IL RITROVO. Ricco weekend al Convento di S.Lucia alla Castellina

CAST DI LUSSO PER IL 15° “PREMIO CORAGGIO E AVANTI”.

Al sabato prevista l’assemblea elettiva dell’ADIS-PRO

S.LUCIA ALLA CASTELLINA(FI).- Reso noto dal Gruppo Amici del Ciclismo di S.Lucia alla Castellina (Sesto Fiorentino) sede anche del Centro Spirituale del Ciclismo Italiano come riconosciuto dalla Federazione, il programma del ricco weekend (24 e 25 novembre). Sarà la “Festa della Famiglia del Ciclismo”, 17° Raduno dei Campioni, che tornerà questa volta ad avere un prologo al sabato con l’Assemblea, tra l’altro elettiva, della ADIS-PRO (Associazione Italiana Direttori Sportivi Professionisti). Un’occasione di aggiornamento importante per i tecnici e per discutere delle varie problematiche della categoria, oltre all’elezione del nuovo direttivo. I lavori occuperanno l’intera giornata di sabato 24 novembre mentre il giorno dopo sarà dedicato al Premio “Coraggio e Avanti” con la consegna al termine della Santa Messa, celebrata nella chiesa del Monastero di S.Lucia alla Castellina dai padri carmelitani Nicola e Luca con l’intervento di altri sacerdoti. Tra l’altro in questa occasione ricorre il centenario della nascita di Padre Agostino Bartolini fondatore e animatore del movimento carmelitano “La Famiglia”, grande appassionato del mondo sportivo e del ciclismo in particolare, scomparso il 27 settembre di sei anni fa.

Ci sarà a proposito un ricordo particolare di questo sacerdote nativo del Mugello, con una diretta televisiva in occasione della premiazione curata da Tv Prato. Il cast dei premiati è di lusso, così come saranno tanti gli ospiti presenti a questa festa, che Giacinto Gelli, Luca Limberti ed i loro collaboratori, stanno predisponendo con grande impegno grazie anche agli sponsor vicino alla manifestazione. Questi i riconoscimenti dell’edizione 2018.

Premio “Coraggio e Avanti” a Davide Ballerini; premio “Ammiraglio D’Oro” a Giovanni Ellena (questi due riconoscimenti in base alla votazione della speciale commissione). Gli altri premiati la “Promessa Juniores” Tommaso Nencini, per le donne la campionessa italiana Marta Cavalli, per gli under 23 Samuele Battistella, il Premio Franco Ballerini al tecnico Marco Villa, per gli “Over 35” nel ricordo di Edo Gelli a Franco Pellizotti appena sceso di bici, il Premio Alfredo Martini-Azzurri d’Italia al c.t. degli under 23 Marino Amadori, il Premio Filotex a Aldo Moser.

FESTA DEI GIOVANISSIMI NEL RICORDO DI FRANCO BALLERINI

A Casalguidi la premiazione del Memorial che lo ricorda

CASALGUIDI(PT).- Un’altra festa per i giovanissimi del pedale, questa volta nel ricordo di Franco Ballerini a otto anni dalla sua tragica scomparsa. Si è tenuta come sempre nella Sala polivalente Mario Francini della Misericordia di Casalguidi e Cantagrillo, organizzata dalla Commissione Giovanile con il patrocinio del Comitato Regionale Toscana, la collaborazione della Pol. Milleluci e del Comune di Serravalle Pistoiese. La cerimonia con giovanissimi e società toscane protagoniste nel corso della stagione 2018, nel mountain bike, nella Challenge su pista e nell’attività su strada il tutto nell’ambito del Memorial Franco Ballerini. La manifestazione si è aperta con l’omaggio e la deposizione dei fiori sulla tomba del “Ballero” ricordato brevemente da Dalmazio Biagini che lo ebbe dilettante nella Magniflex di Cantagrillo, quando il dirigente pistoiese ne era presidente. Il ricordo di Ballerini anche nelle parole dell’assessore allo sport del Comune di Serravalle Pistoiese Benedetta Vettori, del consigliere nazionale della Federciclismo Maurizio Ciucci, del rappresentante della Commissione Nazionale Roberto Fontini e di quella regionale Laura Puccetti, dei presidenti del Comitato Regionale Toscana Giacomo Bacci, di quello provinciale Luciano Talini, del rappresentante del Coni Marco Teglia. La cerimonia di premiazione si è aperta con la consegna dei riconoscimenti a Sabrina Ricasoli, moglie di Franco Ballerini e quindi la carrellata con società e atleti, mentre c’è stato il saluto del presidente del Team NPM Chianciano Salute, la società che avrà il compito di organizzare a Chianciano Terme nel luglio del prossimo anno la rassegna tricolore su strada (esordienti e allievi). La stessa “Chianciano Salute” ha offerto un weekend gratis nella città senese al direttore sportivo di una delle otto società che hanno svolto attività su pista in  almeno 4 delle 6 prove previste. Il sorteggio ha premiato il G.S. Stabbia Ciclismo. Questo infine l’elenco dei premiati (atleti e società) a Casalguidi.

