NEI COMUNI DI CHIANCIANO TERME E CHIUSI I TRICOLORI ESORDIENTI E ALLIEVI 2020

La rassegna tricolore si svolgerà l’11 e 12 luglio.

CHIANCIANO TERME.- Ci sarà il bis tricolore per la città di Chianciano Terme. Infatti la Federazione Ciclistica Italiana ha ufficializzato anche per la stagione 2020 e dopo il parere favorevole della Struttura Tecnica, l’assegnazione dei Campionati Italiani Giovanili (esordienti e allievi sia maschili che femminili) alla località in Provincia di Siena oltreché al Comune di Chiusi.

Dopo l’edizione 2019 che ebbe un ottimo successo, a Chianciano Terme sono pronti a bissare l’evento tricolore riservato ad esordienti ed allievi, con l’aggiunta anche del Comune di Chiusi. L’organizzazione dell’intera manifestazione sarà affidata alla società ciclistica Pedale Toscano Ponticino.

 

LA RIEVOCAZIONE STORICA DELLA FIRENZE – PISTOIA

COMUNICATO DEL COMITATO ORGANIZZATORE

Il 2 febbraio del 2020 si celebrano i 150 anni dalla prima corsa internazionale in linea disputata in Italia. Era il 1870 e si correva la Firenze-Pistoia, una competizione su strada lunga 33 km. La corsa vedeva una partecipazione a livello internazionale e fu vinta da un giovane americano di 17 anni, Rynner Van Heste, che staccò tutti gli avversari in due ore e dodici minuti.

In occasione dell’anniversario, il Comitato Regionale della Federazione Ciclistica Italiana e la Delegazione Regionale della Unione Nazionale Veterani dello Sport, attraverso le sezioni di Firenze e Pistoia,   propongono una serie di iniziative per celebrare l’evento e per far tornare la bicicletta al centro della quotidianità, oggi che appare sempre più importante l’attenzione all’ambiente e allo sport, inteso come promotore di salute.

In questa manifestazione si intende ripercorrere il tragitto di quel momento storico unico nella storia dello sport moderno, attraverso una gara non competitiva aperta a tutti gli sportivi ed a tutti gli appassionati.

L’evento è rivolto al mondo del ciclismo, in particolare fiorentino e pistoiese, ma anche toscano ed  al mondo delle professioni, della politica, dell’economia, della cultura e della scienza e connessi da un unico filo conduttore: la passione per la bicicletta.

Per motivi organizzativi, in questa prima edizione non potranno essere accolti più di 150 partecipanti oltre al personale dell’organizzazione. Agli stessi sarà offerto un ricordo della manifestazione e all’arrivo potranno usufruire del pranzo presso il ristorante self service della Biblioteca Giusti di Pistoia.

Le iscrizioni e il versamento della quota di partecipazione possono essere effettuati cliccando il seguente link:

LA PRIMA – PEDALATA CELEBRATIVA DEI 150 ANNI DELLA PRIMA CORSA INTERNAZIONALE DEL MONDO FIRENZE PISTOIA

 

LA FESTA DEL CICLISMO TOSCANO

A MARINA DI MASSA, SOCIETA’ E ATLETI IN PASSERELLA.  L’IRIDATO TIBERI DONA LA MAGLIA AL PRESIDENTE BACCI

MARINA DI MASSA.- Al Centro Congressi a Marina di Massa l’annuale festa del ciclismo toscano organizzata dal Comitato Regionale al termine di una stagione ricca di successi e di soddisfazioni per i risultati conseguiti. Tra gli ospiti la vice presidentessa vicaria della Federazione Ciclistica Italiana, Daniela Isetti ed i consiglieri nazionali Maurizio Ciucci e Corrado Lodi. Per la provincia di Massa Carrara il suo presidente Gianni Lorenzetti, il delegato allo sport del Comune di Massa Paolo Balloni, quello del CONI Vittorio Cucurnia. Il Comitato Toscana con il presidente Giacomo Bacci ed i vice Maria Bruni e Giancarlo Del Balio, i consiglieri Becherucci, Marchesini e Luciana Gradassi. Nel suo saluto iniziale Bacci ha parlato di annata positiva con alcune specialità in costante crescita come Ciclocross, Mountain Bike e Enduro. Daniele Isetti nel ringraziare tutti gli addetti ai lavori che con impegno e passione si dedicano al ciclismo, ha ricordato tre aspetti di primaria importanza verso i quali la Federazione sta facendo ogni sforzo possibile, la formazione, l’impiantistica e la sicurezza, chiamando ognuno per la propria parte a compiere ogni sforzo. “Siamo una grande famiglia – ha concluso la Isetti – e vogliamo che rimanga tale”. Terminati i saluti di rito è iniziata con il “botto” la bella premiazione, protagoniste le società Olimpia Valdarnese e Pedale Toscano, prima e terza nel Meeting Nazionale di società giovanissimi a Matera, quindi il campione del mondo juniores a cronometro Antonio Tiberi accompagnato da un lungo applauso. L’iridato del Team Franco Ballerini ha voluto donare al commosso presidente Giacomo Bacci, la maglia iridata conquistata con quella fantastica e straordinaria prestazione in Inghilterra. Non è potuto intervenire invece l’altro campione del mondo della stagione, l’under 23 Samuele Battistella primo nella gara in linea, ed i suoi premi come quelli dei suoi compagni di squadra Sobrero e Brown, sono stati ritirati dal direttore sportivo della Dimension Data Daniele Nieri.

