggio San Marco a 8 Km dall’arrivo. Complimenti al ventenne Mantovani, brillante e reattivo, a Murgano, fin tropo generoso sulle due salite finali, a Orlandi e Tarozzi che si sono battuti sempre con vigore senza mai perdere lucidità. Bella la prestazione anche del valdarnese del primo anno Benedetti che sulle strade di casa è stato tra i più vivaci pagando solo nel finale. Di Konychev abbiamo detto; è stato fondamentale per la riuscita della fuga e per il sostegno che ha dato al suo compagno Sobrero. Tanti gli atleti al via, numerosi gli sportivi e tante anche le personalità presenti, con il presidente della Federazione Ciclistica Italiana Renato Di Rocco che ha dato il via alla gara assieme alla vice presidentessa vicaria Daniela Isetti, e poi Cazzaniga ed Elli per la Struttura Tecnica Nazionale, Giacomo Bacci presidente del Comitato Regionale Toscana, mentre con il c.t. Amadori, anche il coordinatore delle squadre nazionali Davide Cassani. La gara ha avuto uno svolgimento lineare. Dopo 23 Km la fuga risultata decisiva protagonisti Grendene, Tagliani, Murgano, Orlandi, Sobrero, Tarozzi, Benedetti, Mantovani, Dorigoni. A loro si sono aggiunti al Km 75 Konychev e Di Felice. Il vantaggio per gli 11 di testa è oscillato tra i 40” ed il minuto e mezzo. Il plotoncino ha resistito fino all’attacco finale della salita di Miravalle (quinto passaggio) quando si è frazionato su di un allungo di Murgano e Sobrero. Dietro Orlandi, Tarozzi, Mantovani, Benedetti. Su Poggio San Marco ancora Murgano all’attacco, con Sobrero che lo ha seguito in tutta tranquillità e quando da dietro gli inseguitori ad iniziare da Orlandi si facevano sotto ecco la stoccata micidiale e perentoria di Sobrero che è letteralmente volato verso il traguardo facendo valere le doti di freschezza, di cronomen, mettendo in mostra la sua classe.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Matteo Sobrero (Dimension Data For Qhubeka) Km 154, in 3h42’49”, media Km 41,469; 2)Sebastiano Mantovani (Viris Vigevano) a 20”; 3)Marco Murgano (Casillo Maserati); 4)Massimo Orlandi (Cycling Team Friuli); 5)Manuele Tarozzi (InEmiliaRomagna); 6)Giovanni Aleotti (Cycling Team Friuli); 7)Simone Piccolo (Casillo Maserati); 8)Daniel Snarzaro (General Store); 9)Michele Corradini (Team Fortebraccio); 10)Samuele Battistella (Dimension Data).

ANTONIO MANNORI

ALLIEVI – SAVINO VINCE A PONTASSIEVE

Alex Stella e Christian Caponi  vincono tra gli Esordienti

 Pontassieve (FI) . Federico Savino della Coltano Grube Costruzione ha vinto la 18° Coppa Croce Azzurra Pontassieve disputata domenica 14.4 a Pontassieve.

Il 9° Memorial Tommaso Cavorso   ha visto prevalere Alex Stella del Casano per la categoria Esordienti 2° anno e Christian Caponi della Butese per gli Esordienti 1° anno.

Le Classifiche :

 18° COPPA CROCE AZZURRA PONTASSIEVE Allievi

1° Federico Savino (Coltano Grube Costruzioni) Km. 50 alla media di 42,776 Km/h

2° Francesco Martorana (C.C. Appenninico)

3° Lorenzo Pellegrini (Albergo Del Tongo)

4° Marco Bertini (Coltano Grube Costruzioni)

5° Ludovico Crescioli (UC Empolese)

6° Tommaso Ferri (Olimpia Valdarnese)

 

9° MEMORIAL TOMMASO CAVORSO Esordienti 2° anno

1° Alex Stella (Casano) Km. 30 alla media di 39,633 Km/h

2° Giacomo Belloni (Team Stradella)

3° Simone Cesari (Campi Bisenzio)

 

9° MEMORIAL TOMMASO CAVORSO Esordienti 1° anno

1° Christian Caponi (Butese) Km. 24 alla media di 37,274 Km/h

2° Damiano Petri (Fosco Bessi Calenzano)

3° Alessio Anguillesi (Coltano Grube Costruzioni)

GIOVANISSIMI – STAGNO

STAGNO(LI).- Poco più di 100 giovanissimi del pedale hanno dato vita nell’area pubblica di via Enrico Berlinguer a Stagno, alla Coppa Giovanni Ciantelli-Enzo Conti, prima prova della Challenge nel ricordo di Osvaldo Ferrini, con l’organizzazione del G.S. Montenero 1926. Tra le società al primo posto il Team Stradella di Massa, mentre tra i livornesi in gara bravi gli esponenti della Costa Etrusca e del Donoratico Carli. Queste le classifiche della manifestazione livornese.