TROFEO GRANDUCATO JUNIOR MTB: Borgonuovo, Cinghiali Gavorrano, Olimpia Valdarnese, Garfagnan MTB, Siena Bike.

TROFEO TUSCANY JUNIOR MTB: Elba Bike Scott, Cinghiali Gavorrano, Garfagnana MTB, Borgonuovo, Costa Etrusca.

CHALLENGE PISTA: Olimpia Valdarnese, Pol. Albergo, S.Miniato Ciclismo, Fosco Bessi, Carube Progetto.

PREMIO DIRETTORE SPORTIVO: Olimpia Valdarnese (prima in classifica); S.Miniato Ciclismo (prima come presenze); premio soggiorno a Chianciano Terme, al D.S. G.S. Stabbia Ciclismo. Premiate le tre società organizzatrici dei Meeting Regionali (Pol. Val di Loreto-Olimpia Valdarnese per il MTB, San Miniato Ciclismo per abilità-velocità e Velo Club Empoli, prove strada). Nella classifica di partecipazione Olimpia Valdarnese, Borgonuovo e Costa Etrusca; nella classifica femminile il podio con Olimpia Valdarnese, Costa Etrusca e Donoratico. Infine queste le prime 10 società della classifica generale del Memorial Franco Ballerini 2018: Olimpia Valdarnese, Costa Etrusca, S.Miniato Ciclismo, Fosco Bessi, Borgonuovo, Pol. Albergo Del Tongo, S.Miniato S.Croce, Donoratico, Pedale Toscano, Pedale Pietrasantino.

ANTONIO MANNORI

 

CI HA LASCIATI ROLANDO GACCI COETANEO DI MARTINI

Figura conosciuta nello sport e nell’Associazionismo

CAFAGGIO DI PRATO (PO).- Ci ha lasciato Rolando Gacci, 97 anni, personaggio noto a tutti nel Pratese e non solo. Conosciuto nel mondo dello sport, ciclismo in primis, per i tanti anni di appartenenza alla Polisportiva Soccorso e alla Capp Plast (ne fu a lungo tifoso, direttore sportivo e dirigente ed il suo pupillo fu il compianto Riccardo Raugei), Gacci era nato nel marzo 1921. Amava affermare che era più giovane di un mese rispetto ad Alfredo Martini, uomo immagine del ciclismo italiano. Gacci, era attualmente vice presidente dellla società organizzatrice C.F.F. Seanese. Vicino al mondo dell’Associazionismo, aveva scritto anche un libro autobiografico dal titolo “La storia di una vita tra poesia e sport”. Alla moglie Anna, ai figli Maria Angela e Gabriele, sentite condoglianze da parte del movimento ciclistico toscano e nazionale.

PER STEFANO PIOLI LA MAGLIA DELLA FOSCO BESSI

FIRENZE.- Che l’allenatore della Fiorentina Stefano Pioli sia un appassionato di ciclismo e tifoso di Vincenzo Nibali è noto. Quando il trainer viola ha un po’ di tempo libero va volentieri in bici e questa sua passione per lo sport del pedale ha avuto questa mattina una conferma. Due dirigenti della società ciclistica Fosco Bessi di Calenzano fondata 70 anni fa (tra i promotori anche Don Lorenzo Milani), nonché tifosi viola, Fabrizio Vangi sponsor della squadra calenzanese e del ciclismo in genere (nella sua società ha militato da juniores nel 2009 e 2010 anche Andrea Manfredi, morto nella caduta dell’areo in Indonesia) ed il team manager Saverio Metti, hanno incontrato allo stadio Franchi di Firenze, Stefano Pioli oltre al direttore generale dell’area tecnica Pantaleo Corvino. Al mister della Fiorentina i due dirigenti del ciclismo hanno donato le maglie della Fosco Bessi Calenzano e del gruppo sportivo Vangi, entrambe particolarmente apprezzate da Pioli che le indosserà alle prossime uscite in bici.