GLI ALTRI PREMIATI: Per gli esordienti Cipollini, Franchi, Lorello, Alberti, Bartolini, Del Medico, Lastri; tra le femmine Tasciotti, Barra, Santini e Kabetaj. Gli allievi Bozicevich, Conforti, Djordjevic, Russo, Lapo Gavilli, Crescioli, Ferri; le allieve Paccalini, Semoli, Fedeli, Cristofani, Giannotti, Oggero. Quindi i premi Renato Pardini (alla memoria) ritirato dai figli Maria e Fabrizio, al G.C. Buffoni, al Gruppo Motociclisti Apuani. Per il settore paralimpico, Pusateri, Cavallini, Nari, Mottola, Caselli, Valori, Ferrali, Cresti Jazic; per la disabilità intellettiva Fini e Semplici. Per la categoria juniores Crescioli, Venturini, Magli, Cecchi, Ercolani, Casini; per le donne junior Realini e Scarselli, per gli Elite-Under 23 Marchesini, Benedetti, Stojnic, Mensi, Carozzo, Trabalza, Benassi, Di Peppo; per le Donne Elite, Gaddoni, Nisi, Cipriani e Folloni. Premi speciali alla carriera per i professionisti toscani che hanno cessato l’attività con la fine della stagione 2019, Daniele Bennati, Rinaldo Nocentini, Manuele Mori; per la comunicazione a Riccardo Magrini opinionista di Eurosport e per Saverio Carmagnini da 46 anni organizzatore del Premio Giglio D’Oro. Riconoscimenti speciali ai campioni italiani Giorgio Coli e Beatrice Bertolini, alla Mastromarco Sensi Nibali ed al Team Franco Ballerini Due C, protagoniste nelle cronosquadre a livello nazionale e regionale. Infine il Trofeo Pista con le società Stabbia Dover, Fosco Bessi, Work Service Romagnano, Big Hunter Seanese nella categoria juniores; Pol. Milleluci, Iperfinish, Donoratico Carli per gli allievi; Fosco Bessi, Olimpia Valdarnese e Campi Bisenzio per gli esordienti. Una passerella di un’ora e mezzo per mettere in mostra quello che la Toscana ha conseguito a livello di risultati e non solo durante il 2019.

ANTONIO MANNORI

NELLE FOTO (di Roberto Fruzzetti) l’iridato Antonio Tiberi mentre consegna la maglia iridata al presidente Bacci e la premiazione di Riccardo Magrini.

CICLOCROSS – CAMPIONATO TOSCANO

IN 168 ALLA “CLASSICA DEGLI OLIVI” A PIEVE A PRESCIANO. VINCONO TRABALZA, BERTINI, FERRI, PAVI DEGL’INNOCENTI

PIEVE A PRESCIANO(AR).- Su di un percorso tecnico, impegnativo e spettacolare, si è svolta nel giorno dell’otto dicembre la tradizionale “Classica degli Olivi” a Pieve a Presciano in provincia di Arezzo, quest’anno valida come prova di Campionato Regionale. Ben 168 i concorrenti alla manifestazione articolata su 4 partenze.  La prima gara ha visto la brillante affermazione dello juniores Gabriele Bertini dell’Olimpia Valdarnese che ha conquistato con il successo anche il titolo regionale. La seconda partenza con Elite e Under 23 e successo per Alessio Trabalza della Vallerbike che si è fregiato così del titolo toscano Elite, mentre grazie al quarto posto è stato Filippo Repeti a indossare la maglia di Campione Toscano Under 23. Avvincente la lotta per il successo assoluto nella terza gara con esordienti e allievi. Una sfida che ha visto prevalere alla fine l’aretino Tommaso Ferri dell’Olimpia Valdarnese nei confronti dell’umbro Scappini, mentre emozionante fino all’ultimo metro anche il duello negli esordienti con successo finale per Fabio Del Medico del Borgonuovo nei confronti di Bertini. L’ultima gara in programma quella dei giovanissimi G6 con successo assoluto del bravo Giulio Pavi Degl’Innocenti della San Miniato Ciclismo, mentre la prima tra le femmine è risultata Elisa Ferri  dell’Olimpia Valdarnese. Nel settore femminile i successi per Martina Cozzari (Elite-Under 23), Giorgia Simoni (Juniores) con titolo regionale per Asia Ranucci, Barbara Modesti (allieve 1° anno), Beatrice Margherita Oggero (allieve 2° anno) e di Nelia Kabetaj tra le esordienti. Hanno completato la manifestazione ottimamente organizzata dalla Società Sportiva Ponticino-Tecnicolor Vaio sotto la regìa di Franco e Fabio Forzini, un buon numero di cicloamatori. I titoli toscani per Trabalza, Repeti, Bertini, e per le donne Cozzari e Ranucci.