CATEGORIA G1: 1)Edoardo Stefanini (Coltano Grube); 2)Leonardo Pucci (Team Stradella); 3)Tommaso Bartalucci (Castelfiorentino Banca Cambiano). CAT. G2: 1)Alessio Cammarata (Costa Etrusca); 2)Leonardo Leonetti (Castelfiorentino Banca Cambiano); 3)Federico Nesi (Coltano Grube). CAT.G3:1)Leonardo Barsotti (Colognole); 2)Marco Dell’Amico (Team Stradella); 3)Samuele Gabbrini (Coltano Grube). CAT: G4: 1)Emanuele Favilli (Donoratico Carli); 2)Andrea De Angeli (Team Stradella); 3)Rayan Sorouri (Castelfiorentino Banca Cambiano). CAT. G5: 1)Massimo Mezzasalma (Colognole); 2)Leonardo Anichini (Mob.Ponsacco); 3)Lorenzo Guidi (Colognole). CAT. G6: 1)Lorenzo Paolini (Team Stradella); 2)Francesco Matteoli (Castelfiorentino Banca Cambiano); 3)Jacopo Belmonte (Donoratico Carli).

SETTORE FEMMINILE: I successi sono stati conseguiti da Elena Geppi e Alyssa Di Girolamo (Costa Etrusca), Ginevra Bacci (Castelfiorentino Banca Cambiano), Margherita Mariottini (Coltano), Angelica Coluccini (Donoratico Carli), mentre non erano presenti atlete nella categoria G1.

GIOVANISSIMI – SAN MINIATO

SAN MINIATO(PI).- Apertura ufficiale della stagione 2019 per la struttura di Casa Bonello a La Catena di San Miniato, per ospitare il Gp Conceria Le Patrie-Memorial Luciano Gaggioli, ex campione del pedale morto a soli 52 anni ed il cui nipote corre con la S.Miniato-S.Croce, tra l’altro vincitore in questa gara nella categoria G5. I partenti 158 di 19 società con successo della S.Miniato S.Croce, nella classifica delle società.

LE CLASSIFICHE – CATEGORIA G1: 1)Niccolò Tammone (Vc Empoli); 2)Kyrus Simonetti (id.); 3)Ismail Rayadi (Una Bici x Tutti). CAT. G2: 1)Tommaso Marini (S.Miniato Ciclismo); 2)Marco Lepri (S.Miniato S.Croce); 3)Diego Stefano (Butese). CAT. G3: 1)Sebastian Del Carlo(Montecarlo Ciclismo); 2)Christian Lucherini (S.Miniato S.Croce); 3)Antonio Cerone (S.Miniato S.Croce). CAT. G4: 1)Daniele Bacci (S.Miniato S.Croce); 2)Edoardo Agnini (Carube Progetto Giovani); 3)Leonardo Pavi Degl’Innocenti (S.Miniato Ciclismo). CAT. G5: 1)Luciano Gaggioli (S.Miniato S.Croce); 2)Matteo Cialdini (idem); 3)Alejandro Di Riccio (Carube Progetto Giovani). CSAT. G6: 1)Matteo Luci (S.Miniato Ciclismo); 2)Giulio Pavi Degl’Innocenti (idem); 3)Riccardo Del Cucina (Olimpia Valdarnese). SETTORE FEMMINILE: Hanno vinto Clarissa Nesti (Carube Progetto Giovani), Sara Colzi (V.C.Seano One), Veronica Aiello (Team Valdinievole), Greta Rossi e Silvia Formisano (San Miniato S.Croce), Sara Spinelli (Via Nova).

CLASSIFICA SOCIETA’: 1)S.Miniato S.Croce p.42; 2)San Miniato Ciclismo 22; 3)Carube Progetto Giovani 14; 4)Velo Club Empoli 13; 5)Butese 12.