ANTONIO MANNORI

LA MORTE DI ANDREA MANFREDI

Unico italiano sull’areo caduto in Indonesia

MASSA.- Tra le 189 vittime del disastro aereo in Indonesia, c’è anche un italiano, 26 anni, toscano di Massa, Andrea Manfredi ex corridore professionista e imprenditore di successo una volta sceso di bici, con il ciclo computer Sportex. Era un ragazzo di un’educazione esemplare e di un’intelligenza rara. Appassionato, deciso, pieno di vita. Una vita spezzata questa mattina, in un volo in Indonesia dove si trovava per lavoro. Nel 2013 aveva corso da professionista con la maglia della Ceramica Flaminia, mentre nel successivo biennio aveva indossato la maglia della Bardiani Csf diretto da Bruno e Roberto Reverberi, prima di lasciare il ciclismo come atleta. Tanti però i ricordi di Andrea nel ciclismo e prima di salire nei professionisti. Era un amico, una persona esemplare, sempre disponibile ed educato. Lo abbiamo visto gareggiare da giovanissimo fino alla massima categoria. Lo ricordiamo esordiente nel gruppo sportivo Edilizia Dell’Amico, società massese, quindi l’anno dopo autore di ben 11 vittorie con i colori della Cicli Parra di Vecchiano. Due anni come allievo nella Vecchiano Berti con 10 vittorie al suo attivo, quindi il salto negli juniores nell’Ambra Cavallini Vangi Calenzano dove ottenne tre vittorie per poi esplodere nella stagione successiva (era il 2010) con il titolo toscano, azzurro in Lussemburgo, autore di una stagione esaltante con otto vittorie e 16 piazzamenti nei primi cinque. Il passaggio nei dilettanti nel 2011 avvenne con la società fiorentina Hopplà Truck Italia Valdarno. Non ci furono vittorie per Manfredi in quella stagione, mentre l’anno dopo ottenne un successo di tappa nel Giro della Valle d’Aosta oltre al terzo posto nella classifica finale. Quindi le tre stagioni da professionista per poi intraprendere l’attività che svolgeva con grande impegno e passione come era nel suo carattere. Una morte che ha suscitato profondo cordoglio in tutto il mondo del ciclismo, dove era conosciuto e stimato da tutti.

ANTONIO MANNORI

L’OMAGGIO DELLO STAFF DELLA NAZIONALE AZZURRA PER ALFREDO MARTINI E FRANCO BALLERINI

Nel rispetto della tradizione al termine della stagione. La delegazione con a capo il presidente Renato Di Rocco

FIRENZE.- Una doppia cerimonia per ricordare due figure indimenticabili del ciclismo e rendere omaggio alla loro memoria. Protagonista dell’iniziativa che si ripete puntualmente alla fine della stagione agonistica, lo staff azzurro della Nazionale Italiana, con una delegazione ancora più numerosa rispetto all’anno scorso, guidata dallo stesso presidente della Federazione Ciclistica Italiana e vice presidente UCI, Renato Di Rocco. Il gruppo si è ritrovato presso il cimitero di Casalguidi dove riposa dal febbraio 2010 Franco Ballerini. C’erano la moglie Sabrina con il padre Luigi ed il cognato Luca. La solita commozione davanti alla tomba del “Ballero” con un breve intervento del coordinatore tecnico delle squadre azzurre Davide Cassani. C’era anche Marino Amadori responsabile tecnico per gli under 23, Marco Velo collaboratore di Cassani, meccanici, massaggiatori, collaboratori e addetti ai lavori dello staff azzurro, oltre agli immancabili Franco Vita e Marco Mordini, scudieri e accompagnatori inseparabili di Alfredo Martini. Dopo la sosta a Casalguidi il gruppo si è trasferito a Sesto Fiorentino presso l’abitazione di Alfredo Martini, accolto dai familiari ad iniziare dalle figlie Silvia e Milvia. Una sosta di alcuni minuti nella casa dove ha abitato per tanti anni l’uomo immagine del ciclismo italiano, prima dell’ultima tappa per il pranzo da Saverio Carmagnini presso il ristorante Carmagnini del ‘500 a Pontenuovo di Calenzano, il locale dove il prossimo 21 novembre si svolgerà la cerimonia di consegna del 45° Giglio D’Oro vinto per la stagione 2018 da Elia Viviani.

