JUNIORES – GRAN PREMIO ARTIGIANATO E COMMERCIO STABBIA

STABBIA – Il 56° Gran Premio Artigianato e Commercio Stabbiese è andato in scena sul circuito di Stabbia comprendente la collina di Poggio Tempesti da ripetere per 8 volte, a chiudere la giornata azzurra organizzata in maniera impeccabile e nel rispetto dei vari protocolli anti Covid 19 dal G.S. Stabbia Ciclismo presieduto dall’appassionato Luciano Benvenuti. Ed è stato una grande e spettacolare impresa quella offerta dall’ex Campione Europeo juniores, il diciottenne ucraino Andrii Ponomar, vero rullo compressore in questa corsa. Reduce dal Campionato Europeo in Bretagna, l’atleta del Team Franco Ballerini Due C guidato dai direttori sportivi Andrea Bardelli e Francesco Niccolai, ha provato il grande numero lasciando tutti a 74 Km dal traguardo. All’inizio ha provato il toscano Russo a seguirlo con un pregevole inseguimento con il quale è riuscito a riprendere l’ucraino, prima di alzare bandiera bianca. Da quel momento non c’è stata praticamente più gara con Ponomar che ha sprigionato potenza con uno stile perfetto e confermando le sue qualità di cronomen. Le colline attorno a Stabbia lo hanno esaltato, il vantaggio è aumentato a vista d’occhio e quindi la conclusione per lui sul traguardo di via Francesca è stata trionfale tra gli scroscianti e meritati applausi degli sportivi. Per Ponomar terza vittoria stagione, campione toscano a cronometro in salita, autore di altri ottimi piazzamenti e pronto ora alla trasferta in Svizzera per una breve gara a tappe.

Tra gli altri corridori bella e generosa la prova di Giordani, primo anno in categoria, che ha conquistato uscendo dal gruppo con il trentino Bortolotti la seconda piazza mentre il toscano Fiaschi ha vinto la volata del gruppo. Alla classica di Stabbia, complimenti vivissimi al presidente Luciano Benvenuti ed a tutti i suoi collaboratori, hanno preso parte a52 atleti di 33 società compreso il campione regionale Germani che ha provato a reagire ma Ponomar è apparso irresistibile nella sua fantastica progressione.

PROSSIME GARE: Sabato 5 settembre il Giro delle Due Province per élite e under 23 a Marciana di Cascina, mentre domenica gli juniores torneranno in gara a Calenzano in una giornata piena in quanto sono previste anche una gara per allievi e due per esordienti.

ORDINE DI ARRIVO(Stabbia): 1)Andrii Ponomar (Team Franco Ballerini Due C) Km 113,6, in 2h46’04”, media Km 41,044; 2)Lorenzo Giordani (Team Casano) a 3’29”; 39Francesco Bortolotti (Valle di Non) a 2’31”; 4)Matteo Fiaschi (Work Service Romagnano) a 3’37”; 5)Tommaso Dati (Stabbia Dover); 6)Peschi; 7)Panicucci; 8)Budei; 9)Pellegrini; 10)Rodriguez.

ALLIEVI – STABBIA

VOLATA DEL VALDARNESE FAILLI A STABBIA

STABBIA (FI) – Su di un circuito di 14 Km e 200 metri da ripetere 5 volte con la salita di Poggio Tempesti, la prima gara in linea in Toscana della stagione 2020 per allievi, nel ricordo di un giovane morto tragicamente in allenamento e rimasto nel cuore di tutti gli sportivi toscani come Antonj Orsani. E la “Giornata Azzurra” ma solo per definizione tecnica non certo per il tempo, ha visto al mattino la presenza di 135 corridori di 19 società. Ha vinto con una volata magnifica il valdarnese Alessandro Failli, nipote dell’ex professionista Francesco Failli. La gara si è decisa nel corso del quarto e penultimo giro (fino ad allora il gruppo aveva viaggiato compatto) quando Poli e Ciancagli hanno dato vita a una fuga che ha trovato otto immediati inseguitori capaci di raggiungere la testa della corsa. Il plotoncino dei dieci ha trovato l’intesa giusta per concludere positivamente il tentativo di fuga. Sul rettilineo di arrivo e sotto la pioggia tornata a cadere proprio in conclusione della gara, Failli ha sfoderato uno splendido sprint che gli ha permesso di restare al tentativo di rimonta di Belluomini, portacolori della società locale, mentre terzo è terminato Ciancagli.