JUNIORES – DELLA LUNGA ANCORA A SEGNO

36° TROFEO SPORTIVI PIEVE AL TOPPO

Gara neutralizzata per quasi un’ora e poi accorciata  per la grave caduta del massese Alessandro Fruzzetti

PIEVE AL TOPPO(AR).- Una gara movimentata e purtroppo con un incidente grave che ha visto coinvolto il diciassettenne massese Alessandro Fruzzetti del Team Franco Ballerini Due C, figlio del fotografo Roberto. Alla fine il lampo vittorioso, terzo successo stagionale di Francesco Della Lunga dello Stabbia Dover Andia Fora, che stavolta si è imposto a pochi chilometri da dove abita. L’incidente a Fruzzetti dopo pochi chilometri di corsa, ha visto il corridore massese sbattere violentemente il ginocchio contro il guardrail, dopo un contatto con altri atleti. L’intervento del servizio sanitario e del medico è stato immediato e la ferita subito giudicata grave, tanto che il corridore è stato trasportato immediatamente all’ospedale San Donato di Arezzo. La diagnosi impietosa, con rottura del tendine rotuleo, frattura della rotula e della parte superiore della tibia. Alessandro fortunatamente è stato sempre cosciente e nella serata di ieri domenica è stato sottoposto dai medici a un’operazione durata circa 4 ore per la messa in sicurezza dell’arto inferiore. Allo sfortunato atleta gli auguri vivissimi da parte del movimento ciclistico regionale. L’incidente avvenuto sotto la pioggia, ha provocato la neutralizzazione della gara per diversi minuti, tanto da costringere la direzione di corsa ad accorciare il chilometraggio del percorso per poter rientrare nell’orario di autorizzazione della corsa. Questa si è conclusa come quasi sempre avvenuto anche in passato a Pieve al Toppo, con una volata ed allora il più forte velocista toscano della categoria e tra i primissimi anche in campo nazionale, l’azzurro Francesco Della Lunga, ha conquistato il successo davanti al compagno di squadra Baglioni ed a Giannini.

Una conferma per l’aretino di Indicatore e per lo Stabbia Dover ancora a segno in questo felicissimo avvio di stagione.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Francesco Della Lunga (Stabbia Dover Andia Fora) Km 89, in 2h07”, media Km 42,047; 2)Enrico Baglioni (idem); 3)Salvatore Giannini (Fosco Bessi); 4)Lorenzo Peschi (Big Hunter Beltrami Seanese); 5)Valentino Pessotto (Work Service Romagnano); 6)Matteo Fiaschi (idem); 7)Luca Gemin (Industrial Forniture Moro); 8)Tommaso Perazzolo (Team Franco Ballerini Due C); 9)Giosuè Crescioli (Pitti Shoes Cicli Taddei); 10)Alessio Riccardi (Team Franco Ballerini Due C)

ELITE UNDER 23 – NICCOLO’ FERRI TRIONFA PER DISTACCO A LA CALIFORNIA

Trofeo Ledo Tempestini con pioggia, grandine e freddo

La corsa per il maltempo ha rischiato di fermarsi

LA CALIFORNIA(LI).- Esulta il fiorentino Niccolò Ferri che sul traguardo livornese di via Aurelia a La California, ottiene il primo successo tra i dilettanti, in quello che possiamo definire un trionfo. Il ventenne di Calenzano ha preso il largo nel 18° Trofeo Ledo Tempestini, a poco meno di venti Km dal traguardo, dove è giunto con 43” sul gruppo inseguitore regolato per il secondo posto dall’esperto Fiorelli, mentre terzo si è classificato il suo compagno di squadra Magli, al termine di un’altra bella prestazione collettiva della Mastromarco Sensi Nibali TLC. Ritrovo a Marina di Bibbona e partenza ed arrivo nella località resa celebre nel ciclismo da Paolo Bettini, per questa gara organizzata dal Velo Club locale con Matteo Celli e Mario Tempestini in primis, soddisfatti del successo della loro corsa. Ferri che nella sua giovane carriera vanta un buon ruolino di marcia, ha realizzato un’impresa in una gara svoltosi in un pomeriggio “infernale” con freddo, pioggia e grandine, ed il rischio di fermare la gara nella zona di Bolgheri, quando si è scatenato un vero e proprio fortunale sulla corsa. Al traguardo soltanto 31 atleti dei 155 partenti, un dato eloquente più di ogni altro commento.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Niccolò Ferri (Mastromarco Sensi Nibali) Km 135, in 3h28’44”, media Km 38,805    2)Filippo Fiorelli (Gragnano Caselli) a 43”; 3)Filippo Magli (Mastromarco Sensi TLC); 4)Michele Corradini (Team Fortebraccio); 5)Manuel  Pesci (Team Malmantile La Seggiola); 6)Leonardo Tortomasi (Tripetetolo Pitti Shoes); 7)Raffaele Radice (VPM Porto Sant’Elpidio); 8)Andrea Di Renzo (idem); 9)Matteo Carboni (Calzaturieri Montegranaro); 10)Cezary Grodzicki (Velo Racing Palazzago).