ANTONIO MANNORI

IL PREMIO GIGLIO D’ORO

Da Viviani a Froome, Vittoria Guazzini, Ballerini, Argentin, Piccolo, Paolini.

Per Giancarlo Antognoni il “Premio Alfredo Martini”

LA CERIMONIA IL 21 NOVEMBRE

CALENZANO(FI).- Numero uno al mondo con 18 vittorie (l’ultimo italiano plurivincitore era stato Petacchi nel 2005), non poteva che essere Elia Viviani protagonista di un’esaltante stagione, il vincitore del 45° Giglio D’Oro, il premio ideato da Saverio Carmagnini nel 1974, con alcuni amici tra i quali i compianti Alfredo Martini, Gastone Nencini e Vasco Baroni, il collega Franco Calamai e l’ex direttore sportivo Waldemaro Bartolozzi che fanno ancora parte della speciale Commissione. I due figurano tra i premiati assieme al tandem in Rai, Francesco Pancani e Silvio Martinello, in un cast di personaggi straordinario per la cerimonia del Giglio D’Oro 2018, prevista mercoledì 21 novembre alle ore 11 a Pontenuovo di Calenzano, presso il Meridiana Country Hotel ed il ristorante Carmagnini del ‘500. Sfileranno campioni e personaggi del ciclismo e non solo, perché ci sarà anche l’ex calciatore Giancarlo Antognoni al quale andrà il Premio Alfredo Martini-Maestri dello Sport.

I PREMI: Vincitore del Giglio D’Oro come detto e con un punteggio altissimo dopo una stagione fantastica, il veronese Elia Viviani che avrà anche il riconoscimento quale Campione Italiano assoluto su strada; a Chris Froome vincitore del Giro d’Italia, alla rivelazione Davide Ballerini (premio Gastone Nencini) alla pluricampionessa mondiale, europea e italiana Vittoria Guazzini (premio Gino Bartali), a Moreno Argentin (premio Franco Ballerini). Altri premiati speciali del “Giglio D’Oro 2018” patrocinato dal Gruppo Toscano Giornalisti Sportivi dell’USSI, il tricolore crono juniores e bronzo al mondiale, il milanese Andrea Piccolo del Team LVF che riceverà il “Premio Giovani” intitolato a Franco Ballerini, e l’esordiente toscano Gabriele Paolini del G.C. Vecchianese al quale andrà il Memorial Tommaso Cavorso.

ANTONIO MANNORI

A LIVORNO FESTA PER I GIOVANISSIMI DEL PEDALE

La premiazione della Challenge Osvaldo Ferrini

LIVORNO.- Sabato 3.11 a Livorno con inizio alle ore 16 organizzata dal G.S. Montenero e dal Livorno Cycling Team, si è svolta presso il salone dell’Ente Livornese Scuola Edile in via Piemonte, la cerimonia di premiazione del VII° Memorial Cav. Osvaldo Ferrini, dirigente indimenticabile dello sport livornese e del ciclismo in particolare. La Challenge indetta dal Comitato Provinciale di Livorno della Federciclismo attualmente presieduto da Davide Venanzoni, è riservata ai giovanissimi e redatta in base alle classifiche delle sei gare organizzate in Provincia di Livorno durante la stagione 2018. Sono stati 137 i giovanissimi che hanno totalizzato punti di 37 società. Queste le classifiche del VII° Memorial Osvaldo Ferrini.