 

LE CLASSIFICHE

 

OPEN (Elite-Under 23): 1)Alessio Trabalza (Vallerbike) – Campione Toscano Elite -; 2)Gabriele Mario Di Mattia (Aran Cucine Vejus); 3)Alessandro Cresca (Cib Montanini Eco Futura); 4)Filippo Repeti (Sestese Etruria Amore& Vita) – Campione Toscano Under 23 – ; 5)Pietro Pavoni (Team Co.Bo Pavoni).

JUNIORES: 1)Gabriele Bertini (Olimpia Valdarnese) – Campione Toscano -; 2)Gabriele Torcianti (Bici Adventure); 3)Filippo Cecchi (Stabbia Ciclismo); 4)Damiano Olivieri (Race Mountain Folcarelli); 5)Gabriele Arzilli (Stabbia Ciclismo).

ALLIEVI (1° anno): 1)Samuele Scappini (Nestor Marsciano); 2)Alex Pelucchini (Avis Gualdo Tadino); 3)Niccolò Pieri (Olimpia Valdarnese); 4)Alessandro Failli (idem); 5)Alessio Giannelli (idem).

ALLIEVI (2° anno): 1)Tommaso Ferri (Olimpia Valdarnese); 2)Thomas Menicacci (Race Mountain Folcarelli); 3)Samuel Chiandussi (Doni 2004); 4)Tommaso Poli (Team Stradella); 5)Marco Serni (Donoratico Carli).

ESORDIENTI: 1)Fabio Del Medico (Borgonuovo); 2)Francesco Bertini (Olimpia Valdarnese); 3)Tommaso Francescangeli (Uc Petrignano); 4)Samuele Brunelli (Nestor Marsciano); 5)Giordano Gigli (TR2 Cycling).

OPEN DONNE (Elite-Under 23): 1)Martina Cozzari (Zhiraf Guerciotti) – Campionessa Toscana -.

DONNE JUNIOR: 1)Giorgia Simoni (Bici Adventure); 2)Asia Ranucci (Zhiraf Guerciotti) – Campionessa Toscana -; 3)Giada Zambonelli (idem); 4)Asia Mazzuola (Aromitalia Vaiano); 5)Ilenia Bigozzi (idem).

DONNE ALLIEVE (1° anno): 1)Barbara Modesti (Bici Adventure); 2)Caterina Senesi (Fosco Bessi); 3)Nicole Frugoli (idem).

DONNE ALLIEVE (2° anno): 1)Beatrice Margherita Oggero (Elba Bike); 2)Melissa Luaretti (Team Di Federico Blue); 3)Serena Semoli (Olimpia Valdarnese).

DONNE ESORDIENTI: 1)Nelia Kabetaj (Borgonuovo); 2)Giulia Cozzari (Uc Petrignano); 3)Elisa Brozzi (Nestor Marsciano).

CATEGORIA ID: 1)Daniele Peschi (TRZ Cycling).

GIOVANISSIMI (G6): 1)Giulio Pavi Degl’Innocenti (S.Miniato Ciclismo); 2)Mattia Gagliardoni Proietti (Racin Assisi Bastia); 3)Nicolò Grini (Bici Adventure); 4)Marco Pretrolati (Piesse Cycling); 5)Francesco Cornacchini (Nestro Marsciano)

GIOVANISSIMI (G6 femmine): 1)Elisa Ferri (Olimpia Valdarnese); 2)Alice Pascucci (Bici Adventure); 3)Vittoria Cappellini (S.Miniato Ciclismo); 4)Angelica Coluccini (Donoratico Carli); 5)Emma Franceschini (Costa Etrusca).

AMATORI: Hanno vinto Andrea Tudico (Elite Master Sport); Leonardo Chieruzzi (M1), Mirko Marini (M2), Mirco Balducci (M3), Leonardo Miniati (M4), Paolo Innocenzi (M5), Gino Del Corso (M6), Marco Valentini (M7), Massimo Burzi (M8), Sara Mozzorana (EWS Donne), Marie Francioise Aline Parsy (W1), Carmelina Esposito (Roma Ciclismo).

ANTONIO MANNORI

 

INCONTRO DEL CICLISMO TOSCANO CON LA REGIONE

Rapporti e prospettive future – Il tema degli impianti, della sicurezza e della formazione al centro dell’incontro