PROSSIME GARE: Per gli allievi prossimo impegno domenica prossima a Calenzano dove gareggeranno anche gli esordienti 1° e 2° anno per il titolo regionale 2020.

ORDINE DI ARRIVO (Stabbia): 1) Alessandro Failli (Olimpia Valdarnese) Km 72, in 1h49’, media Km 39,591; 2)Matteo Belluomini (Iperfinish); 3)Leonardo Ciancagli (Pedale Toscano); 4)Leonardo Giusti (Montecarlo); 5)Alessio Cristalli (Pedale Toscano); 6)Alex Stella (Speedy Bike); 7)Tommaso Poli (Team Stradella); 8)Luca Cordovani (Pedale Toscano); 9)Samuel Bertolli (Empolese); 10)Niccolò Biancolini (Vc Empoli).

Antonio Mannori

INTITOLATA A GASTONE NENCINI UNA PIAZZA DI FIRENZE

Molto partecipata la cerimonia nel quartiere di Gavinana

Firenze,29 agosto 2020 – A 200 metri di distanza da via Traversari dove Gastone Nencini abitò per 6 anni, è stata intitolata al grande campione nato a Bilancino, la piazza alla fine di Viale Donato Giannotti ed all’inizio di viale Europa nel quartiere di Gavinana dove il campione, con i colori dell’Oltrarno, iniziò la sua pedalata alla conquista dell’Europa. E’ stata una cerimonia molto partecipata quella di questa mattina, nell’ambito di una giornata di celebrazioni organizzata dall’associazione Giglio Amico presieduto da Alberto Panizza. Erano presenti la vice-sindaca, del comune di Firenze Cristina Giachi, con gli assessori allo Sport Cosimo Guccione ed al Welfare, Andrea Vannucci, la vicepresidente del Consiglio Comunale, Maria Federica Giuliani, la presidente del Quartiere 3 Serena Perini, il sen. Riccardo Nencini nipote del campione mugellano, i dirigenti del Comitato Regionale Toscana di ciclismo, il presidente Giacomo Bacci, il vice Giancarlo Del Balio, Luciana Gradassi, Alessandro Dolfi, i familiari del grande campione, la moglie Maria Pia, i figli Elisabetta (che ha ringraziato commossa il Comune per questa piazza intitolata al babbo), Giovanni, Saul e Lapo, il sindaco di Barberino di Mugello, Giampiero Mongatti.

La scelta di intitolare una piazza a Gastone Nencini, tra l’altro nel giorno della partenza da Nizza del Giro di Francia, aveva avuto l’ok della giunta di Palazzo Vecchio il 14 luglio scorso su proposta della vice-sindaca e assessora alla toponomastica, Giachi in occasione del 60esimo anniversario della vittoria al Tour de France del 17 luglio 1960. Una mozione votata il 20 luglio all’unanimità dal Consiglio comunale ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa. Secondo la vice-sindaca Giachi, l’intitolazione di oggi è stato un doveroso omaggio a un uomo che ha saputo con passione, coraggio, forza e integrità, dare il meglio di sé in bicicletta e nella vita. Per questo è stata accolta la richiesta presentata dall’associazione Giglio Amico onlus e avallata dalla famiglia Nencini. La piazza è stata scelta nel Quartiere in cui il campione ha vissuto e dove aveva sede la Società sportiva Oltrarno, per la quale ha corso. Secondo l’assessore allo Sport Guccione, Gastone Nencini è stato, ed è ancora, uno degli esempi del vero sportivo, capace con le sue imprese di commuovere ed entusiasmare. Un modello per tanti, soprattutto giovani, che ha saputo interpretare i valori più autentici del ciclismo. La giornata di celebrazioni ha preso il via al Circolo Vie Nuove, sede del G.S. Oltrarno, da dove i piccoli ciclisti della S.C. Gastone Nencini – vestiti con la divisa celebrativa gialla del Tour del 1960 – sono partiti per una pedalata verso il luogo dell’intitolazione in viale Europa, con giro finale della rotonda al centro della nuova “Piazza Gastone Nencini”. In serata, alle 21, in programma all’Anconella Garden (ingresso da via di Villamagna 39/D) la proiezione del video documentario “Gastone Nencini. Storia di un Campione” realizzato da Marco Vichi di Giglio Amico.