CATEGORIA G1: 1)Alessio Cammarata (Costa Etrusca); 2)Diego De Stefano (Butese); 3)Federico Nesti (Coltano); 4)Marini; 5)Martinelli. CAT. G2: 1)Mattia Catastini (S.Miniato-S.Croce); 2)Pablo Milian Garcia (Ped. Pietrasantino); 3)Christian Lucherini (Stabbia); 4)Barsotti; 5)Bravatà. CAT. G3: 1)Emanuele Favilli (Donoratico Carli); 2)Tommaso Fogli (S.Miniato-S.Croce); 3)Leonardo Pavi Degl’Innocenti (S.Miniato Ciclismo); 4)Masi; 5)Luci. CAT. G4: 1)Massimo Mezzasalma (Colognole); 2)Matteo Cialdini (S.Miniato-S.Croce); 3)Alejandro Di Riccio (Carube); 4)Prisco; 5)Gaggioli. CAT. G5: 1)Giulio Pavi Degl’Innocenti (S.Miniato Ciclismo); 2)Diego Buti (Alta Valdera); 3)Jacopo Belmonte (Donoratico Carli); 4)Bertuccelli; 5)Martinelli. CAT. G6: 1)Alessio Anguillesi (Coltano); 2)Filippo Piacenza (Donoratico Carli); 3)Davide Bufalini (Colognole); 4)Del Medico; 5)Cappellini, Fondelli, Petri.

FEMMINE CAT. G1: 1)Alyssa Di Girolamo (Costa Etrusca); 2)Sara Colzi (Seano One); 3)Gaia Del Carlo (Montecarlo); 4)D’Ambrosio; 5)Genovese A. CAT. G2: 1)Giulia Campani (Colognole); 2)Elena Geppi (Costa Etrusca); 3)Letizia Maestrini (Team Stradella); 4)Cerbioni; 5)Aiello. CAT. G3: 1)Ginevra Fialdini (Donoratico Carli); 2)Clara Fondelli (Coltano); 3)Rachele Paternostro (Donoratico Carli); 4)Rossi; 5)Bacci. CAT. G4: 1)Aurora Salvestrini (Donoratico Carli); 2)Margherita Mariottini (Coltano); 3)Nicole Pennino (Costa Etrusca); 4)Spinelli; 5)Ammannati. CAT. G5: 1)Angelica Coluccini (Donoratico Carli); 2)Emma Franceschini (Costa Etrusca); 3)Ginevra Di Girolamo (Costa Etrusca); 4)Cappellini; 5)Formisano. CAT. G6: 1)Letizia Tasciotti (S.Miniato-S.Croce); 2)Giulia Rossi (idem); 3)Aurora Chiti (idem); 4)Castagna; 5)Guadagni.

SOCIETA’: 1)Donoratico Carli punti 212; 2)Costa Etrusca 209; 3)S.Miniato-S.Croce 175; 4)Coltano Grube 160; 5)Colognole 135.

ANTONIO MANNORI

GIOVANISSIMI / MOUNTAIN BIKE

CONCLUSA LA CHALLENGE CASA BONELLO – VINCONO BORETTI, CERONE, LAZZERINI, BONCIANI, BARTOLI E BAGNI. Tra le femmine Genovese, Semoli, Masi, Pennino Formisano, Tasciotti-Prima società la S.Miniato-S.Croce

CASA BONELLO(PI).- Presso l’area del ciclodromo di Casa Bonello a La Catena di San Miniato in provincia di Pisa, la quarta ed ultima prova della settima edizione della Challenge fuoristrada riservata ai giovanissimi.  Organizzata dalla San Miniato-S.Croce con il patrocinio del Comune di San Miniato, l’ormai tradizionale rassegna ha riscosso un notevole successo nelle quattro prove svoltesi (circa 750 i partecipanti) durante il mese di ottobre. L’ultima prova è stata  emozionante e decisiva per il successo finale in qualche categoria, in altre era ormai tutto deciso. In base al punteggio hanno vinto la Challenge dalla G1 alla G6, Antonio William Boretti (Borgonuovo), Antonio Cerone (Via Nova), Nicola Lazzerini (Elba Bike), Andrea Bonciani (Olimpia Valdarnese), Danilo Bartoli (S.Miniao Ciclismo), Federico Bagni (G.S. Daccordi). Nel settore femminile Asia Genovese (Campi Bisenzio), Matilde Semoli (Olimpia Valdarnese), Greta Rossi (S.Miniato S.Croce), Nicole Pennino (Costa Etrusca), Silvia Formisano e Letizia Tasciotti(S.Miniato-S.Croce).