FIRENZE.- Si è tenuto IL 15.10 presso la sede del CONI Regionale a Firenze, l’incontro tra gli esponenti del Comitato Regionale Toscano ed i rappresentanti della Regione Toscana. Per il ciclismo il presidente regionale Giacomo Bacci ed il vice Giancarlo Del Balio, i presidenti dei Comitati Provinciali, i responsabili delle Commissioni e di alcune società. Per la Regione Toscana, la vice presidente e assessore allo sport Stefania Saccardi, con il responsabile dell’Osservatorio Regionale per lo sport dott. Riccardo Burresi. Tema dell’incontro, i rapporti di collaborazione tra l’Assessorato Regionale allo sport e le federazioni sportive. I saluti di rito hanno introdotto la riunione apertasi con l’intervento del dott. Burresi che ha parlato del ruolo del ciclismo nel panorama sportivo regionale sottolineando come esso sia ai primi posti per numero di società e di manifestazioni organizzate, e indietro invece rispetto ad altri sport per numero di tesserati. Il dott. Burresi ha poi parlato sui possibili interventi della Regione per finanziare progetti relativi all’impiantistica, che sta particolarmente a cuore a chi va in bici, e per sostenere con contributi manifestazioni di una certa rilevanza, soprattutto se promozionali. Capitolo a parte anche per i progetti formativi per i quali la Regione Toscana ha un occhio di riguardo. Nel dibattito che si è sviluppato è emersa in quasi tutti gli interventi, la preoccupazione delle società, dei loro dirigenti e allenatori e naturalmente in primis quella dei genitori, nel portare sulla strada i ragazzi per gli allenamenti quotidiani, e dunque la necessità inderogabile di avere impianti per avviare al ciclismo i giovanissimi. Si è insistito anche sulla la necessità di uniformare a livello regionale i regolamenti per la sicurezza in occasione dello svolgimento di gare, altra sostanziale difficoltà e non solo finanziaria per chi organizza, ed è stata toccata anche la questione relativa all’utilizzo del Velodromo Enzo Sacchi nel Parco delle Cascine a Firenze e alle condizioni attuali in cui versa l’impianto.

L’assessore Stefania Saccardi ha affermato al termine dell’incontro di aver preso buona nota di quanto ascoltato, garantendo il proprio impegno nei confronti dello sport del ciclismo, che gode ancora di tanta popolarità ed interesse in Toscana. Un incontro dunque estremamente positivo, anche perché sono stati toccati e trattati temi realmente rilevanti come quelli degli impianti sportivi, della sicurezza e della formazione.

ELITE UNDER 23 – 67° COPPA DEL MOBILIO PONSACCO

AI TOSCANI FRISCIA E MOLINI LA COPPA MOBILIO

Lo sprint di Lorenzo Friscia (prima vittoria quest’anno per l’atleta di Castelfiorentino) al termine della velocissima prova in linea del mattino su di un gruppo di 20 corridori, e la vittoria del pistoiese di Pescia Federico Molini nella cronometro pomeridiana, la cui classifica è anche quella finale della speciale combinata, nella 67^ Coppa Mobilio a Ponsacco, classica di chiusura della stagione 2019 in Toscana. Erano 16 anni (l’ultimo vincitore fu il pisano di Molino d’Egola Manuele Mori) che un atleta toscano non vinceva la combinata. Nella prova in linea (71 partenti di 13 società), dopo un paio di fughe senza successo, la prima di dieci corridori iniziata al Km 28 e conclusa dopo 70 Km sulla salita di Peccioli dopo un vantaggio massimo di un minuto e dieci, la seconda a 20 Km dal traguardo e annullata all’ultimo chilometro, si registrava lo sprint poderoso di Friscia su Iacchi e il russo Bykanov. E qui una curiosità. L’ultimo atleta toscano verace a imporsi nella frazione in linea, era stato nel 2012 Alberto Bettiol che come il vincitore abita a Castelfiorentino. Da segnalare che nei primi 15, quelli che avevano diritto a prendere parte alla crono del pomeriggio, ben 4 atleti della Gragnano Sporting Club e 4 della Mastromrco Sensi Nibali. Proprio quest’ultimo team ha realizzato una splendida doppietta con il successo di Molini e il secondo posto di Ferri, mentre terzo è stato il bravo Frignani. Hanno deluso le attese nella prova contro il tempo lo slovacco Stocek e Fiorelli che era arrivato quinto nel 2018, mentre il velocista Edoardo Sali ha rinunciato alla crono. Per Molini prima vittoria della stagione a chiudere un’annata sicuramente positiva e brillante per la squadra di Mastromarco diretta da Gabriele Balducci.

ORDINE DI ARRIVO (gara in linea): 1)Lorenzo Friscia (Gragnano Sporting Club) Km 125,4, in 2h40’15”, media Km 46,952; 2)Alessandro Iacchi (Team Franco Ballerini); 3)Victor Bykanov (Team Cinelli); 4)Thomas Pesenti (Beltrami TSA Hoppà Petroli Firenze); 5)Matus Stocek (Idem); 6)Tommaso Nencini (Mastromarco Sensi Nibali); 7)Edoardo Sali (Gallina Colosio Eurofeed); 8)Niccolò Ferri (Mastromarco Sensi Nibali); 9)Diego Frignani (Gragnano Sporting Club); 10)Federico Molini (Mastromarco Sensi Nibali); 11)Marouan; 12)Fiorelli; 13)Carollo; 14)Magli); 15)Camargo.