ANTONIO MANNORI

 

ESORDIENTI – Tour de France 1960/2020 Gastone Nencini

PETRI E MIGHELI I DUE VINCITORI DELLA CRONOMETRO LUNGO IL LAGO DI BILANCINO

Barberino di Mugello – In concomitanza con la presentazione a Nizza delle squadre che prenderanno parte al Tour de France, si è svolta oggi pomeriggio lungo il Lago di Bilancino nei pressi di Barberino di Mugello, una cronometro per esordienti 1° e 2° anno per ricordare la vittoria ottenuta 60 anni fa da Gastone Nencini (nativo di Bilancino), al Tour de France 1960. La prova organizzata dalla società che porta il nome del campione mugellano al quale sarà intitolata una piazza a Firenze nel quartiere di Gavinana, ha laureato vincitori Damiano Petri e Manuele Gerolamo Migheli della Fosco Bessi di Calenzano, considerati i favoriti principali della gara disputata da 104 concorrenti (44 del primo anno 60 del secondo). Due ragazzi davvero bravi e interessanti che si sono affermati facendo segnare ottimi tempi ed una media notevole.

ORDINE DI ARRIVO (1° anno): 1)Manuele Gerolamo Migheli (Fosco Bessi Calenzano), Km 4,600, in 6’37”, media Km 41,761; 2)Kevin Bertoncelli (Madignanese) a 5”; 3)Giulio Pavi Degl’Innocenti (S.Miniato Ciclismo) a 10”; 4)Davide Giulietti (Gastone Nencini) a 18”; 5)Francesco Matteoli (Sancascianese) a 19”, 6)Emanuele Ferruzzi (S.Miniato Ciclismo) a 19’1”; 7)Stefano Ganini (Madignanese) a 19’3”; 8)Zeno Pisani (Fosco Bessi) a 21”; 9)Morgan Venturi (Fausto Coppi) a 22”; 10)Thomas Bondi (idem) a 26”.

ORDINE DI ARRIVO (2° anno): 1)Damiano Petri (Fosco Bessi Calenzano) Km 4,600, in 6’17”, media Km 43,916; 2)Fabio Del Medico (Borgonuovo) a 12”; 3)Federico Cozzani Termo La Spezia) a 17”; 4)Thomas Gamba (Ciclistica Trevigliese) a 19”; 5)Armin Caselli (Ciclistica Maranello) a 19’1”; 6)Giacomo Sangiorgi (Cotignolese) a 20”; 7)Marco Merola (Fosco Bessi) a 21”, 8)Enea Sambinello (Fausto Coppi) a 22”; 9)Aldo Fejzai (Olimpia Valdarnese) a 24”; 10)Andrea Nannini (Borgonuovo) a 24’3”.