Tra le società al primo posto la San Miniato-S.Croce con 322 punti, seguita da Costa Etrusca (245), S.Miniato Ciclismo (227), Olimpia Valdarnese (222), Elba Bike Scott (129). Questi i risultati della 4^ ed ultima prova con una segnalazione doverosa per l’ottimo lavoro della segreteria con a capo DSaniele Brotini.

CATEGORIA G1: 1)Antonio Boretti (Borgonuovo); 2)Thomas Lucentini (Scuola Mtb Cinghiali Gavorrano); 3)Alessio Cammarata (Costa Etrusca). CAT. G2: 1)Antonio Cerone (Via Nova); 2)Mattia Cervini (Elba Bike); 3)Christian Lucherini (Stabbia). CAT, G3: 1)Nicola Lazzerini (Elba Bike); 2)Daniele Bacci (Stabbia); 3)Lorenzo Luci (Vc Empoli). CAT. G4: 1)Eugenio Castellucci (Olimpia Vald.); 2)Andrea Bonciani (id.); 3)Alessio Gugliara (Scuola Mtb Gavorrano). CAT. G5: 1)Tommaso Lazzerini (Elba Bike); 2)Giulio Pavi Degl’Innocenti (S.Miniato Ciclismo); 3)Tommaso Cervini(Elba Bike), CAT. G6: 1)Damiano Gallerini (S.Miniato Ciclismo); 2)Mattia Simone (Carube); 3)Paul Cappellini (S.Miniato Ciclismo).

SETTORE FEMMINILE: Hanno vinto Siria Genovese (Campi Bisenzio), Matilde Semoli e Aurora Masi(Olimpia Valdarnese), Nicole Pennino ed Emma Franceschini (Costa Etrusca), Letizia Tasciotti (S.Miniato S.Croce).

ANTONIO MANNORI

UN CORSO PER GIUDICI DI GARA IN TOSCANA

FIRENZE.- Terminata la stagione 2018 e dopo l’organizzazione esemplare del Cicloraduno Nazionale a Coltano di Pisa, la Commissione Regionale Giudici di Gara della Toscana presieduta da Linda Bottoni, ha indetto un corso per giudici di gara regionali, le cui iscrizioni terminano il prossimo 10 novembre. Anche con la fine dell’annata 2018 alcuni giudici toscani hanno raggiunto l’età (70 anni) per essere dismessi dai servizi, e quindi occorrono forze nuove in prospettiva futura. Tutte le modalità e quanto c’è da conoscere per iscriversi, è pubblicato nella locandina che è stata stampata e che ritrae in una splendida immagine la pluricampionessa iridata, europea e italiana, Vittoria Guazzini, meravigliosa protagonista della stagione.

ANTONIO MANNORI

TEAM NPM CHIANCIANO SALUTE TANTE NOVITA’ PER IL FUTURO

Nel 2019 arriva il Ds Antonio Fanelli e ci sarà da organizzare i campionati italiani allievi-esordienti a Chianciano Terme nel mese di luglio