ORDINE DI ARRIVO (crono e Classifica combinata Coppa Mobilio); 1)Federico Molini (Mastromarco Sensi Nibali) Km 33, in 42’04, media Km 47,064; 2)Niccolò Ferri (idem) a 1’20”; 3)Diego Frignani (Gragnano Sporting Club) a 1’32”; 4)Alessandro Iacchi (Team Franco Ballerini) a 2’02”; 5)Victor Bykanov (Team Cinelli) a 2’05”; 6)Matus Stocek )Beltrami TSA Hopplà Petroli Firenze) a 2’29”; 7)Filippo Magli (Mastromarco Sensi Nibali) a 2’46”; 8)Hernandez Camargo (Uc Pistoiese) a 2’47”; 9)Tommaso Nencini (Mastromarco Sensi Nibali) a 3’20”, 10)Omar Marouan (Team Franco Ballerini) a 3’25”.

ANTONIO MANNORI

ELITE UNDER 23 – GRAN PREMIO EZIO DEL ROSSO

MATTIA BAIS SU ALEOTTI NEL G.P. EZIO DEL ROSSO. DOPO LA VITTORIA HA PORTATO I FIORI SULLA TOMBA DI GIOVANNI IANNELLI

MONTECATINI TERME.- Il  Gran Premio Ezio Del Rosso resta una delle corse più belle della stagione e ad aggiudicarselo è stato il Cycling Team Friuli per merito degli scatenati Mattia Bais e Aleotti autori di un finale di gara magnifico. L’arrivo è stato in parata, senza volata e Bais che non aveva ancora vinto nella stagione (per il ventitreenne atleta che compirà gli anni sabato prossimo c’erano stati tre secondi) ha tagliato per primo la fettuccia di arrivo sul bravissimo compagno di squadra, conquistando un successo che vale una stagione. Dietro a oltre un minuto un quartetto che il toscano Ferri ha regolato per la medaglia di bronzo e che comprendeva anche gli attesi Corradini e Buitrago. Proprio il colombiano del Team Cinelli sulla salita verso Goraiolo ha acceso le polveri provocando la reazione di Bais e Aleotti. Ed è stato il vincitore della corsa ad iniziare lo spettacolare volo lungo le strade della Valdinievole, prima di essere ripreso dallo scatenato compagno di squadra Aleotti. Formato il tandem i due corridori in casacca grigio-nera hanno offerto un autentico spettacolo in pianura come sulla salita di Vico al quinto ed ultimo passaggio, per poi raggiungere il Viale Verdi per l’apoteosi finale. Una grande prova la dimostrazione di essere i più forti in senso assoluto. Dietro hanno cercato di reagire e replicare, ma al quartetto non è rimasto che pensare ai piazzamenti visto che la coppia di testa era imprendibile. Positive comunque le prove di Ferri, Corradini, Buitrago e Barison. All’edizione 2019 del Gran Premio Del Rosso-Trofeo CST Tires 126 corridori dei 145 iscritti e solo 16 gli arrivati. Sul palco di arrivo a complimentarsi con i protagonisti della corsa e con gli organizzatori del G.S. Le Casette, il sindaco di Montecatini Terme, Luca Baroncini.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Mattia Bais (Cycling Team Friuli) Km 179, in 4h12’28”, media Km 42,540; 2)Giovanni Aleotti (idem); 3)Niccolò Ferri (Mastromarco Sensi Nibali TLC) a 1’21”; 4)Michele Corradini (Team Fortebraccio); 5)Santiago Sanchez Buitrago (Team Cinelli); 6)Emanuele Barison (Work Service F.Coppi Gazzera) a 1’24”; 7)Yaroslav Parashchak (Team Fortebraccio) a 1’35”; 8)Manuel Pesci (Team Malmantile); 9)Emanuele Favero (Northwave Cofiloc); 10)Francesco Di Felice (General Store Essegibi) a 1’55”.

BEL GESTO DI MATTIA BAIS PER GIOVANNI IANNELLI

PRATO.- Un gesto meraviglioso a insaputa di tutti, quello che ha compiuto domenica il ventitreenne trentino di Nogaredo, Mattia Bais, dilettante èlite del Cycling Team Friuli, dopo la vittoria nel Gran Premio Ezio Del Rosso a Montecatini Terme. Bais dopo la premiazione nel viaggio di ritorno verso casa, ha deciso di fermarsi qualche minuto presso il cimitero della Misericordia di via Galcianese a Prato, per far visita alla tomba dove riposa Giovanni Iannelli, l’atleta pratese morto a seguito della terribile caduta nella gara in provincia di Alessandria il 5 ottobre scorso, e con il quale ha gareggiato in tante competizioni. Lo ha fatto per portare sulla tomba di Giovanni, il mazzo di fiori quale vincitore della classica di Montecatini Terme. Un gesto meraviglioso che gli fa onore e che ha commosso i genitori di Giovanni, Carlo e Anna Maria, che hanno trovato quel mazzo di fiori quando si sono recati al cimitero e senza che sapessero nulla di tutto questo.

 

 

IN RICORDO DI GIOVANNI IANNELLI

L’ABBRACCIO IMMENSO A GIOVANNI. Tantissima folla ai funerali del giovane atleta.