ANTONIO MANNORI

UNDER 23 – G.P. CHIANTI COLLINE D’ELSA GAMBASSI TERME

TIBERI VINCE SUL TRAGUARDO DI GAMBASSI CON UNO SPUNTO IRRESISTIBILE SU COLLEONI

GAMBASSI TERME(FI).- Onorato alla grande (171 partenti) dal G.S. Maltinti Lampadari e dal suo presidente Renzo Maltinti, il primo dei tre impegni organizzativi previsti, quello del Gp Chianti Colline d’Elsa a Gambassi Terme, cui seguiranno il Gp Città di Vinci martedì 15 settembre ed il Gp Città di Empoli del 1° Novembre. Sul traguardo in salita di Gambassi al termine di una delle gare più impegnative che si svolgono in Toscana per gli Under 23, ha prevalso con uno spunto irresistibile Antonio Tiberi laziale del Team Colpack Ballan, campione del mondo a cronometro juniores lo scorso anno, ed uno dei giovani più interessanti del ciclismo giovanile nazionale. Uno spunto vincente che ha mortificato Filippo Conca grandissimo protagonista della corsa sulle strade della Valdelsa che ha cercato l’azione solitaria a 40 Km dalla conclusione e che è stato raggiunto a 100 metri dalla fettuccia di arrivo. Ma il finale della gara di Gambassi vuol vedere gli atleti in viso, quando la fatica si fa sentire. Al secondo posto un altro dei corridori più attesi Colleoni che una volta raggiunto il suo compagno di squadra Conca ha cercato di controbattere all’azione di Tiberi apparso davvero irresistibile nella sua progressione vincente che gli ha permesso di conseguire il secondo successo stagionale. Una splendida gara questa di Gambassi ed una finale combattuto, incerto ed emozionante che ha laureato al primo posto e bravo nel finale anche il veronese Buratti giunto terzo. La gara dopo un avvio tranquillo, mossiere il sindaco di Gambassi Terme Paolo Campinoti, ha fatto registrare al Km 40 una fuga di Tosin, Conca e Ferri. Dai tre quando il gruppo era a due minuti di ritardo è uscito sulla salita di Boscotondo Conca che ha provato a resistere fino all’ultimo senza riuscirci per soli cento metri.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Antonio Tiberi (Team Colpack Ballan) Km 120, in 2h49’, media Km 42,604; 2)Kevin Colleoni (Biesse Arvedi) a 3”; 3)Niccolò Buratti (Pedale Scaligero) a 5”; 4)Filippo Conca (Biesse Arvedi); 5)Andrew Bidwell (Overall); 6)Jacopo Menegotto (Biesse Arvedi); 7)Gerardo Sessa (Velo Racing Palazzago); 8)Luca Rastelli (Team Colpack Ballan); 9)Francesco Carollo (Gragnano Sporting Club); 10)Andrea Gallo (InEmilia Romagnana).

ANTONIO MANNORI

ALLIEVI – Campionato Toscano Cronometro

LORENZO CONFORTI FA IL BIS NEL CAMPIONATO TOSCANO A CRONOMETRO – POSTI D’ONORE PER SAVINO E SERGIAMPIETRI

Marginone di Altopascio(LU) – Otto chilometri e 200 metri con un tratto iniziale e finale in pianura, ma anche quello in salita verso la collina di Montecarlo dal versante di Poggio Baldino e l’insidiosa discesa su San Salvatore, come dire una cronometro atipica. Su questo percorso e per la prima volta a cronometro nella sua storia che ebbe inizio nel 1981 quando s’impose lo spezzino Paolo Scusa, il Trofeo Carlo Alberto Pellegrini ha assegnato il titolo toscano allievi. Campione regionale si è riconfermato nel pieno rispetto del pronostico Lorenzo Conforti della Iperfinish, già vincitore quest’anno di una precedente cronometro, quella di Legri di Calenzano. La medaglia d’argento, ed anche qui secondo le previsioni, il pisano Savino che ha dovuto cedere otto secondi a Conforti. Il bronzo invece per il massese Sergiampietri autore di una brillante prestazione. Per Conforti guidato dal direttore sportivo Salvatore Palumbo, un bis esaltante a conferma delle sue eccellenti qualità. Forte in pianura ha saputo conservare un’ottima cadenza anche in salita e la necessaria lucidità nel tratto di discesa ingaggiando con il tradizionale rivale Savino una bella sfida sul filo dei secondi. Naturalmente grande entusiasmo nel clan della Iperfinish, l’azienda di Santa Croce sull’Arno che sponsorizza da anni l’attività giovanile della società di Stabbia e che ha visto al seguito della gara lo stesso titolare dell’azienda santacrocese Giacomo Vierucci. Savino è stato bravo anche in questa circostanza ma si è dovuto piegare a Conforti. Il pisano della Coltano resta uno degli allievi più forti in assoluto in campo regionale e bravo Sergiampietri un ragazzo da seguire con altrettanto interesse. In 108 alla sfida nel caldo ed afoso pomeriggio di Ferragosto.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Lorenzo Conforti (Iperfinish) Km 8,200, in 11’54”, media Km 40,453; 2)Federico Savino (Coltano Grube) a 8”; 3)Andrea Sergiampietri (Team Stradella) a 24”; 4)Alessio Cristalli (Pedale Toscano) a 27”; 5)Marco Serni (Donoratico Carli) a 30”; 6)Filippo Ricci (Speedy Bike) a 32”; 7)Luca Cordovani (Pedale Toscano) a 38”; 8)Jacopo Militello (Club Ciclo Appenninico) a 39”; 9)Davide Leonardi (Iperfinish) a 40”; 10)Tommaso Ferri (Olimpia Valdarnese) a 43”.

ANTONIO MANNORI