AREZZO.- La stagione 2018 è appena terminata ma in seno al Team NPM Chianciano Salute di Arezzo si guarda già alla prossima, con un 2019 che annuncia importanti novità e che novità! Proprio in questi giorni il Consiglio Federale riunito a Roma, ha assegnato al sodalizio aretino l’importante organizzazione dei Campionati Italiani esordienti e allievi, sia del settore maschile che femminile (in tutto sei gare) prevista per i giorni 6 e 7 luglio 2019 a Chianciano Terme, pregevole ed ospitale località conosciuta in tutto il mondo e che garantisce dal punto di vista logistico il pieno successo della rassegna tricolore giovanile svoltasi negli ultimi anni a Comano Terme. Altra novità quella che riguarda l’aspetto tecnico della squadra femminile con l’arrivo nello staff dell’ex professionista Antonio Fanelli, quest’anno alla guida della squadra juniores Fosco Bessi e responsabile tecnico regionale per l’attività su pista. Fanelli da sempre segue anche da vicino l’attività femminile e quindi il Team NPM Chianciano Salute potrà compiere un salto di qualità importante nella crescita e nello sviluppo dell’attività nel settore, oltre a incrementare anche l’attività su pista. Dopo aver festeggiato il primo lustro di attività in maniera composta e senza tanto clamore come è nel suo stile, questa bella realtà del ciclismo toscano, ricca di impegno e passione profusi dai suoi dirigenti, si appresta a una stagione davvero interessante ed intensa. Tornando all’attività della decorsa stagione il team del presidente Luca Pellegrini (vice presidente Stefano Marabissi, consiglieri Carlo Manfredi, Massimo Semoli e Roberta Tamburini), ha tesserato 14 atlete tra esordienti e allieve, numero record per la società, a conferma della sua costante crescita. La partecipazione alla “Challenge Rosa”, ai Campionati Italiani ed a tutte le altre gare che il calendario ha proposto, ha contrassegnato il cammino stagionale della società, che permesso alle atlete di fare preziosa esperienza, anche senza raggiungere il successo. Una realtà del ciclismo rosa a supportare la crescita che il movimento ha fatto registrare in Toscana a tutti i livelli, grazie ovviamente agli amici e sponsor del Team NPM Chianciano Salute, che supportano la società ed offrono quel sostegno e quella collaborazione, quanto mai utile in vista anche di un 2019 che si annuncia stimolante. Queste le atlete tesserate nell’ultima stagione.

ALLIEVE: Monica Acco, Carlotta Cupi, Francesca Francioli, Giulia Manenti, Giada Manfredi, Giorgia Marabissi, Nicole Serafini.

ESORDIENTI (1° anno): Giulia Coppi, Antonella Coccoletti, Rakele e Rebekka Pigolotti.

ESORDIENTI (2° anno): Alice Marchese, Lorenza Poli, Serena Semoli.

ANTONIO MANNORI

TOSCANA/BILANCI : La stagione degli Elite Under 23

SCARONI IL MIGLIORE NELLA CLASSIFICA DI RENDIMENTO. Dietro all’azzurro, Duranti, Sobrero e Corradini. La sorpresa dell’annata Filippo Fiorelli

Si riflette anche sulla classifica di rendimento la brillantissima stagione della Petroli Firenze Hopplà Maserati Truck Italia. Ai primi due posti infatti altrettanti azzurri del team fiorentino caro agli sponsor Sandro Pelatti, Claudio Lastrucci, Giulio Maserati e Giuliano Taverni. Sono stati Cristian Scaroni e Jalel Duranti gli unici dilettanti ad avere superato quota 100 punti nella graduatoria, compilata come le altre in base alle attuali norme tecniche. Al terzo posto Matteo Sobrero della Dimension Data For Qhubeka, quindi Michele Corradini della Mastromarco Sensi Nibali e Filippo Fiorelli della Gragnano Sporting Club Caselli, che si può considerare la bella e lieta sorpresa della stagione 2018. Il titolo toscano under 23 è stato conseguito da Nicholas Rinaldi del Team Cervèlo nella prova disputata a Malmantile.

CLASSIFICA FINALE (Top Ten): 1)Scaroni (Petroli Firenze Hopplà Maserati) punti 147; 2)Duranti 124; 3)Sobrero 97; 4)Corradini 86; 5)Fiorelli 82; 6)Garavaglia 80; 7)De Bod 75; 8)Murgano 68; 7)Marchetti 67; 9)Cacciotti 53; 10)Fiaschi 51.

                                    ANTONIO MANNORI

TOSCANA: Il bilancio delle società

LA REGINA E’ LA PETROLI FIRENZE HOPPLA’ MASERATI. 

Ventuno le vittorie ottenute nella stagione 2018

Prima società in Toscana della stagione 2018,  la Petroli Firenze Hopplà Maserati con 21 successi conseguiti da èlite e under 23. Da notare che il team ha colto altre 15 vittorie con la squadra affiliata in Emilia Romagna grazie a Fedrigo (10 successi) ed a Konychev (5). Le ventuno affermazioni con i corridori tesserati in Toscana sono così ripartite: 5 vittorie a testa per Duranti e Marchetti, 3 quelle di Scaroni, con 2 Garavaglia, Colonna Yuri, Cacciotti e Dotti.