PRATO.- Una folla immensa, ha tributato l’ultimo commosso saluto a Giovanni Iannelli, il giovane atleta pratese del ciclismo morto a seguito della terribile caduta in volata, una settimana fa nella gara in provincia di Alessandria. Dolore struggente e commozione in tutti i presenti, amici, conoscenti, autorità, nella cattedrale di Santo Stefano dove si sono svolte le esequie celebrate dal vescovo di Prato, Mons. Giovanni Nerbini. Un cordoglio unanime e tutti hanno speso belle parole per Giovanni, un giovane che sapeva cogliere gli aspetti belli dello sport e della vita, i valori, non solo la competizione. Impossibile ricordare tutti i personaggi presenti. Per il Comune di Prato il sindaco Matteo Biffoni e l’assessore allo sport Luca Vannucci, per la Federazione Ciclistica Italiana il presidente Renato Di Rocco, il consigliere nazionale Maurizio Ciucci, il coordinatore delle squadre nazionali azzurre Davide Cassani, Anna Fantato, sindaco di Molino dei Torti, la località del tragico incidente, con un rappresentante della Regione Piemonte  e dell’organizzazione della corsa. “Dall’età di 15 anni vado anch’io in bici – ha detto Cassani – nella mia carriera di incidenti ne ho visti tanti. Il papà di Giovanni mi ha chiesto di fare qualcosa perché questi incidenti non si abbiano a ripetere. E’ un impegno di tutti, nessuno si può tirare indietro, la sicurezza è un obbligo oltreché un dovere morale”. C’era anche il c.t. degli juniores Rino De Candido, il presidente del Comitato Toscano di ciclismo Giacomo Bacci, i componenti del Comitato Regionale ed i responsabili delle diverse Commissioni, i rappresentanti dei Comitati Provinciali ad iniziare da quello di Prato. Tra gli ex campioni Andrea Tafi e Massimiliano Mori, tanti atleti in attività ad iniziare dai compagni di squadra di Giovanni nella Hato Green Tea Beer Cipriani e Gestri rappresentata al gran completo con il presidente Edoardo Zanobetti e lo staff tecnico. “Giovanni – hanno detto il presidente ed il vice Giancarlo Razzoli – era un ragazzo stupendo, che sapeva fare gruppo, dare morale ai compagni. Per la nostra società dopo 61 anni di attività non sarà più come prima”. In Piazza del Duomo le ammiraglie, della società di San Giusto che seguivano la squadra. Numerose le società pratesi e toscane rappresentate dai corridori, da direttori sportivi e dirigenti. C’erano anche Ivano Fanini, noto sponsor storico del ciclismo professionisti, Adriano Benigni, ex assessore del Comune di Prato che fu presidente della Ciclistica Pratese 1927 quando Giovanni indossava quella maglia, per il Coni il delegato provinciale Massimo Taiti, direttori di corsa, addetti tecnici e operatori. All’uscita dalla chiesa un lunghissimo applauso, ed un paio di boati all’indirizzo di Giovanni prima dell’ultimo viaggio verso il cimitero della Misericordia di Prato.

ANTONIO MANNORI

JUNIORES – 69° TROFEO FESTA PATRONALE CASTIGLION FIBOCCHI

PICCOLO RULLO COMPRESSORE A CASTIGLION FIBOCCHI

CASTIGLION FIBOCCHI(AR).- Non abbiamo ricordi precedenti almeno nelle gare svoltesi in Italia, di un distacco così pesante inflitto dal vincitore di una gara juniores al secondo classificato. E’ successo nel 69° Trofeo Festa Patronale-Trofeo Fosco Frasconi, ultima gara della stagione in Toscana, organizzato dal G.S. Fausto Coppi di Laterina a Castiglion Fibocchi. Il meraviglioso vincitore della gara, Andrea Piccolo, Campione Europeo e Italiano a cronometro si è presentato da solo sul traguardo dopo tanti chilometri di fuga. Per attendere il secondo classificato, anch’egli del Team LVF anche se affiliato nelle Marche, il campione italiano in linea Gianmarco Garofoli si è dovuto attendere ben 7 minuti e 35 secondi. Gara dominata in lungo e largo da Piccolo alla sua tredicesima vittoria stagionale.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Andrea Piccolo (Team LVF) Km 113,400, in 2h40’26”, media Km 42,410; 2)Gianmarco Garofoli (Team LVF Marche) a 7’35”; 3)David Sebastin Kajamini (Angelo Gomme Villadose); 4)Emanuele Boselli (idem); 5)Alessandro Verre (CPS Professionale Team); 6)Giosuè Crescioli (Pitti Shoes Cicli Taddei); 7)Matteo Regnanti (Stabbia Ciclismo); 8)Lorenzo Peschi (Big Hunter Beltrami TSA Seanese) a 7’53”; 9)Alessio Nieri (idem) a 8’24”; 10)Alessandro Cuccagna (Tam Fortebraccio) a 9’42”: Iscritti 70, partenti 46 arrivati 15.