Antonio Mannori

GRAN FONDO DE ROSA FIRENZE

Tra le donne successi per Parente e Leonardi

FANELLI E ZUMERLE NELLA GRAN FONDO DE ROSA DI FIRENZE

FIRENZE.- Grande successo per la Gran Fondo De Rosa di Firenze nonostante il tempo incerto, con la pioggia ed il freddo. La manifestazione ha chiuso di fatto la tre giorni del Florence Bike Festival che ha avuto il suo quartier generale nel Parco delle Cascine. La manifestazione ciclistica ha preso il via, con marcia controllata, dal Piazzale Michelangelo fino a Fiesole con il lungo serpentone di amanti della bici che si è inoltrato lungo le strade del Mugello dando vita a questa autentica festa del pedale. L’arrivo era posto al culmine del “muro” di via Salviati allo sbocco su via Bolognese, reso celebre dai Mondiali di ciclismo del 2013, e dove al termine del percorso corto (95 Km) si è presentato da solo Marco Zumerle della FP Race nel tempo di 2h32’09”, alla media di Km 37,230. Alle sue spalle Andrea Pisetta (2h34’55”) e Matteo Cipriani (2h35’17”). Tra le donne la più brava Jessica Leonardi (Biemme Garda Sport) con il tempo di 2h51’24”. Vittoria per distacco anche nella prova Marathon sulla distanza di 135 dove si è imposto Lorenzo Fanelli (Team MP Filtri) nel tempo di 3h46’49”, alla media di Km 35,450. I due posti d’onore per Marco Morrone (3h48’11”) e Giovanni Nucera (3h48’23”) reduce dal successo della domenica prima nella Green Fondo Paolo Bettini-La Geotermia a Pomarance dove aveva preceduto al traguardo proprio Fanelli. Tra le donne brillante prestazione di Simona Parente (Team Isolmant) quindicesima assoluta e prima nella sua categoria con il tempo di 4h11’09”.

ANTONIO MANNORI

 

ALLIEVI – PANICUCCI SPRINT NEL MEMORIAL ANDREA MANFREDI

Una bella gara allievi per ricordare l’ex corridore

RONCHI DI MASSA.- Una bella iniziativa quella di Duilio Berti e del gruppo ciclistico massese Riviera Apuana Mobili Berti per ricordare Andrea Manfredi, l’ex corridore morto in Indonesia a fine ottobre, quando si trovava a bordo dell’areo con 189 inabissatosi nell’acqua dell’Oceano Pacifico. Andrea aveva indossato anche la maglia con la scritta Berti quando l’azienda massese fu abbinata al G.S. Vecchiano ottenendo come allievo una decina di vittorie. La gara di Massa intitolata a Lui riservata agli allievi è stata firmata dal livornese di Donoratico Tommaso Panicucci al primo centro stagionale che ha regolato praticamente tutto il gruppo rimasto compatto in pratica per tutta la corsa sotto una noiosa pioggerella. Una bella gara con 82 partenti di 15 società su di un circuito di Km 12,300 da ripetere 5 volte interamente pianeggiante. Prima della partenza dal Viale della Repubblica, con il gruppo schierato al via è stato osservato un minuto di raccoglimento per Manfredi mentre Duilio Berti ha consegnato una targa ed un mazzo di fiori a Linda Manfredi, ex ciclista e sorella di Andrea, presente anche il babbo Maurizio. La gara è stato sempre veloce con almeno una dozzina di tentativi di fuga ma ogni tentativo è stato annullato sul nascere dal gruppo che quindi al completo si è presentato per lo sprint finale risolto con un ottimo guizzo da Panicucci nei confronti di Belluomini e Galeotti. La corsa era inoltre valevole come Campionato Provinciale di Massa Carrara, titolo che è stato conquistato da Francesco Brugnoli esponente della Berti Mobili Benassi giunto nono. La relativa maglia è stata fatta indossare dal presidente del Comitato Provinciale Ferdinando Braconi, presenti anche il vice sindaco di Massa Andrea Cella, e l’assessore allo sport ed ex corridore Paolo Balloni.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Tommaso Panicucci (Donoratico Carli) Km 61,500, in 1h28’, media Km 41,923; 2)Matteo Belluomini (Iperfinish Alpa); 3)Federico Galeotti (Montecarlo Pizzeria La Rusticanella); 4)Francesco Cataldo (Pedale Toscano); 5)Alessandro Zanetti (Team Valdinievole); 6)Daniele Giovannini (Montecarlo Ciclismo); 7)Davide Leonardi (Iperfinish); 8)Mosè Juninger (Mamma e Papà Fanini); 9)Francesco Brugnoli (Berti Mobili Benassi); 10)Andrea Sergiampietri.

ANTONIIO MANNORI