Negli juniores la prima della classe è risultata la Work Service Romagnano, negli allievi la Ciclistica Cecina, negli esordienti la Montecarlo Pizzeria La Rusticanella.

CLASSIFICA FINALE (Top Ten): 1)Petroli Firenze Hopplà Maserati vitt. 21; 2)Work Service Romagnano 19; 3)Montecarlo Pizzeria La Rusticanella 18; 4)Ciclistica Cecina e Coltano Grube 13; 5)Velo Club Carrara 12; 6)Fosco Bessi 11; 7)Stabbia Ciclismo Dover 9; 8)Franco Ballerini Primigi Store, M.B. Victor e Team Valdinievole 8; 9)San Miniato S.Croce 7; 10)Donoratico Rosignano e Team Stradella 6.

ANTONIO MANNORI

 

TOSCANA BILANCI / La stagione degli allievi

IL LIVORNESE BUTTERONI IL PIU’ FORTE DI TUTTI

Seguono Dati e Gimignani – Bene Peschi e Crescioli

FIRENZE.- Un brillante protagonista nella categoria allievi grazie a una crescita inattesa. Il livornese di San Pietro in Palazzi Gregorio Butteroni della Ciclistica Cecina, è stato autore di una stagione straordinaria. E’ vero che da esordiente si era già segnalato vincendo anche il titolo toscano a Quarrata, ma nessuno si attendeva un crescendo così da parte del bravissimo atleta cecinese. Tra l’altro Butteroni ha vinto sia il titolo toscano in linea sul traguardo di Matassino in Provincia di Arezzo, sia quello a cronometro a Baccaiano di Montespertoli. Ha iniziato alla grande la stagione 2018, chiudendola in maniera trionfale con il successo sul Ghisallo. Infine non dimentichiamoci il titolo italiano ottenuto su pista, un atleta dunque che ha esaltato la multidisciplina.

Altro campione italiano su pista, Tommaso Dati, secondo nella classifica di rendimento alle spalle di Butteroni. Ottimo terzo Gimignani, costretto a uno stop forzato nel periodo centrale della stagione, mentre hanno disputato una bella stagione sia Peschi che Crescioli. Tra le sorprese più belle della stagione Galigani e Salvadori.

CLASSIFICA FINALE (Top Ten): 1)Butteroni (Cicl. Cecina) punti 97; 2)Dati 62; 3)Gimignani 61; 4)Peschi 53; 5)Crescioli 45; 6)Panicucci 31; 7)Salvadori e Bozicevich 26; 8)Fiaschi 25; 9)Arzilli e Santucci 22; 10)Del Corso e Mastrangelo 18.

ANTONIO MANNORI

TOSCANA BILANCI / La stagione degli esordienti

CIPOLLINI E ZANETTI I PIU’ BRAVI ESORDIENTI TOSCANI

Bene anche Savino, Cavallaro, Stella e Pieralli

FIRENZE.- E’ stato un esordiente del 1° anno, il lucchese Edoardo Cipollini figlio dell’ex corridore Cesare e nipote di Mario “Re Leone”, il migliore in assoluto nella stagione 2018. Con lui ha ingaggiato un bel duello sino dall’inizio della stagione, il massese Alessandro Romeo Zanetti, risultato alla fine il più bravo del 2° anno e finito a 12 punti da Cipollini nella classifica di rendimento. Positiva anche la stagione del tandem Savino-Cavallaro della Coltano Grube, di Pieralli e Stella. Hanno superato i 50 punti anche Nicolini, Conforti e Del Frate. I due campioni toscani in linea nella prova di Castelfiorentino sono stati Cipollini e Savino.

CLASSIFICA FINALE (Top Ten): 1)Cipollini (Montecarlo Pizzeria La Rusticanella) punti 105; 2)Zanetti 93; 3)Savino 86; 4)Cavallaro 82; 5)Stella 74; 6)Pieralli 70; 7)Nicolini 64; 8)Conforti 61; 9)Del Frate 60; 10)Paolini 43.

ANTONIO MANNORI