                               

ALLIEVI – MEMORIAL PIERO FORCONI

GRANDE FINALE DI SAVINO PRIMO A MERCATALE VAL DI PESA

MERCATALE VAL DI PESA(FI).- La terza edizione del Memorial Piero Forconi con 99 corridori al via, compreso il campione italiano su pista e vincitore di nove gare su strada Lorenzo Ursella, quello toscano della crono della montagna Riccardo Djordjevic e l’atleta di casa Mattia Piccini, tutte premiati dagli organizzatori in POiazza Vittorio veneto prima del via, ha concluso a Mercatale Val di Pesa, la stagione allievi in Toscana. A vincere l’ultima gara del 2019 il forte quindicenne pisano Federico Savino della Coltano Grube, autore di un finale di gara esaltante lungo la salita di Luiano in compagnia di Sergiampietri e Djordjevic. I tre piombavano sul quintetto al comando all’ultimo chilometro, e in volata era l’atleta di Migliarino Pisano al quinto successo stagionale ad imporsi. Una splendida gara, e un vincitore brillante, per la soddisfazione degli “Amici di Piero”, di Leonardo e Lorella Forconi, della Casa del Popolo di Mercatale, quartier generale della gara.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Federico Savino (Coltano Grube) Km 72, in 1h51’26”, media Km 38,768; 2)Matteo Baldacci (Iperfinish Alpa); 3)Edoardo Buriani (Team Fortebraccio); 4)Lorenzo Boschi (Pol. Milleluci); 5)Andrea Sergiampietri (Team Stradella); 6)Riccardo Djordjevic (Aquila); 7)Riccardo Ricci (Team Fortebraccio; 8)Andrea Bettarello (Borgo Molino Rinascita Ormelle); 9)Vincenzo Russo (Pol. Milleluci) a 4”; 10)Francesco Martorana (Club Ciclo Appenninico 1907).

ANTONIO MANNORI

       

JUNIORES – GIRO DELLE VALLI ARETINE

IL GIRO VALLI ARETINE A KAJAMINI SU TIBERI E VERRE

RIGUTINO(AR).- Un terzetto di lusso a contendersi il successo nel Giro Valli Aretine – 14° Trofeo Butintoro per juniores a Rigutino alle porte di Arezzo. Una splendida gara per qualità dei suoi partecipanti, con il Campione del Mondo della crono Antonio Tiberi e quello italiano in linea Gianmarco Garofoli che per la cronaca hanno onorato fino in fondo la gara con una belle prestazione. Ha vinto però in volata (uno sprint a tre) un altro bravissimo atleta David Sebastian Kajamini proprio sull’iridato Tiberi, mentre terzo si è classificato il lucano Verre che vanta ben una dozzina di vittorie nel corso della stagione 2019. Il quarto posto di Rosignoli compagno di squadra del brillante vincitore della gara aretina, ed il quinto del tricolore Garofoli, hanno completato un ordine di arrivo nobile e di rara bellezza con protagonisti ammirati nel corso della stagione che sta per finire. Gara lunga e non facile quella di Rigutino che Soldani, Rosini, Cecconi e gli altri hanno organizzato con la proverbiale passione con 106 partenti dei 149 iscritti. E’ stato anche un finale emozionante con i tre che sono riusciti a raggiungere il traguardo con pochissimi secondi su Rosignoli e Garofoli, mentre più staccati gli altri. In volata nulla da fare per l’iridato Tiberi contro lo spunto di Kajamini in grandi condizioni di forma come aveva dimostrato la domenica precedente sempre in Toscana vincendo la di Castelfiorentino. ORDINE DI ARRIVO: 1)David Sebastian Kajamini (Angelo Gomme Villadose) Km 135,7, in 3h15’09”, alla media di Km 41,722; 2)Antonio Tiberi (Team Franco Ballerini Due C); 3)Alessandro Verre (CPS Professional Team); 4)Giacomo Rosignoli(Angelo Gomme Villadose) a 6”; 5)Gianmarco Garofoli (Team LVF Marche) a 9”; 6)Tommaso Dati (Stabbia Dover) a 23”; 7)Michele Malavolta (Sidermec F.lli Vitali) a 1’05”; 8)Emanuele Galli (Team Franco Ballerini Due C); 9)Tommaso Bazzica (Uc Foligno) a 1’10”; 10)Giosuè Crescioli (Pitti Shoes Cicli Taddei) a 1’35”.

ANTONIO MANNORI

CAMPIONATI DEL MONDO JUNIORES A CRONOMETRO – ANTONIO TIBERI IRIDATO

Antonio Tiberi conquista il Titolo Mondiale nella prova a Cronometro Juniores. Ai Campionati del Mondo su Strada nello Yorkshire in Gran Bretagna ha conquistato il Titolo Mondiale nella Prova a Cronometro Categoria Juniores con 7” sull’olandese Leijnse e 12” sul tedesco Brenner.

Partenza sfortunata. Subito dopo il via Antonio ha dovuto cambiare la bicicletta per un problema meccanico perdendo secondi preziosi. Ha però mantenuto la calma e la concentrazione che gli ha permesso di recuperare e vincere.

Antonio Tiberi è nato in un piccolo paese alle porte di Roma ma è venuto a correre presto in Toscana dove è cresciuto prima nell’Olimpia Valdarnese poi nel Team Ballerini.

 

 

JUNIORES – TROFEO COMUNE DI CASTELFIORENTINO

KAJAMINI VINCE A CASTELFIORENTINO SU VERRE E ROSIGNOLI

CASTELFIORENTINO- Tre grandi protragonisti della corsa si sono contesi il successo sul traguardo di via Masini nella quinta edizione del Trofeo Comune di Castelfiorentino-Coppa Banca di Cambiano. Ha vinto David Sebastian Kajamini della Angelo Gomme Villadose che ha avuto la meglio nei confronti del bravissimo lucano Verre (martedì scorso a Rignano sull’Arno aveva vinto l’undicesima gara del 2019) e del compagno di squadra Rosignoli. I tre hanno dato vita infatti a una bella fuga sulla salita di Castelnuovo Elsa asperità posta dagli organizzatori al centro del circuito di 23 chilometri da ripetere cinque volte. Due atleti della stessa squadra, Kajamini e Rosignoli e l’ottimo Verre hanno avuto ragione di ogni avversario e vano è risultato nel finale l’inseguimento inscenato alle spalle dal livornese Butteroni, dal veneto Alessio e da Crescioli, giunti a un minuto e venti di ritardo. Il via alla gara (121 partenti) è stato dato dall’ex campione di ciclismo Franco Bitossi.

ORDINE DI ARRIVO: 1)David Sebastian Kajamini (Angelo Gomme Villadose) Km 115, in 2h58’, media Km 38,764; 2)Alessandro Verre (CPS Professional Team); 3)Giacomo Rosignoli (Angelo Gomme Villadose) a 9”; 4)Gregorio Butteroni (Team Franco Ballerini Due C) a 1’20”; 5)Elia Alessio (Uc Giorgione); 6)Giosuè Crescioli (POitti Shoes Taddei); 7)Davide Pinardi (Italia Nuova) a 1’32”; 8)Matteo Regnanti (Stabbia Dover); 9)Alessio Nieri (Big Hunter Beltrami Seanese); 10)Tommaso Dati (Stabbia Dover).

ANTONIO MANNORI

JUNIORES – 21° TROFEO COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO RIGNANO

ANCORA UN ACUTO DI VERRE – UNDICESIMA VITTORIA A RIGNANO

RIGNANO SULL’ARNO(FI).- Un’altra splendida prodezza da parte di Alessandro Verre, il diciottenne juniores lucano del CPS Professional Team, sulle strade della Toscana non distante da Donnini di Reggello dove si era affermato una quindicina di giorni fa. Per Verre la vittoria n.11 di un’esaltante annata, a seguito della quale i suoi dirigenti, tifosi e sportivi, e naturalmente anche Alessandro, speravano in una convocazione per il mondiale che non c’è stata. La vittoria di Verre a Rignano sull’Arno nel XXI° Trofeo Commercio Industria Artigianato, una bella gara che ogni anno di questi tempi riesce sempre ad avere un notevole numero di corridori, questa volta 136 al via di ben 189 iscritti. Il successo di Verre con un attacco sul terreno preferito, la salita, quella dura e impegnativa del Bombone-Le Corti. Il vantaggio raggiunto è stato poi difeso in maniera splendida da Verre nei rimanenti chilometri e sul traguardo di Rignano ha potuto contare ancora su 8” rispetto al gruppo inseguitore regolato per il secondo posto da Crescioli su Balestra.  Se questo è stato in sintesi il finale della gara organizzata dalla Cipriani&Gestri di San Giusto di Prato e dal Comitato locale capitanato dall’appassionato Davide Bettini (ultima prova del Memorial Ademaro Campaioli) da ricordare una lunga fuga protagonisti durante i 10 giri ondulati della corsa, Cao, Galli, Cattelan raggiunti prima dell’inizio della salita dal gruppo sul quale hanno avuto un vantaggio massimo di 1’15”. Prima della partenza anche una premiazione speciale per il presidente di giuria il pisano di Fauglia Giovanni Guidi, alla sua ultima stagione avendo raggiunto il limite di età previsto per svolgere servizi. Una premio meritato accompagnato dagli applausi degli sportivi presenti alla manifestazione patrocinata dal Comune di Rignano sull’Arno.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Alessandro Verre (CPS Professional Team) Km 105, in 2h22’47”, media Km 44,123; 2)Giosuè Crescioli (Pitti Shoes Cicli Taddei) a 8”; 3)Lorenzo Balestra (Team Giorgi); 4)Davide De Pretto (Borgo Molino Rinascita Ormelle); 5)Federico Chiari (Team Giorgi); 6)Enrico Baglioni (Stabbia Ciclismo); 7)Matteo Freddi (Aspiratori Otelli); 8)Lorenzo Peschi (Big Hunter Seanese Beltrami); 9)Pietro Salvadori (Team Giorgi); 10)David Sebastian Kajamini (Angelo Gomme Villadose).

ANTONIO MANNORI